Domenica 23 Settembre 2018 - 7:22

Rifiuti, Viglione: lunghe code di camion agli Stir

NAPOLI. «Il fallimento della Giunta De Luca in materia di gestione del ciclo dei rifiuti è certificato dalle segnalazioni che riceviamo ormai quotidianamente. Come questa di ieri delle lunghe code di camion in attesa di poter accedere agli Stir sovraccaricati dall’attuale funzionamento limitato dell’inceneritore di Acerra. Lo stesso impianto che, nello strampalato piano De Luca, doveva aumentare i quantitativi da bruciare per poter ottimizzare il ciclo dei rifiuti. Come se bruciare i rifiuti fosse utile a far crescere la raccolta differenziata». È quanto sostiene il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Vincenzo Viglione in un post sulla sua pagina Fb. «Potevamo procedere – prosegue Viglione - con un’organizzazione dal basso dei cosiddetti Ato, così come avevamo proposto come Movimento 5 Stelle, in modo da dare maggiore autonomia e responsabilità ai Comuni, invece hanno preferito calare tutto dall’alto per poter controllare tutto politicamente e oggi il risultato è che proprio per contrapposizioni politiche interne agli Ato ci ritroviamo in una condizione di stallo totale che non permette di ultimare la costituzione amministrativa degli Ambiti e non consente di realizzare la rete impiantistica indispensabile al trattamento della frazione organica. Nel frattempo – conclude il consigliere regionale M5S - i cittadini campani sono ancora costretti a pagare cifre assurde per mandare l’umido chissà dove e soprattutto a pagare ben 120mila euro al giorno di sanzioni dell’Unione Europea proprio per non essere riusciti a ottimizzare la gestione dei rifiuti».

Lotto, realizzate due vincite da oltre 620mila euro

SALERNO. Con il Gioco del Lotto in Campania, a Pollica, nel Salernitano, sono state realizzate due vincite di ben 622.500 euro ciascuna. Si tratta dell'importo più alto vinto nel 2018. I giocatori hanno scelto la ruota di Napoli, centrando 4 Terni e 1 Quaterna. Sono stati quindi in grado di vincere su ben 5 sorti grazie ad una indovinata ripartizione della propria giocata. I numeri giocati sono stati 6, 50, 69 e 89. Altre due vincite di 62.250 euro realizzate sempre a Pollica. I giocatori hanno scelto la ruota Tutte, centrando 4 Terni e 1 Quaterna. Sono stati quindi in grado di vincere su ben 5 sorti grazie ad una indovinata ripartizione della loro giocata. I numeri giocati sono stati 6, 50, 69 e 89.

Protesta al carcere di Ariano Irpino, detenuti sequestrano agenti: liberati dopo un'ora

ARIANO IRPINO. Un agente di Polizia penitenziaria, in servizio nel carcere campano di Ariano Irpino, è stato sequestrato da alcuni detenuti. La notizia è diffusa dal Sappe, Sindacato autonomo Polizia penitenziaria che parla di ''sequestro annunciato in un carcere praticamente in mano ai detenuti''. Proprio in mattinata il Sappe, per voce di Donato Capece ed Emilio Fattorello, rispettivamente segretario generale e segretario nazionale per la Campania, aveva dato notizia dell'ennesima aggressione avvenuta ieri in carcere ad Ariano Irpino: ''Il prologo dell'aggressione di oggi si è verificato ieri, quando un gruppo di detenuti a custodia aperta ristretti al nuovo Padiglione, giunti presso l'infermeria del vecchio padiglione, hanno forzato il cancello d'ingresso del reparto infermeria, spingendo con forza il poliziotto che aveva provveduto all'apertura del cancello. Alcuni detenuti, di origini napoletane, sono riusciti a entrare nel Reparto e hanno iniziato ad aggredire con calci e pugni un agente e l'ispettore di sorveglianza". "Inutile evidenziare che questo ennesimo episodio di violenza e aggressione nei confronti del personale non sono altro che le risultanze di quello che il Sappe ha denunciato da tempo, ossia un'inesistente sicurezza sui posti di servizio detentivo ove i detenuti ormai la fanno da padrone - denuncia il sindacato - Infatti a nulla sono valse sino a oggi le nostre denunce e le nostre azioni dirette alla nostra Amministrazione ed ad altre autorità e per questo è necessario che si provveda un immediato cambio ai vertici del carcere del Tricolle. E il sequestro, pochi minuti fa, di un Agente in carcere ad Ariano Irpino è sintomatico di questa gravissima situazione''.

LIBERATI. Secondo quanto si apprende, i detenuti, tutti di origine napoletana, hanno protestato per presunte violenze subite da un altro detenuto. La trattativa si è sbloccata dopo un'ora. quando il direttore ha fatto intervenire proprio il loro compagno che ha smentito di aver subito trattamenti o violenze da parte degli agenti. Il gruppo di detenuti si era introdotto nel reparto infermeria tenendo in ostaggio un agente e un ispettore in servizio. Fonti della casa circondariale smentiscono anche la circostanza che gli agenti presi in ostaggio siano stati aggrediti e picchiati.

Maltempo, allerta gialla per domani: temporali in attivo

NAPOLI. La Protezione civile della Regione Campania ha diramato un Avviso di Allerta meteo su tutta la Campania per l'intera giornata di domani. La criticità di carattere idrogeologico è di colore Giallo e scatta alle 6 di domani mattina per restare in vigore fino alla mezzanotte. Si prevedono precipitazioni sparse anche a carattere di rovescio o temporale con possibili raffiche di vento. La criticità Gialla per fenomeni di dissesto idrogeologico è dovuta, in particolare, a "Fenomeni temporaleschi caratterizzati da una incertezza previsionale e rapidità di evoluzione" che potrebbero determinare, tra l'altro, " danni alle coperture e strutture provvisorie dovuti a raffiche di vento e fulminazioni; Ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale; Allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno; Scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali e possibili fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse; Occasionali fenomeni franosi superficiali legati a condizioni idrogeologiche particolarmente fragili, in bacini di dimensioni limitate". La Protezione civile raccomanda alle autorità competenti di porre in essere tutte le misure previste dai rispettivi piani comunali di protezione civile atte a prevenire e contrastare i fenomeni previsti. 

Cesaro (Fi): «“Luci d'artista" priorità per De Luca»

NAPOLI. «La priorità delle priorità dell’agenda De Luca sono le Luci d’Artista che hanno assorbito da sole ben oltre il 10% dei circa 80 milioni di euro dei Fondi Poc Cultura 2020». Lo afferma il Presidente del Gruppo regionale di Forza Italia, Armando Cesaro (nella foto), per il quale «pur di deliberare a tutti i costi non sono mancate integrazioni e carambole amministrative per destinare altri 2 milioni e mezzo di euro per l’edizione 2018/2019». «Restano, come da copione, ancora molti dubbi sulle rendicontazioni delle edizioni del 2016 per 3 milioni di euro e del 2017 per 2 milioni». «Considerato che la prima edizione di questo luminoso evento salernitano l'investimento fu di 180 mila euro davvero non si capisce come per le stesse luci si sia arrivati ad incrementi di questa portata».

Litorale Domizio, Regione: gara aggiudicata, riunione con gruppo di lavoro

NAPOLI. Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha incontrato il gruppo di lavoro aggiudicatario del "Masterplan litorale domitio-flegreo", cui è affidata l'elaborazione della proposta di riqualificazione, valorizzazione e sviluppo della linea di costa. Nel corso della riunione operativa è stato illustrato il contesto economico-sociale della zona litoranea delle province di Napoli e Caserta, il quadro delle attività produttive, le prospettive di sviluppo che riguardano l'intero territorio. «Si tratta - si legge in una nota - di un'area di estrema complessità, nella quale insistono problemi ambientali, di abusivismo e infrastrutturali, ed è stato deciso di utilizzare un modello di lavoro tale da rendere possibile la realizzazione per pezzi del masterplan stesso». «È stata sottolineata l'esigenza di dare sbocco da subito a proposte di investimenti privati in stretto rapporto con i Comuni interessati - prosegue la nota -. Si lavora per fare di questo masterplan un modello pilota per interventi di riqualificazione anche in altre aree della Campania (quella vesuviana, l'area nord di Napoli, l'Agro nocerino sarnese, la Piana del Sele)». Hanno partecipato all'incontro, tra gli altri, l'assessore al Governo del Territorio Bruno Discepolo; Maria Grazia Falciatore, responsabile della Programmazione Unitaria; e per il gruppo aggiudicatario Andreas Kipar, con i rappresentanti di Land srl, Consorzio Caire, e Cesbim Campania Bonifiche.

La meteorologia nelle attività antropiche, esperti a confronto

SALERNO. Geologi, meteorologi, chimici e agronomi, insieme per parlare de' “L’importanza della meteorologia nelle attività antropiche”. Questo il titolo del convegno, organizzato dall’Ordine dei Geologi della Campania, in collaborazione con A.I.S.A.M. (Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia) e Hearth, che si svolgerà venerdì 8 giugno 2018 dalle ore 8.30 nell’aula consiliare G. Sessa a Fisciano (Salerno). Un importante incontro, durante il quale, i massimi esperti italiani, discuteranno dei fenomeni metereologici, che in questi anni hanno avuto degli sviluppi senza precedenti. Si farà il punto, infatti, sui vari cambiamenti climatici, che ci sono sempre stati, ma mai con la stessa velocità degli ultimi decenni. Altro spunto dei lavori sarà l'evoluzione accademica della meteorologia italiana che, attualmente, sta vivendo un momento di importante sviluppo.

 “Tante iniziative, testimoniano un rinnovato interesse per la meteorologia e le sue applicazioni - ha dichiarato Dino Zardi, Presidente A.I.S.A.M e Professore Associato Atmospheric Physics Group, Università di Trento -  è stata introdotta la certificazione professionale per i meteorologi e i tecnici meteorologi, è nato il Festivalmeteorologia, si è costituita l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (AISAM), che celebrerà a settembre il suo primo congresso nazionale a Bologna, in diverse Università stanno per essere attivati corsi di master o di laurea magistrale su tematiche meteorologiche,  è in corso di attuazione l'Agenzia Nazionale per la Meteorologia e la Climatologia "ItaliaMeteo" introdotta dalla legge di bilancio 2018 e nel 2019 arriverà a Bologna il centro di calcolo del Centro Meteorologico Europeo di Reading (UK).” 

Molti di questi mutamenti sono dovuti all’industrializzazione, alla deforestazione e ad altre attività antropiche della popolazione umana.

“Studi recenti mostrano una connessione diretta fra cambiamento climatico e dissesto idrogeologico - ha affermato Domenico Sessa, Tesoriere dell’Ordine dei Geologi della Campania e organizzatore dell’evento - in particolare per i fenomeni nei quali la forzante meteorologia è concausa ed evidenziano come questa connessione sia fortemente dipendente dalle caratteristiche del territorio”.

“Durante il convegno di Fisciano - ha detto Egidio Grasso, Presidente dell’Ordine dei Geologi della Campania - saranno approfonditi i molteplici aspetti della Meteorologia di cui spesso si parla senza avere le dovute informazioni. Oggi le previsioni meteo possono offrire utili informazioni per la gestione dei rischi geologici e, in modo particolare, il rischio alluvioni ed il rischio frane. Nel caso del dissesto idrogeologico le previsioni meteorologiche, associate alla definizione e gestione delle “soglie di allerta”, possono essere di grande aiuto per la mitigazione del rischio e la gestione in sicurezza dell’emergenza. Con un sistema di previsione e controllo di questo tipo, anche le pericolose conseguenze degli incendi delle pendici del Vesuvio  potrebbero destare minori preoccupazioni”.

La meteorologia, infatti, può fornire un potente aiuto per la sicurezza dell’ambiente e delle persone, riducendo i rischi derivanti dall’impatto di eventi potenzialmente pericolosi. “Si stima che le perdite economiche complessive causate da eventi atmosferici e climatici estremi in Europa dal 1980 al 2016 hanno superato i 450 miliardi di eurodi cui il 40% per inondazioni e il 25% per perturbazioni violente - dichiara Raffaele Salerno, Direttore Centro Epson Meteo e Vice Presidente A.I.S.A.M. - in un esempio concreto, la messa in sicurezza di una condotta per il trasporto di prodotti petroliferi a rischio rottura per effetto di forti piogge, corrisponde non solo ad un risparmio per l’ambiente e per le attività produttive, ma anche la possibilità di evitare alti costi di bonifica che si potrebbero aggirare attorno a qualche centinaio di migliaia di euro per poche centinaia di metri quadri di terreno inquinato”. 


Quindi, mentre da un lato è necessario riuscire ad intervenire con opzioni innovative che integrano la gestione delle risorse territoriali, dall’altro è importante “riconoscere la natura professionale dell'attività del Meteorologo - conclude il Colonnello Sergio Pisani, Segretario di A.I.S.A.M.   - lo scopo è quello di esaminare la meteorologia attraverso le lenti del giurista per verificare le implicazioni che il suo sviluppo scientifico e tecnologico ha nella società, sollecitare risposte regolative e, infine, porre domande che fin qui hanno conosciuto riflessioni solo embrionali”.

Scoperta a Bruxelles mozzarella di bufala tarocca

Confezioni di formaggio fresco di dubbia provenienza ma etichettate come mozzarella di bufala campana Dop sono state trovate in vendita nel reparto gastronomia di una nota catena di supermercati a Bruxelles, in Belgio. Si tratta di un prodotto privo di tracciabilità, ovvero senza la possibilità di risalire alla sua origine e pertanto senza garanzie per il consumatore. La presunta mozzarella di bufala veniva confezionata in loco e venduta al costo di ben 30 euro al chilo.

L’irregolarità è stata scoperta nell’ambito del monitoraggio dei mercati esteri effettuato dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di bufala campana Dop in sinergia con i Consorzi Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Aceto Balsamico, Prosciutto di Parma e Prosecco Doc.

È subito scattata la segnalazione da parte del Consorzio all’Ispettorato centrale qualità e repressione frodi del ministero delle Politiche agricole (Icqrf), che ha avviato la procedura “ex officio” prevista dall’Ue, con la responsabilità diretta di ogni Stato membro. Sono in corso ulteriori indagini per definire le ipotesi di illeciti e le conseguenti azioni giudiziarie.

“Questa nuova operazione conferma che il piano di monitoraggio congiunto in tutta Europa funziona e dà risultati importanti per la tutela delle eccellenze”, commenta il direttore del Consorzio di Tutela, Pier Maria Saccani.

Nel 2017 il Patto sulla vigilanza all’estero tra i Consorzi di Tutela ha consentito di effettuare verifiche in 460 differenti punti vendita di 9 Paesi europei (Austria, Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo, Olanda, Regno Unito, Spagna e Svizzera). Significativi i dati raccolti, che hanno portato ad attivare per due volte la tutela “ex officio” e ad accertare che circa il 50% dei prodotti in commercio riportavano una denominazione impropria, con riferimento diretto alla bufala campana. Nel corso di queste indagini accade quasi sistematicamente che la mozzarella di bufala campana Dop venga, in maniera parassitaria, affiancata sullo scaffale da prodotti imitativi, segno del grande potere di richiamo che il prodotto originale ha per il consumatore.

“Il monitoraggio nell’Ue è innanzitutto una garanzia per i consumatori”, sottolinea il presidente del Consorzio, Domenico Raimondo, che aggiunge: “Continueremo a investire in questo modello di collaborazione. Tenere alta la vigilanza è la strada decisiva per scovare imitazioni, evocazioni e usurpazioni del nostro prodotto. Solo così potremo sempre più marcare la differenza tra l’autenticità della mozzarella di bufala campana Dop e i tanti furbetti che cercano in ogni modo di sottrarre con l’inganno fette di mercato agli operatori della filiera. Qualità e rispetto delle regole sono i valori fondanti del nostro agire quotidiano”.

“Info Day” iniziativa housing sociale con Apeur

Fervono i preparativi per INFO DAY INIZIATIVA HOUSING SOCIALE - Percorsi di contrasto alla povertà abitativa al Sud con Apeur Associazione Progettisti Europei.  Ma procediamo con ordine: la Fondazione CON IL SUD propone un’iniziativa finalizzata a contrastare la povertà abitativa nelle regioni del sud Italia, intervenendo sulla componente sociale e infrastrutturale, mediante attività di social housing, e attivando meccanismi di sostenibilità in grado di consentire ai beneficiari di mantenere nel tempo una propria autonomia abitativa. L’iniziativa prevede la presentazione on line delle proposte di progetto entro, e non oltre, le ore 13:00 del 13 luglio 2018.
In Italia ci sono circa 1,7 milioni di famiglie a rischio di povertà abitativa, sono in aumento le richieste di alloggi e liste di attesa municipali contano circa 650 mila persone. L’emergenza abitativa è in costante aumento e ciò è dimostrato dall’aumento del numero dei «senza tetto». L’abitare ha un ruolo fondamentale nel raggiungimento del benessere individuale e familiare e rappresenta uno dei pilastri su cui poggia la qualità della vita nelle società contemporanee. I dati Istat relativi alle condizioni di vita degli italiani nel 2016 e alle  famiglie in condizione di povertà assoluta e alle famiglie in condizione di povertà relativa sono allarmanti. 
Obiettivo del processo è sostenere proposte «esemplari» che favoriscano, in risposta a bisogni abitativi diffusi e chiaramente individuati, l’accesso di soggetti in condizioni di vulnerabilità ad un alloggio adeguato, e prevedano l’acquisizione anche graduale, da parte dei destinatari, di condizioni di autonomia socio-economica. Le proposte dovranno essere in grado di sviluppare soluzioni abitative temporanee, idonee e accoglienti, capaci di contrastare la povertà abitativa e l’esclusione sociale e di bilanciare la necessità di privacy con la disponibilità di spazi per l’incontro e la socializzazione.

Porti, in crescita traffico passeggeri e merci a Napoli e Salerno

NAPOLI. Crescono nel primo quadrimestre 2018 i traffici nei porti della Campania. Il traffico commerciale nei porti di Napoli e Salerno, spiegano dallI dati(che comprende i porti di Napoli, Castellammare di Stabia e Salerno) continua a manifestare "una rilevante crescita", iniziata a partire dal 2016. Nel primo quadrimestre del 2018, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, aumenta del 7,15% il traffico container nei porti del Mar Tirreno Centrale: a Napoli l'incremento è pari al 5,15% e a Salerno al 9,6%. Le rinfuse liquide crescono nel porto di Napoli del 5,9% rispetto al primo quadrimestre del 2017, mentre le rinfuse solide nel porto di Salerno aumentano del 53,7%, sempre nel confronto tra i due quadrimestri 2017 e 2018. In flessione invece, nei porti campani, il traffico ro-ro nel primo quadrimestre del 2018, per un valore pari al 10,6%. Anche il traffico passeggeri, soprattutto i flussi turistici, segnala un andamento positivo. Il traffico delle crociere, dopo un 2017 difficile, cresce complessivamente del 20,2% nei porti del Mar Tirreno Centrale, con una crescita del 14,35% nel porto di Napoli e del 142,1% nel porto di Salerno. Nel corso del 2018, questa la previsione dell'Autorità portuale, si dovrebbe complessivamente arrivare a una crescita cumulata superiore al 10%. Il traffico passeggeri di corto e medio raggio registra invece una lieve flessone nel primo quadrimestre (-2,3%), ma "si tratta di un periodo poco significativo dal punto di vista dei volumi complessivi, in quanto è con la stagione estiva che si raggiungono i numeri davvero rilevanti", sottolinea la nota dell'Autorità portuale del Mar Tirreno Centrale. 

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli