Domenica 24 Febbraio 2019 - 5:26

Incontro Renzi-De Luca, ecoballe via entro l'anno

ROMA. Durante Conferenza Stato-Regioni, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha incontrato il premier Matteo Renzi e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti. Sono state affrontate, si legge in una nota, le questioni dell'emergenza Campania nell'ambito del Patto tra Regione e Governo e i temi delle bonifiche, in particolare quelle che riguardano Bagnoli e la Terra dei Fuochi. De Luca, prosegue la nota, "ha ricevuto assicurazioni sull'impegno straordinario, su base pluriennale del Governo, ad inserire le
bonifiche programmate in Campania come capitolo centrale del Patto. L'impegno del presidente del Consiglio è stato quello di individuare
risorse già per il 2015". Inoltre il governatore De Luca "ha ribadito la necessità che già entro quest'anno cominci l'operazione di
svuotamento nella Terra dei Fuochi con i primi trasporti di ecoballe fuori regione. C'è già una prima intesa sui tempi. L'operazione sarà
gestita in collegamento diretto con la Presidenza del Consiglio e con il coinvolgimento pieno dell'Autorità anticorruzione guidata da
Raffaele Cantone", conclude la nota.

Napoli premia Alois, Caserta lo snobba

Caserta (Teresa Gentile). Caserta ‘snobba’ i suoi figli,  fornitori di tessuto per il colossal “Cenerentola” della Disney. Ma a premiare la carriera dei produttori di seta, Marinella Casapulla e la figlia Edda Alois ci pensa Napoli. “L’arte nascosta” di Aicast: è andato dunque ad “Alois è” , facoltoso show room della seta di San Leucio, produttrice dell’oro casertano da generazioni, ad aggiudicarsi il premio alla carriera promosso dall’associazione di imprese e curato da Daniela Cirella. A fare da cornice alla prestigiosa manifestazione tenutasi stamani, organizzata del sodalizio datoriale, rappresentata dalla presidente provinciale Liliana Langella, è stato il Maschio Angioino di Napoli, dove la nota azienda artigianale storica produttrice della seta di San Leucio è stata selezionata con altre nove aziende su tutto il territorio regionale, spuntandola con l’ambito riconoscimento. Presente anche il sindaco della città partenopea, Luigi De Magistris omaggiato, data l’occasione, da Marinella ed Edda, di un prezioso top in lampasso di seta (centro con cestino di Maria Carolina) con frangia lavorata a mano. “Siamo commosse e soddisfatte – commenta Edda Alois – E’ il riconoscimento a tanto lavoro e sacrificio, tutti con amore verso questa tradizione familiare vanto di Caserta in tutto il mondo. Tradizione che porteremo avanti anche nelle prossime generazioni perché la storia della seta di San Leucio non deve morire, ma deve essere una chiave di rilancio per lo sviluppo economico di questa città. Il nostro motto? Noi ci crediamo”. Ad organizzare l’evento ci ha pensato Roberta Cirella, referente dell’associazione promotrice. “Il progetto cerca di creare un ponte per gli Stati Uniti affinché le eccellenze campane siano riconosciute oltre oceano.- spiega - Cosa che faremo con questa serie di eventi, anche grazie al supporto che il comune di Napoli ci ha dato. Quella di stamani è il primo di una serie di manifestazioni. Ne seguiranno altre”. Chi sono le patron di “Alois è?”. Sono coloro che hanno realizzato e fornito i tessuti in seta di San Leucio serviti per allestire i palazzi più prestigiosi al mondo: dalla reggia di Versailles a Palazzo Madama, passando per Montecitorio e approdando alla Casa Bianca. ‘Parla’ Alois e seta di San Leucio anche la casa presidenziale in Kazakistan e la dimora della figlia dell’emiro in Dubai. A volere che fosse la Seta di San Leucio ad arredare la sua nuova dimora c’è anche l’ex Cavaliere Silvio Berlusconi. Ma il fiore all’occhiello di Marinella ed Edda è la realizzazione e la fornitura dei tessuti e delle passamerie per realizzare le scenografie utilizzate per girare le scene del famoso film prodotto dalla Disney production, “Cenerentola”, andato in tutte le sale cinematografiche mondiali la scorsa primavera. Insomma, “Cinderella” parla anche il ‘casertano’ grazie ad Alois è. E c’è da andare fieri. Peccato che la cosa sia passata inosservata agli occhi della passata amministrazione comunale del capoluogo casertano, retta dall’ex sindaco Pio Del Gaudio, che non ha saputo cogliere questa occasione, non solo per conferire a Marinella e Edda Alois il dovuto riconoscimento, ma soprattutto per non aver saputo giocarsi questa carta per rilanciare le risorse di questo territorio, tra cui proprio la seta di San Leucio. Occasione sprecata per una politica troppo superficiale e poco attenta a quanto ti buono offre questo territorio. 

Avvocato perseguitato e minacciato di morte dal marito di una cliente

Caserta (Teresa Gentile). Perseguita e minaccia di morte l’avvocato dell’associazione “Spazio Donna” che assiste la moglie nella causa di separazione, ma viene condannato per stalking a due anni di reclusione (ma a piede libero, per ora). Non si è mai arresa, nemmeno quando il telefono squillava di notte per intimidirla e costringerla a rinunciare all’incarico di legale della consorte. Protagonista di questa incredibile storia, di cui si è venuti a conoscenza solo a sentenza emessa, è una dei più affermati avvocati del foro di Santa Maria Capua Vetere, nonché coordinatrice del team di legali dell’associazione “Spazio Donna”, il sodalizio casertano da oltre venti anni a sostegno delle donne in difficoltà o vittime di violenza. E’ Drusilla De Nicola ad accogliere la richiesta di aiuto di una donna (la chiameremo Giovanna, un nome di fantasia) che decide di rivolgersi al Telefono Rosa, le cui operatrici trasmettono l’sos al team legale di ‘Spazio Donna’, per denunciare episodi di violenza contro il marito, tra cui la costrizione a prostituirsi per ricavare denaro. Lei, Giovanna, si rifiuta. A questo punto scattano le minacce. Decide di affidarsi all’avvocato De Nicola, che l’assiste secondo il regime del gratuito patrocinio. Ma anche per Drusilla De Nicola comincia l’incubo. Telefonate minatorie giungono al suo ufficio ripetutamente, dove l’uomo preannnuncia “guai per lei e per i suoi seguaci”. L’incubo continua anche di notte, presso i recapiti telefonici di casa e del cellulare intestati al legale di ‘Spazio Donna’, dove l’uomo chiama ininterrottamente minacciando che le “avrebbe fatto fare cose irripetibili”. Un giorno, l’avvocato Drusilla de Nicola, assistita dagli avvocati penalisti Sergio Iovane e Nadia Giannotti, si dirige dritta dal sostituto commissario Rosa Cimmino, responsabile dell’ufficio che si occupa di reati contro la persona presso la Questura di Caserta, e sporge formale denuncia. Tre denunce in tutto, circostanziate con tanto di testimonianze dei colleghi che nel frattempo avevano ascoltato al telefono le frasi minacciose dell’uomo dirette al legale della vittima. “L’ultima telefonata è giunta venti giorni fa – commenta Drusilla de Nicola – in cui il soggetto in questione ha minacciato di mettermi una bomba sotto casa”. Nonostante le esortazioni dei familiari a fare un passo indietro e revocare quel gratuito patrocinio che le potrebbe costare la vita, Drusilla De Nicola va avanti. Senza esitare. “Non potevo abbandonare quella donna. Avrei sconfessato me stessa, i miei ideali – aggiunge l’avvocato – e soprattutto non avrei potuto più invitare le donne vittime di violenza a denunciare. Le violenze e le angherie vanno denunciate senza mezzi termini”. Drusilla de Nicola rifiuta l’appellativo di “donna coraggiosa”. Riferisce d’aver fatto il suo dovere di avvocato e di volontaria di una associazione che sostiene le donne in difficoltà. E lo fa anche rischiando la vita. Una delle denunce contro quell’uomo si è tramutata in sentenza di condanna pari a due anni per stalking. Ma la strada giudiziaria è ancora tutta da tracciare. Intanto, Giovanna ha ottenuto il divorzio, ma continua a vivere nascosta con l’incubo che quell’uomo piombi sulla sua vita come una furia, uccidendola. 

Abbonamento al Teatro di Caserta negato ai disabili: è caos

Caserta (Teresa Gentile). Abbonamento stagionale al Teatro comunale di Caserta negato ai disabili. Per loro, solo prenotazione per i singoli spettacoli. Insorge l’associazione Jusabili che scrive al commissario Maria Grazia Nicolò: “Questa è discriminazione: intervenga il prefetto”.  Porta la data dello scorso 30 settembre, una denuncia circostanziata che il professor Vitaliano Ferrajolo, presidente dell’associazione a tutela delle disabilità ha presentato all’indirizzo del commissario prefettizio del comune di Caserta per chiedere che venga rispettato il sacrosanto diritto di un disabile in carrozzina di usufruire di un abbonamento annuo del cartellone teatrale del ‘Parravano’, gestito dal Teatro Pubblico Campano che, a suo tempo, si aggiudicò l’appalto per 16mila euro annui durante l’amministrazione di centrosinistra, targata Petteruti. E’ stata una donna disabile ad investire del problema il presidente di Jusabili quando si vide negare la stipula dell’abbonamento dal personale di servizio del teatro. “Atteggiamento discriminatorio da parte della direzione del teatro – scrive Ferrajolo – Mentre per tutti è possibile prenotare con largo anticipo l’abbonamento annuale, per la dolente, deambulante su sedia a rotelle, le è stato rifiutato in quanto disabile, nonostante lo richiedesse a pagamento”. La questione, però non è nuova. Risale addirittura allo scorso luglio. “Già allora provvedemmo a investire della cosa la direzione del teatro – scrive ancora il presidente Vitaliano Ferrajolo – ottenendo rassicurazioni in proposito, pregandoci di rinviare tutto a settembre, cosa puntualmente fatta, ma con esiti assolutamente incresciosi”. Di qui la decisione di rivolgersi direttamente al prefetto Nicolò. “L’istanza – conclude – ha lo scopo di fare intervenire il commissario prefettizio  affinchè venga a cessare tale palese discriminazione”. 

Capaccio, 53enne napoletana muore in un incidente

CAPACCIO PAESTUM. Daniela d’Anchise, 53 anni, di origine napoletana ma residente a Castellabate, è morta ieri mattina a causa di un incidente stradale avvenuto sulla Statale 18, al chilometro 94, nel Comune di Capaccio Paestum, tra gli svincoli di Paestum e Capaccio. La donna si trovava a bordo della motocicletta del figlio. I due stavano tornando da Agropoli quando dall’altra parte della carreggiata è sopraggiunta un’auto guidata da un 60enne di Capaccio, che, per svoltare a sinistra con la striscia continua, ha centrato in pieno il motociclo. I due centauri sono stati sbalzati per venti metri dopo un impatto violentissimo. La donna è deceduta sul colpo mentre il figlio Mauro Mariottino, di 33 anni, ha riportato fratture al bacino, alla spalla destra e un trauma cranico. 

Aversa, ubriaco in ospedale aggredisce medico e guardia: arrestato

AVERSA. Era giunto ubriaco all'ospedale di Aversa. Poi ha dato in escandescenze aggredendo prima un medico del pronto soccorso quindi la guardia giurata, fin quando non è stato bloccato e arrestato dai carabinieri. Protagonista il 20enne Manuele Arrichiello, residente a Casal di Principe. Il giovane ha fratturato il polso sinistro del professionista che voleva assisterlo colpendo poi alla fronte il vigilante intervenuto a protezione del medico. All'ospedale di Aversa, hanno più volte denunciato medici e infermieri, sono frequenti le aggressioni del personale in servizio al pronto soccorso, dopo la chiusura alcuni anni fa del drappello di polizia. La struttura serve un bacino di quasi 500mila utenti, inferiore solo dal Cardarelli di Napoli.

Masterplan Sud, De Luca: «Giù le mani dai fondi europei»

AVELLINO. «L'importante non sono i tempi ma le risorse». Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, a margine dell'inaugurazione del cantiere per il ripristino della funicolare di Montevergine, attacca il Governo è intervenuto sul “masterplan" per il Mezzogiorno annunciato dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, la scorsa estate. De Luca manda anche un segnale al ministero dell'Economia: «C'è un tentativo di prenderci in giro, quello di prendere i fondi europei accantonati e ridarceli. Quelli - sottolinea De Luca - sono già nostri. Se vogliamo fare una cosa seria, e dare concretezza al masterplan, le risorse devono essere stanziate nella legge di stabilità». Poi aggiunge: «Vorrei che fosse definitivamente chiaro a tutti: si volta pagina. La Campania che abbiamo conosciuto fino ad oggi, quella della palude burocratica e delle porcherie clientelari, non esiste più».

Asl Caserta, tangenti e regali per appalti: sei ordinanze di custodia cautelare

CASERTA. I carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta hanno eseguito 6 misure cautelari (2 in carcere e 4 agli arresti domiciliari) per il reato di corruzione, aggravato dal metodo mafioso. L'indagine, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli, è uno sviluppo di una attività investigativa che dal 2012 ha visto destinatari si provvedimenti restrittivi 57 indagati tra appartenenti alla criminalità organizzata, imprenditori, funzionari pubblici della sanità locale e esponenti del mondo politico, nonché al sequestro di beni per un importo di circa trenta milioni di euro. Tra i destinatari della misura l'imprenditore Angelo Grillo, già coinvolto e sotto processo in altri filoni di inchiesta sugli appalti negli ospedali di Caserta condizionati dal clan dei Casalesi. Anche questo filone considera appalti per servizi nel settore sanità. Indagati funzionari dell'Asl casertana. Sotto accusa l'attuale responsabile dell'ufficio legale dell'Asl di Caserta Raffaele Crisci e l'ex direttore amministrativo dell'azienda sanitaria ed ex sindaco di Caserta Giuseppe Gasparin (tuttora ai domiciliari dopo essere finito in carcere due anni fa). Per loro il Gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della Dda, ha disposto i domiciliari. Crisci e Gasparin sono accusati di aver preso rispettivamente da Grillo - da oltre un anno e mezzo detenuto al 41 bis - tangenti da 10mila e 6mila euro per l'appalto del servizio di pulizie in ospedali e uffici Asl che l'imprenditore si aggiudicò nel 2005 ottenendo poi negli anni numerosi proroghe. Per Crisci, Grillo aveva organizzato un viaggio in Egitto, a Sharm el Sheik, ma il funzionario all'ultimo momento si tirò indietro e preferì farsi pagare il corrispettivo in danaro, quantificabile appunto in 6mila euro. In carcere anche la segretaria e factotum di Grillo, Assunta Mincione, anch'essa già coinvolta nelle numerose indagini sugli appalti Asl. Agli arresti domiciliari sono finiti invece gli altri due indagati, Pasquale Valente, autista di Grillo, e Giovanni Cavallero, dipendente di una delle aziende che ancora oggi effettuano il servizio di pulizie nei sette ospedali casertani dell'Asl e negli uffici di distretto. 

Centri convenzionati, Finanza in Regione e all'Asl Napoli 3 Sud

NAPOLI. La verifica delle modalità con le quali sono state accreditati i centri sanitari convenzionati con il servizio sanitario campano e le modalità seguite per l'affidamento e l'esecuzione degli obblighi contrattuali derivanti da appalti di forniture e servizi. Questo lo scopo dell'ispezione presso la Regione Campania e l'Asl Na3 effettuata da militari del Nucleo speciale anticorruzione della Guardia di Finanza. L'iniziativa rientra nella collaborazione tra Autorità nazionale anticorruzione e GdF. L'intervento dei finanzieri è volto, tra l'altro, ad accertare la regolarità di modifiche e cessioni societarie e delle procedure di erogazione dei rimborsi ai centri sanitari convenzionati o accreditati.

Tuccillo nuovo presidente dell'Anci

AFRAGOLA. Il sindaco di Afragola, Domenico Tuccillo, è il nuovo presidente dell'Anci Campania. «Saremo vicino ai piccoli Comuni, in particolare delle zone interne – ha dichiarato il neo-presidente – soprattutto sulla questione dell'accelerazione di spesa che mette a rischio gli equilibri finanziari di circa 300 amministrazioni». Tuccillo ha raccolto 118 voti su 204 preferenze totali espresse durante la procedura di voto terminata oggi alle 14, mentre il sindaco di Brusciano e presidente uscente, Giuseppe Romano, ha ottenuto 82 voti. «Il primo impegno – ha sottolineato Tuccillo – sarà chiedere un incontro al presidente della Regione, Vincenzo De Luca,  sull'attuazione della legge Delrio e sulla programmazione dei fondi europei. Infine chiederò al Sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, di lavorare col massimo impegno per dare attuazione tempestiva allo Statuto della Città metropolitana e per consentire già nel 2016 l'elezione diretta del Sindaco della Città metropolitana».

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno