Martedì 22 Gennaio 2019 - 10:23

Campania: partecipate da 43 a 6. De Luca, stop rami secchi

NAPOLI. Da 43 a 6. è una riduzione drastica delle società partecipate della Regione Campania quella contenuta nel piano di semplificazione approvato dalla Giunta De Luca. "Basta con i rami secchi e le clientele", ha commentato il governatore campano Vincenzo De Luca, che parla di "svolta radicale". Il piano di riordino, approvato d'intesa con il commissario ad acta, comporterà un risparmi di spesa di 7 milioni di euro annui. A regime gli organici del nuovo assetto produrrà una riduzione di circa il 15% per del personale e un minore costo di circa 30 milioni rispetto ai dati del 2012. "Nell'ambito del programma legislativo nazionale - ha spiegato - abbiamo approvato il Piano di semplificazione delle Società Partecipate della Regione Campania. E' una svolta radicale dal punto di vista della razionalizzazione, della trasparenza gestionale e del risparmio". Saranno ridotti "drasticamente tutti i Consigli d'amministrazione". "Non avremo più rami morti o finte aziende da utilizzare per piazzare clienti - ha precisato - Saranno tutelati tutti gli occupati, ma tutti dovranno impegnarsi a fondo in una attività lavorativa vera". In sintesi il piano prevede un Dipartimento Programmazione e sviluppo economico, attraverso il quale Si mantiene la partecipazione di due società: una "diretta" ("Sviluppo Campania spa"), e una indiretta ("Società Attuazione Piano Stabilizzazione srl"). Ancora: il Dipartimento Salute e risorse naturali con il quale saranno mantenute la "So.Re.Sa. spa", e la società nascente dalla fusione di "Sma Campania spa" e "CampaniaAmbiente Servizi spa". Ci sarà anche il Dipartimento Politiche Territoriali con due società dirette: la "EAV srl" e la "AIR spa". Infine è previsto un Dipartimento Istruzione, ricerca, lavoro, politiche culturali e sociali. Mentre il mantenimento della società diretta "Scabec spa" sarà valutato al termine della convenzione con i titolari della minoranza della partecipazione.

Primo giorno di scuola per la bimba malata di Aids

CASERTA. Primo giorno di scuola per la bambina di 11 anni malata di Aids la cui iscrizione era stata rifiutata a inizio settembre. Francesca, nome di fantasia, è entrata in classe questa mattina nella scuola San Giovanni Bosco di Trentola Ducenta (Caserta). Sul suo caso, emerso a seguito della pubblicazione sul quotidiano "Avvenire" di una lettera dei genitori affidatari, è intervenuto nei giorni scorsi il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini, che ha assicurato il rientro a scuola della bambina proprio questa mattina. Nella lettera, i genitori indicavano nella malattia della bimba la ragione per cui l'istituto scolastico aveva rifiutato l'iscrizione.

Appalto Asl, la Filcams Cgil denuncia: «Un’operaia è morta per la tensione»

Caserta. (Teresa Gentile). “Se non sarò riassunta, come riuscirò a garantire gli studi ai miei figli contando solo sullo stipendio da precario di netturbino di mio marito?”: queste le ultime parole che Antonella Fatone ha reso al suo caposquadra venerdì scorso, prima di terminare il suo turno in ospedale per poi tornare a casa. Una casa dove la giovane di 36 anni di Piedimonte Matese ha trovato la morte stroncata da un malore. Antonella Fatone, mamma di due adolescenti, era una delle 400 maestranze che aveva ricevuto la lettera di licenziamento dalla società uscente addetta alle pulizie degli ospedali e dei distretti sanitari della Asl casertana, per cedere il posto alla subentrante Ati aggiudicataria dell’appalto che ha fatto insorgere sindacati e lavoratori. Non sapremo se il cuore di Antonella abbia cessato  perché non sia riuscita a reggere la forte preoccupazione di ritrovarsi senza più quel contratto di 4 ore al giorno, che le garantiva di contribuire all’economia della famiglia. Sappiamo, però, che Antonella era in prefettura lunedì scorso, unitamente ai suoi compagni di lavoro dell’ospedale di Piedimonte a protestare contro la decisione della CM service di tagliare il 50% del personale, dopo essersi aggiudicata un appalto con un ribasso del 40%. Una storia sconcertante che continua a passare inosservata agli occhi della istituzioni (Anac compresa, a cui i sindacati si sono rivolti) e allo stesso commissario Gaetano Danzi a cui l’avvocato Abbamonte, in nome e per conto dei lavoratori, ha inviato formale diffida ad annullare l’aggiudicazione per presunti profili di illegittimità complessivi. Ma dagli uffici di Danzi tutto tace. L’unica concessione per i lavoratori, in sede di tavolo prefettizio, è stata la proroga di un mese per il subentro della nuova associazione di imprese. Ma i sindacati non mollano: rinviato ancora una volta l’incontro che la stessa CM service aveva fissato per il passaggio di cantiere che si sarebbe dovuto tenere il prossimo 3 novembre. Restano confermati, invece, i due giorni di sciopero previsti per il 4 e 5 novembre, indetto dalle organizzazioni sindacali di categoria che, al tempo stesso, in ottemperanza alla legge, garantiranno i i servizi minimi essenziali. Una protesta che, con lo scorrere dei giorni, tende sempre più ad inasprirsi, sotto agli occhi indifferenti di una classe di consiglieri regionali del territorio troppo distratti e inadeguati al ruolo che l’elettorato ha loro conferito. Dalla politica tutto tace, e il dubbio che il licenziamento di 200 lavoratori faccia gola per piazzare qualche ‘prediletto’ diventa sempre più insistente. Ed intanto, nelle prossime ore non è escluso un esposto alla Procura della Repubblica. Qui Caserta, terra di nessuno. 

Crolla impalcatura, morti due operai

CASERTA. Due operai sono morti in un incidente sul lavoro a Piedimonte Matese, in provincia di Caserta. Gli operai sarebbero precipitati da un ponteggio in fase di allestimento sulla facciata di una chiesa, che è crollato. Sul posto sono presenti i Carabinieri e il pm della procura di Santa Maria Capua Vetere. I due operai che hanno perso la vita sono Antonio Atzeri di 56 anni di Casoria e Tammaro Albino di 67 anni di San Potito Sannitico.

Mangia al ristorante, muore bimbo di 7 anni

SALERNO. Sono tre gli scritti nel registro degli indagati dalla Procura di Salerno che sta indagando sulla morte di un bimbo inglese di 7 anni , deceduto venerdì in ospedale, dove era ricoverato a causa di un malore, dopo aver mangiato con i genitori in un ristorante sulla Costiera Amalfitana. Gli indagati, la cui iscrizione nel registro era un atto dovuto, sono il titolare del ristorante, il responsabile di sala e il cuoco. Il piccolo avrebbe avuto una forte intolleranza ai latticini. Per questo i genitori avrebbero chiesto per lui soltanto una pasta al pomodoro. Sulla vicenda però sono ancora in pieno sviluppo le indagini, condotte dai carabinieri del Nas di Salerno. L'autopsia sul corpo del bimbo intanto dovrebbe svolgersi all'inizio della prossima settimana.

Commissione ecomafie, interpellanza su depuratori Campania

Commissione ecomafie, interpellanza su depuratori Campania. «Il governo s'impegni affinchè sia garantito l'adeguamento degli impianti di depurazione e trattamento delle acque reflue al fine di preservare gli ecosistemi ed i litorali settentrionali della Campania, ed in particolar modo quello flegreo e quello domitio. Un problema che, alla luce della dimensione e della complessità dell’impiantistica, non può e non deve ricadere esclusivamente sugli enti locali». È quanto si legge in un'interpellanza al governo presentata dal Presidente della Commissione Ecomafie Alessandro Bratti e dalla componente della medesima Commissione, Michela Rostan (nella foto). «Enti locali – prosegue l'atto parlamentare - che difficilmente potranno provvedere in proprio ed in tempi ragionevolmente brevi ad adeguare i collettori ed i depuratori ripristinandone un pieno e regolare funzionamento. In Campania – si fa notare nell'interpellanza - nell’area oggetto di interesse insistono circa 80 Comuni per i quali sono operativi i 5 depuratori di Marcianise, Villa Literno, Orta di Atella, Cuma e Acerra. Tali impianti raccolgono le acque reflue provenienti dai Comuni del casertano, del napoletano, ma anche di altre zone della regione. Insistono su quest'impiantistica anche tutti gli agglomerati urbani dell’area flegrea e del litorale domitio, zone ad altissima vocazione turistico-balneare che, nei decenni addietro, sono state di fatto deturpate ed abbandonate nel più totale degrado e sottosviluppo». «Proprio in merito all’area flegrea ed al litorale domitio – hanno sottolineato Bratti e Rostan - la causa dell’inquinamento è da riscontrarsi non solo nel noto fenomeno delle discariche abusive, ma anche nel cattivo funzionamento del complesso sistema fognario dei Regi Lagni ed in parte minoritaria del Volturno, che hanno provocato, negli anni, contaminazioni di carattere straordinario ed un inquinamento in mare, nei campi e nel sottosuolo di acque reflue e fanghi di entità incalcolabile». Nell'interpellanza al governo si legge ancora che «moltissimi sono ancora i Comuni che si trovano in condizioni precarie quanto al trattamento delle acque reflue; basti pensare, a titolo esemplificativo, che Torre del Greco, con oltre 100 mila abitanti, sversa direttamente in mare le proprie acque reflue. È dunque assolutamente necessario che i processi di gestione, adeguamento e rifunzionalizzazione degli impianti, oltre che il collettamento dei Comuni non ancora connessi alla rete fognaria, vengano ultimati in tempi ragionevolmente brevi per preservare gli ecosistemi e la salute pubblica».

Alla Maratona di New York le eccellenze di Terra di Lavoro

Caserta (teresa gentile). “Correremo a New York per la nostra terra, che non è solo Terra dei Fuochi ma terra di eccellenze”: questo il motto, e al tempo stesso l’imperativo categorico che i quattro atleti casertani si sono dati nel momento in cui decisero di partecipare alla maratona di New York del prossimo 1 novembre.  Capitanati dall' ingegner   Rosario Navas,  imprenditore   edile noto in provincia di Caserta, hanno spiccato il volo verso la Grande Mela già da qualche giorno, il dott. Angelo Aspromonte commercialista,  il maggiore dell Esercito dott. Giuseppe   Pontillo  e il dottor  Raffaele Lobello manager della Mister Holiday di Recale. Oltre alle motivazioni personali i 4 atleti hanno portato un messaggio sociale legato alla terra di origine e al dramma dell’avvelenamento dai rifiuti tossici: “La nostra terra può e deve salvarsi – commentano a margine dell’iniziativa mondiale i quattro podisti d’eccezione. Terra di grandi risorse, ineguagliabili in tutto il mondo. Con la fierezza nel cuore di chi ama profondamente questo territorio, correremo verso il traguardo immaginando il traguardo del riscatto per Caserta e per la Campania intera”. Messaggio condiviso anche dai compagni del team Born2run  del    pluricampione   olimpico Stefano Baldini che ha speso belle parole per la nostra terra e si è mostrato molto toccato dall'argomento. Ringraziamenti anche da parte di molti italiani presenti al coraggioso capitano Rosario Navas sempre sensibile alle campagne sociale, per aver portato fino a New York un momento di condivisione. 

Nuova allerta meteo, c'è anche la Campania

ROMA. "Proseguono gli effetti dell’annunciata perturbazione di origine atlantica che si proietta sulla penisola italiana e che, nella giornata di domani, si sposterà progressivamente dal nord verso il centro-sud. Ne scaturisce il persistere di spiccato maltempo dapprima sul Triveneto, in rapido trasferimento sulle regioni centrali e meridionali". Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile, d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso, quindi,un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quello diffuso ieri per Liguria, Toscana, Emilia-Romagna e Lazio. L’avviso prevede dal tardo pomeriggio di oggi, "precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sul Veneto. Dalle prime ore di domani si prevedono poi precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale su Umbria, Abruzzo e Molise, nonché precipitazioni da sparse a diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sulla Campania, in estensione a Sicilia, Basilicata, Calabria e Puglia". Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per oggi e domani criticità arancione per rischio idraulico e idrogeologico sui settori nord-occidentali della Toscana. Nella giornata di domani, inoltre, è stata valutata criticità arancione per rischio idrogeologico localizzato su gran parte della Campania e su tutto il territorio di Calabria, Basilicata, Puglia e Sicilia; criticità gialla, invece, su buona parte della Lombardia e dell’Appennino Emiliano, sul Veneto e sulla Liguria, sui restanti settori della Toscana e della Campania nonché su Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise.

Ecco il “piano” di De Luca per “risollevare” i trasporti

NAPOLI. Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, annuncia ''tabula rasa'' nel settore del trasporto pubblico locale e presenta il piano di rilancio di un comparto in ginocchio. Un sistema trasporti da ''terzo mondo'' e ''uno sforzo enorme'' per fare in modo che il servizio pubblico possa effettivamente essere un servizio e non un disservizio. Un piano che prevede un investimento complessivo di 600 milioni di euro, con l'acquisto di 340 autobus e 34 treni nuovi nell'arco di un anno. Di questi fondi, 540 saranno utilizzati per l'acquisto di materiale, 30 per incrementare il fondo regionale dei trasporti, gli altri 30 per l'introduzione di nuove tecnologie nel sistema. Previsto un programma di rinnovamento del parco autobus regionale con 97 pullman già acquistati per un totale di 23,5 milioni di fondi Pac e ministero dell'Ambiente; sono in via di acquisizione altre 250 vetture per le quali sono in arrivo 35 milioni di fondi statali e 30 di risorse comunitarie le cui gare saranno bandite nel 2016. Nell'arco di un anno, il piano, secondo quanto spiegato da De Luca, comincerà a dare i suoi frutti. I mezzi arriveranno per la prossima estate perché ''gli ordinativi sono già stati fatti e così diamo anche respiro alle imprese''. Perché ''uno dei danni che abbiamo subìto in questi cinque anni, oltre alla carenza del servizio, è stato il lavoro tolto alle aziende che costruiscono i mezzi''.  All'esame di palazzo Santa Lucia anche la tariffazione e i biglietti dopo la decisione della precedente Giunta di centrodestra di smantellare il sistema integrato precedente e prevedere l'introduzione di ticket singoli, diversificando l'offerta, ma creando confusione nei viaggiatori. Completamento della rete su ferro, chiudendo l'anello della metropolitana di Napoli verso l'aeroporto di Capodichino, e quella che collega le zone della provincia casertana, la realizzare della funicolare del Vesuvio, che si aggiunge a quella di Montevergine e alla funivia del monte Faito. 

Macerata Campania, lacrime dalla statua della Madonna?

MACERATA CAMPANIA. Piange la madonnina di Macerata Campania.  Ai microfoni di Radio Punto Zero nel programma "Ci Metto la Voce" condotto da Mario Pelliccia il Vice custode del luogo di sepoltura Giuseppe Ograzio racconta la natura del fenomeno prodigioso - " la  madonnina in questo momento ha assestato il suo pianto, ce lo ha confermato anche il nostro Parroco Don Rosario Ventriglia in custodia nella nostra chiesa di San Martino Vescovo, che dal momento in cui i 4 Carabinieri arrivati sul posto per prelevare con il tampone, la statuina ha smesso di piangere. Per il momento c'è una fase di stand by, oggi pomeriggio ci saranno maggiori notizie nel collegamento con Barbara D'urso su Pomeriggio Cinque, con tre delegati della Santa Sede di Roma che arriveranno qui dando altre notizie in merito". Alla domanda specifica dello speaker al vice custode "Lei crede nei miracoli?" , risponde: " Ci credo perché ne ho avuto prova, ho la certezza di quello che si é manifestato, e insieme a me hanno visto i fedeli e chi ha trasportato in chiesa la madonnina" - prosegue- "Ciò che non si spiega lo definiamo miracolo, ho tenuto la situazione sotto controllo per 10 giorni, ho pulito, ho asciugato le lacrime e anche il distaccamento delle mani che erano unite in preghiera". Maggiori approfondimenti domani in diretta con il Vice custode Giuseppe Ograzio.

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici