Domenica 18 Novembre 2018 - 16:15

Sopravvissuto all'eruzione che distrusse Pompei, ecco l'Archivio Puteolano dei Sulpicii

POZZUOLI. Domani, giovedì 5 aprile 2018, alle ore 17, nella Biblioteca Civica di Pozzuoli in via Ragnisco 29 (Palazzo Toledo), sarà presentato l'Archivio Puteolano dei Sulpicii, sopravvissuto all'eruzione di Pompei del 79 dopo Cristo. L'incontro è organizzato dalla rivista di Studi di Storia Antica "Puteoli, Cumae, Misenum" e dall'assessorato alla Cultura del Comune di Pozzuoli. Dopo i saluti del sindaco Vincenzo Figliolia, ci saranno gli interventi dell'assessore alla Cultura Maria Teresa Moccia di Fraia ("La ricerca epigrafica per la conoscenza di Puteoli antica") e del professor Giuseppe Camodeca, ordinario di Storia Romana ed Epigrafia Latina dell'Università L'Orientale di Napoli e direttore scientifico della rivista ("L'archivio dei Sulpicii: documenti sulle attività finanziarie e commerciali delle donne a Puteoli").

 

Premio Strega, a Benevento la presentazione dei finalisti

BENEVENTO. Si terrà a Benevento nel tardo pomeriggio di giovedì 7 giugno la presentazione dei finalisti del Premio Strega 2018 (nella foto il vincitore dello scorso anno, Paolo Cognetti). La manifestazione, a conferma del gradimento riscontrato lo scorso anno, si terrà all'aperto nello spazio antistante l'Arco di Traiano. Nel corso della stessa serata si terrà a Benevento anche la finale del Premio Strega Giovani, la cui giuria sarà formata da studenti di 50 scuole superiori provenienti da tutta Italia e anche dall'estero. Questa mattina il sindaco di Benevento, Clemente Mastella e l'assessore alla Cultura del Comune di Benevento, Oberdan Picucci, hanno incontrato i vertici di Strega Alberti Benevento spa e della Fondazione Bellonci per la pianificazione della presentazione dei finalisti. Nei prossimi giorni la Fondazione Bellonci e l'Assessorato alla Cultura pianificheranno gli aspetti organizzativi della manifestazione. 

Art&Science Across Italy, premi per gli studenti: opere esposte al Mann

NAPOLI. Tremila studenti, oltre 100 classi coinvolte, 400 opere artistiche realizzate in 40 scuole superiori di Firenze, Milano, Napoli, Padova e Venezia di cui le migliori 55 esposte a Napoli al Museo Archeologico Nazionale. 24 studenti premiati che vinceranno un master estivo al Cern. Sono i numeri eccezionali di Art&Science Across Italy, progetto europeo per la diffusione della cultura scientifica nelle scuole superiori italiane attraverso l’arte organizzato da INFN e CERN in collaborazione con l’Università degli studi di Napoli Federico II.

L'evento sarà presentato alla stampa il 5 aprile alle ore 11,30 al Mann. Intervengono: Fernando Ferroni, presidente INFN, Paolo Giulierini, Direttore Mann, Pierluigi Paolucci, coordinatore del progetto e ricercatore INFN Napoli,  Andrea Bandelli, executive director Science Gallery International, Mariachiara Aulisio, giornalista, Sascha Schmelling, head of teacher Programmes and Education Research del CERN di Ginevra, Angelos Alexopoulos, responsabile di CMS del network europeo CREATIONS.

La premiazione nazionale degli studenti vincitori è fissata per venerdì 6 aprile ore 15 al Teatro Diana di Napoli. Saranno presenti 400 studenti provenienti da tutta Italia. Intervengono: Lucia Fortini, assessore all’Istruzione della Regione Campania, Gaetano Manfredi, rettore dell’Università degli studi di Napoli Federico II, e Fernando Ferroni, presidente INFN, Luisa Franzese, direttore generale dell’USR Campania, e Umberto de Gregorio, presidente dell’EAV.

Il 6 aprile alle ore 17 al teatro Diana conferenza spettacolo “Di Arte e di scienza. L’universo tra creatività e conoscenza" con Philippe Daverio, critico d’arte giornalista e scrittore: Fernando Ferroni, presidente INFN: Edoardo Leo, attore e regista. Conduce Marco Cattaneo, direttore di Le Scienze e National Geographic Italia.

Pietrarsa, oltre 2.500 visitatori per il museo ferroviario

NAPOLI. Oltre 2.500 visitatori hanno scelto il Museo Ferroviario di Pietrarsa per trascorrere i giorni di Pasqua e Pasquetta, confermando il trend dello scorso anno. Numerose le famiglie, ma anche molti turisti provenienti da varie parti del mondo, che hanno gremito i viali del Museo, complice il clima primaverile che ha consentito di godere pienamente dello splendido panorama offerto dal Golfo di Napoli. Gli accoglienti giardini che adornano il sito hanno ospitato quanti hanno deciso di consumare la tradizionale colazione al sacco all'aria aperta respirando i profumi delle piante e del mare. La bellezza del panorama e il contatto con la natura costituiscono un valore aggiunto a quanto il Museo propone abitualmente, ovvero la possibilità di ammirare una collezione unica di locomotive e carrozze d'epoca, imponente testimonianza di un passato glorioso, che raccontano la storia di Pietrarsa, delle Ferrovie e del Paese. In un connubio di tecnologie antiche e moderne, i visitatori hanno la possibilità non solo di ascoltare le locomotive narrare la loro storia, ma anche di vivere virtualmente il viaggio del primo treno in Italia grazie a una suggestiva e coinvolgente proiezione che vede protagonista la mitica locomotiva Bayard. Al nome dell'ingegnere francese, che riuscì a concretizzare il suo sogno di costruzione della prima linea ferroviaria sul nostro territorio, è legata anche la mostra dove sono esposte le riproduzioni dei disegni originali dell' ambizioso progetto, visitabile fino al 25 aprile.

Pasqua al Museo di Capodimonte, riapre la storica Armeria

NAPOLI. Pasqua ad ingresso gratuito nei musei statali per la prima domenica del mese. Anche il Museo e Real Bosco di Capodimonte aprirà gratuitamente ai propri visitatori che quest'anno potranno ammirare anche le sale della storica Armeria, ovvero la collezione di armi del Museo di Capodimonte, una delle più notevoli d'Europa. Costituita dalle armi che appartenevano alla famiglia Farnese tra la fine del XV e il XVII secolo, fu ricevuta in eredità da Carlo di Borbone, che vi aggiunse nel Settecento la sua raccolta di armi da fuoco, alcuni doni diplomatici ed altre armi prodotte dalla Real Fabbrica di Napoli. Nell'Ottocento Ferdinando IV arricchì la collezione con alcuni pregiati manufatti cinquecenteschi, recuperati durante il suo esilio a Palermo. L'armeria di Capodimonte è una storia completa delle armi europee d'epoca moderna. Sempre al primo piano sarà possibile visitare gratuitamente L'Opera si racconta, un ciclo espositivo di mostre-focus con cui il Museo e Real Bosco di Capodimonte dà voce a dipinti, sculture e oggetti d'arte presentate al pubblico in confronto con altre opere o documenti coevi capaci di spiegarne il contesto in uno spazio dedicato: la sala 6. In mostra fino al 1 luglio 2018 la Sacra conversazione di Konrad Witz in dialogo con due manoscritti della metà del XV secolo provenienti dalla sezione "Manoscritti e Rari" della Biblioteca nazionale di Napoli: Horae Beatae Mariae Virginis Secundum usum rothomagensis, Heures à l'usage de Rouen, 214 fogli di cui 40 in grandi miniature, e Horae Beatae Mariae Virginis, Livre d'Heures, 181 fogli di cui 8 in grandi miniature. La mostra è realizzata in collaborazione con la Biblioteca nazionale Vittorio Emanuele di Napoli e l'associazione Amici di Capodimonte onlus e realizzata con il supporto dell'azienda Tecno srl. Al secondo piano del museo, con soli 4,00 euro, si potrà ammirare la mostra Carta Bianca. Capodimonte Imaginaire (fino al 17 giugno 2018), a cura di Sylvain Bellenger e Andrea Viliani e nella sezione contemporanea, l'opera Senza titolo, 2016 di Umberto Manzo, recentemente donata dall'artista al museo. 

Fondazione Giordano Bruno, la Regione nomina i commissari

NAPOLI. Il professor Sebastiano Maffettone (nella foto) e il dottor Nicola Sarnataro sono stati nominati dalla Giunta Regionale commissari per la verifica della situazione della Fondazione "Giordano Bruno". «L'obiettivo prefissato - si legge in una nota della Giunta di Palazzo Santa Lucia - è il rilancio dell'attività culturale nell'ambito di un nuovo polo filosofico regionale». 

Boom di turisti, Daniele: Napoli capitale per il patrimonio culturale

NAPOLI. "In questi giorni Napoli è stata davvero capitale della valorizzazione del patrimonio culturale. Straordinari eventi e straordinaria partecipazione. Piano City, Giornate del Fai, Festival Mann solo per citare le iniziative che stanno ancora raccogliendo in queste ore decine di migliaia di cittadini e di turisti. Tutto contrassegnato dalla presenza di migliaia di giovani, artisti, musicisti, volontari. Napoli capitale con la Cultura e con la passione per i beni comuni". E' quanto dichiara Nino Daniele, assessore comunale alla cultura e turismo.

Fondazione Teatro San Carlo e Lucas Simon insieme per i bimbi del Santobono

NAPOLI. Sabato 24 marzo, in occasione della prima di Giselle, la Fondazione del Teatro di San Carlo espone i bozzetti realizzati da Lucas Simon, direttore artistico del Teatro d'Opera di Dubai, e donati alla Fondazione Santobono Pausilipon onlus. L'artista, dopo 10 anni di lavoro per il teatro d'opera, ha deciso di riprendere la sua antica passione per il disegno ripartendo dallo studio del corpo e del movimento durante l'arte della Danza. Una serie di bozzetti nei quali Simon prova a catturare l'emozione, la poesia e la leggerezza del movimento attraverso la sperimentazione di diverse tecniche, dalla matita al carboncino, dal pastello all'acquerello con lo scopo di raggiungere la massima espressività del tratto. Nel corso della serata, per volere di Simon, sarà possibile acquistare sia i bozzetti realizzati con Carta D'Amalfi dell'Antica Cartiera Amalfitana che il catalogo recante i bozzetti; il ricavato sarà devoluto ai bambini dell'Ospedale Pediatrico Santobono Pausilipon di Napoli.

Fai, visite straordinarie alla crypta romana e alla città bassa di Cuma

Il Parco archeologico dei Campi Flegrei ospita le giornate di Primavera del FAI-Fondo ambiente italiano questo week-end. Sabato 24 e domenica 25 Marzo tornano visite guidate, aperture straordinarie ed appuntamenti speciali per gli amanti di arte, cultura e natura. Al PaFleg sarà possibile visitare gli Scavi di Cuma accompagnati da Apprendisti Cicerone, studenti delle scuole del territorio flegreo, coinvolti nel progetto di formazione organizzato dal FAI. Per l’occasione è prevista l’apertura straordinaria della Crypta Romana e dell'itinerario della Città bassa di Cuma. Gli orari di apertura sono 9:00-17:40 (ultimo ingresso 16:30) per sabato 24; 9:00-18:40 (ultimo ingresso 17:30) per domenica 25. Nelle due giornate, l’ingresso al Parco archeologico di Cuma sarà gratuito per tutti i visitatori che avranno, inoltre, la possibilità di seguire le visite offerte dagli alunni.

Parteciperanno all’iniziativa alunni delle seguenti scuole: Istituto Comprensivo “8° Oriani-Diaz” di Pozzuoli; ISIS “Guido Tassinari” di Pozzuoli; Scuola Secondaria Statale di I grado “Giacinto Diano” di Pozzuoli; Istituto Comprensivo Statale “3° Gadda” di Quarto; Istituto Superiore Statale “Pitagora” di Pozzuoli; Istituto Comprensivo Pergolesi di Pozzuoli; Liceo Statale “Lucio Anneo Seneca” di Bacoli; Istituto Magistrale Statale “Virgilio” di Pozzuoli.

La passione di scoprire le tante facce della bellezza del territorio è il motore che spinge il FAI a raccontare l'identità culturale e meravigliosa che caratterizza l'intero Paese. Un evento collettivo che coniuga le radici al futuro in un'unica identità. Un'occasione da non perdere per conoscere il territorio flegreo.

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale