Mercoledì 19 Settembre 2018 - 10:04

Gli imprenditori incontrano la scuola

“Napoli Città delle eccellenze nell’imprenditoria” è il tema dell’incontro che il Rotary Club Napoli Posillipo ha organizzato mercoledì alle 10 all’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, in via Monte di Dio 14. «Vogliamo che i nostri ragazzi si rendano conto che questa è una città di talenti ed opportunità, non solo di violenza e rifiuti - spiega Pasquale Malva, presidente del Rotary Napoli Posillipo». A raccontare la Napoli che lavora e si fa onore nel mondo con prodotti di qualità ci saranno oggi due manager: Giovanni Lombardi, amministratore unico “Tecno srl” che si occupa di impianti di energia per l’industria e Carlo Palmieri (nella foto), amministratore delegato di “Pianoforte Holding”, l’azienda che accorpa i marchi Carpisa-Yamamay. Con loro interverranno anche Giovanni Caturano, Gianluca Manca e Sebastiano Deva, startupper nel settore delle nuove tecnologie e della realtà virtuale. I prossimi appuntamenti saranno dedicati alle eccellenze nella scrittura e a quelle nella ricerca scientifica. Il 18 marzo gli studenti potranno incontrare gli scrittori Maurizio de Giovanni e Pino Imperatore con l’editore Aldo Putignano. Il 21 aprile parleranno di genetica ed endocrinologia con i professori Nicola Brunetti e Annamaria Colao. I docenti interessati a intervenire con le proprie classi  possono prenotarsi telefonando al numero: 3385339872.
«Con questi incontri - prosegue Malva - vogliamo sollecitare nei giovani una riflessione realistica intorno alle potenzialità che offre la città. È un modo per supportare l’obiettivo che cinque anni fa ci siamo posti con l’istituzione del “Premio Parthenope. Giovani talenti per la città”: pubblichiamo in un volume, edito da Elio de Rosa, i migliori lavori degli studenti che si cimentano in articoli giornalistici, racconti o servizi fotografici dedicati a Napoli». Il tema di questa quinta edizione è “Napoli, città delle eccellenze”. «Diventare consapevoli delle risorse di questa città è il primo passo per l’acquisizione di un’identità positiva» conclude il presidente.

È morto Luca Ronconi, aveva 82 anni

MILANO.  Il regista Luca Ronconi è morto al Policlinico di Milano dove era ricoverato da alcuni giorni. Nato l’8 marzo 1933 avrebbe compiuto fra pochi giorni 82 anni. Ronconi ancora dirigeva con piglio rivoluzionario il Piccolo Teatro di Milano. Il suo esordio sulle scene, dopo il corso di recitazione dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica di Roma nel 1953 era stato come attore in “Tre quarti di luna”, di Luca Squarzina, diretto dallo stesso Squarzina e da Vittorio Gassman. In seguito recita con altri registi, come Orazio Costa, Giorgio De Lullo e Michelangelo Antonioni. Nel 1963 inizia a lavorare come regista, con la compagnia di Corrado Pani e Gianmaria Volontè e negli anni successivi divena un esponente dell’avanguardia teatrale. Poi una quantità di successi infinita. Ha diretto teatri e festival. Lo ricordano il presidente del consiglio Matteo Renzi, il ministro della Cultura Dario Franceschini. Oggi il teatro alla Scala di Milano avrà le bandiere a mezz’asta. E al suo teatro “il Piccolo”, i suo attori, lo ricorderanno oggi durante la prima di Lehman Trilogy. 

"Karma" alla scoperta del Palazzo Reale

Dopo il  successo di San Valentino  celebrato anche da TG2 SI VIAGGIARE,  l’associazione Karma Arte Cultura Teatro propone una visita guidata molto interessante per questo weekend. L’associazione intende  riproporre, per coloro che se lo sono persa, una bellissima visita guidata a Palazzo Reale domenica 22 Febbraio alle ore 10,30. La guida accompagnerà i partecipanti per le stupende sale monumentali di uno dei Palazzi Reali più belli d’Europa situato a due passi dal lungomare che il mondo tanto  ci invidia.

I partecipanti avranno l’occasione di conoscere la storia di Largo di Palazzo e del Plebiscito, partendo dalla facciata dominata dalle statue dei sette re del Regno di Napoli. Una visita guidata bellissima, che vi farà conoscere storia e aneddoti legati al meraviglioso palazzo Reale della nostra città.

Prenotazione obbligatoria via mail: karmartecultura@gmail.comPer informazioni 389/2606408 - 389/2630868

Una mostra fotografica per la Rotary Foundation

Sabato 21 febbraio alle ore 11.00, presso lo studio Santamaria Amato, si terrà la mostra fotografica “Il lavoro in corso” di Giuseppe Gaddi. Ventuno scatti fotografici, di ventuno amici, immortalati nella loro pausa caffè, in un frammento della loro quotidianità.

“Scatti fotografici senza orpelli, in luce ambiente – il flash è stato utilizzato solo in casi indispensabili – e con spontaneità – dice Gaddi –  che hanno catturato un’immagine che mi ha avvicinato al loro mondo e che mi ha intenerito allorquando, per ciascuno degli amici ritratti, ho considerato il pezzo di vita percorso insieme”.

Gaddi impegnato con il Rotary nell’azione di service, sempre disponibile ad utilizzare le proprie conoscenze e la propria professionalità per migliorare la qualità della vita di comunità o fasce sociali più bisognose. Proprio per questo la finalità della mostra è quella di raccogliere fondi per la Rotary Foundation.

“Non sono un fotografo professionista, ma scatto fotografie per mio divertimento; e allora, che il mio diletto e la disponibilità degli amici si trasformino in azione positiva – spiega Gaddi –. Per questo, ho deciso che l’intero incasso sarà devoluto in beneficenza alla Rotary Foundation, la cui azione a favore dell’eradicazione della polio nel mondo”.

Sbarchi e immigrazione, convegno dei Lions Penisola Sorrentina

CASTELLAMMARE DI STABIA. Sabato 21 febbraio alle ore 10:00 presso la Marina di Stabia di Castellammare si terrà il convegno-dibattito “*Le stragi di migranti nel Mediterraneo spingono ad una presa di coscienza della Comunità*”. L’evento, promosso dai *Lions Club di Penisola Sorrentina, Pompei Host, Castellammare di Stabia Host *e* Castellammare di Stabia Terme*, è organizzato in collaborazione con le *Capitanerie di Porto *e la* Guardia Costiera*. «Il tema dell’immigrazione - afferma il Presidente del Lions Club Penisola Sorrentina *Giovanni Guarracino *- è sempre più attuale nel nostro Paese che si trova ad essere, per la sua naturale posizione geografica, la prima àncora di salvezza per questi uomini e queste donne in fuga dalla propria patria. Questo convegno, di concerto con la Guardia costiera e la Capitaneria di porto, vuole essere uno sprone per le nostre comunità affinché prestino una maggiore attenzione sull’argomento».

Al dibattito parteciperanno i Club promotori con i propri Presidenti Giovanni Guarracino, R*ossana Bifulco, Camillo Giancristofaro* e *Giovanni di Dio Aiello*, e interverranno personalità lionistiche, religiose, civili e militari tra cui il Direttore Marittimo della Campania Contrammiraglio *Antonio Basile*, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto Ammiraglio Ispettore Capo *Felicio Angrisano*, il Responsabile Circoscrizionale del Service “Il Volontariato nella gestione dei flussi migratori” Mons. *Pietro Caggiano*, il II Vice Governatore del Distretto Lions 108YA Dott. *Renato Rivieccio* e il Past Governatore distrettuale *Emilio Cirillo* il quale modererà l’incontro.re  o cancellare i dati presenti nel nostro archivio.

“L'odio e la follia", la strage di Utoya nel libro di Emanuele Mingione

 

CASERTA. Domani, giovedì 19 febbraio, alle ore 16.30, presso il Polo Culturale della Provincia di Caserta a “Villa Vitrone”, in Via F. Renella 98 a , si terrà la presentazione del libro “L’Odio e la Follia – Il caso di Anders B. Breivik” scritto da Emanuele Mingione (nella foto ad Oslo, di fronte all'isola di Utoya), psicologo-psicoterapeuta e giornalista-pubblicista. L’autore casertano nel suo lavoro, pubblicato dalla casa editrice EIFFEL Edizioni, racconta le crudeli, quanto tragiche e sanguinose, stragi avvenute in Norvegia il 21 luglio 2011, in cui morirono in tutto settantasette persone.

I due attentati terroristici, compiuti prima mediante una bomba artigianale fatta esplodere nel cuore  della città di Oslo, seguita poche ore dopo da una macabra esecuzione a colpi di armi da fuoco di un alto numero di adolescenti, adunati ad un campo estivo, sull’isola di Utøya, furono eseguiti da un’unica mente criminale, quella di Anders B. Breivik, un giovane norvegese di poco più di trent’anni, fanatico di estrema destra e fondamentalista cristiano. 

Lo scrittore, sulla base della sua decennale esperienza nel campo psicologico, propone una sua attenta e precisa analisi a tuttotondo della personalità e del pensiero dello spietato stragista. Nel testo, infatti, viene esaminato non solo il “Manifesto”, scritto e spedito dal Breivik a poche ore dalle sue azioni a vari gruppi ultranazionalistici ed antislamici presenti in diverse nazioni europee per rivendicare le ragioni del suo gesto, ma anche il suo comportamento durante gli attacchi e durante il suo successivo arresto e processo. In più, Mingione, in quanto specializzato da diversi anni in psicoterapia familiare e di coppia, offre una puntuale lettura dell’infanzia e delle dinamiche familiari e relazionali dell’attentatore, al fine di fornire una panoramica più ampia della vita del terrorista. La narrazione, inoltre, è arricchita dalle testimonianze raccolte in Norvegia dallo stesso psicoterapeuta casertano, avendo personalmente visitato i luoghi delle stragi ed ascoltato i pareri delle persone del posto sulla delittuosa vicenda. Ancora oggi i fatti norvegesi del 21 luglio 2011 sono gli attentati terroristici più violenti dal secondo dopoguerra in Europa, in nome di ideali politico-religiosi.

“L’Odio e la Follia”, dunque, è un libro scritto con straordinaria maestria, con finezza di particolari e con parole che coinvolgono ed arrivano dritte all’animo dei lettori. 

 Oltre ad Emanuele Mingione, all’evento di domani, saranno presenti per i saluti, Domenico Zinzi, presidente della Provincia di Caserta, Gabriella D’Ambrosio, assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione della Provincia di Caserta e Gennaro Liguori, editore e direttore Editoriale EIFFEL Edizioni, mentre relazioneranno, con un proprio intervento sulle tematiche del testo, numerosi esperti di vari settori come Giuseppe Provitera, magistrato – presidente della X Sezione del Tribunale del Riesame di Napoli, Annamaria Rufino, docente di Sociologia giuridica della devianza e mutamento sociale presso la Seconda Università degli Studi di Napoli, Ciro Pizzo docente e ricercatore in Sociologia ed analisi dei fenomeni collettivi presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e Luca Di Majo, dottorando di Ricerca in Diritto Costituzionale presso l’Università degli Studi di Bologna. Il libro è acquistabile online sui siti www.edizionieiffel.com o www.amazon.it

 

Boncinelli e Giorello Live

Le due culture, quella scientifica e quella umanistica, si incontrano a Napoli. Parte alla grande, con Boncinelli e Giorello,  la rassegna “Segni: arte, cura e pensiero”, ideata e organizzata dalla Fondazione Premio Napoli e dall’Istituto Sdn di Ricerca e Diagnostica. In cinque incontri itineranti umanisti e scienziati si confrontano di volta in volta su un tema di carattere scientifico.  Non manca il mondo dell’arte che, di volta in volta farà da contrappunto visuale alla discussione.Tanti gli studiosi coinvolti: a inaugurare il ciclo, venerdì alle 16,30, nella sede della Fondazione premio Napoli a Palazzo Reale saranno il genetista Edoardo Boncinelli e il filosofo Giulio Giorello (nella foto) che ragioneranno sulla parola "Fisica", intesa tanto nel senso politico quanto in quello poetico. I prossimi incontri vedranno altre importanti personalità a confronto in diversi luoghi simbolo delle due culture a confronto ai quali si affiancheranno le fotografie di Monica Biancardi e Mimmo Jodice accanto alla performance dei writer Cyop & Kaf.

 

Islam e Occidente, istruzioni per l'uso: incontri all'Orientale di Napoli

Parte  mercoledì, e prosegue ogni settimana alle 20 il ciclo di appuntamenti che l'Università l'Orientale dedica al mondo islamico. Nella sede  di Palazzo Du Mesnil, in via Chiatamone 62, avrà inizio il primo ciclo di appuntamenti. A inaugurare gli incontri, il professor il professore Roberto Tottoli, che domani inaugura il ciclo con una conferenza su “Islam e Occidente: istruzioni per l’uso”. Negli incontri successivi si parlerà di Islam, jihad, Califfato islamico e shari‘a ma anche delle diverse situazioni politiche nei Paesi islamici, dalla Tutchia all'Indonesia passando per Tunisia, Iran e Medio Oriente.

 

 

Social e bullismo,
se ne parla alla Mediterranea

Il cyberbullismo e dipendenza degli adolescenti dalle tecnologie sono i temi al centro dell'incontro di domani, martedì alla Clinica Mediterranea. "Social e bullismo: generazioni connesse” è il tema proposto da "Mondo Donna", la rassegna ideata da Celeste Condorelli (nella foto) e dedicata all'universo femminile. Moderatrice la giornalista Anna Paola Merone, ne parleranno Roberta de Sio Cesari, Psicologa e Psicoterapeuta nonché Referente del settore scuola di Telefono Azzurro*; Rosanna Genni, Dirigente scolastica dell'Istituto Statale "Europa" di Pomigliano d'Arco (NA); Fabiola Silvestri, vice questore aggiunto della Polizia Postale di Napoli;  Riccardo Croce, commissario capo della Polizia Postale di Napoli.

 

 

 

 

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno