Mercoledì 26 Settembre 2018 - 10:00

Pompei, un sacchetto di monete al petto: così scappava l'ultimo fuggiasco

POMPEI. Fuggiva dalla furia del Vesuvio con la speranza di salvarsi e con sacchetto di monete stretto al petto, quanto bastava alla sussistenza di una famiglia per un paio di settimane. Si arricchisce di un altro elemento la drammatica storia emersa dall'area archeologica di Pompei e precisamente dagli scavi in corso nel cantiere della Regio V. Nell'area è stato rinvenuto di recente appunto lo scheletro di un fuggiasco che era stato sbalzato all'indietro dal potente flusso piroclastico e colpito da un blocco di pietra che gli aveva tranciato la parte alta del torace e la testa, il tutto all'altezza del primo piano di un edificio adiacente, ovvero al di sopra dello strato di lapilli formatosi nella prima parte dell'eruzione, indizio che il fuggiasco cercava la salvezza ben dopo l'inzio dei fenomeni eruttivi. Ora da quello scavo sono emerse 20 monete d'argento e 2 in bronzo che erano contenute in una piccola borsetta che l'individuo stringeva al petto. Tra le costole del torace sono dapprima emerse 3 monete poi, via via, rimuovendo i resti della vittima, che saranno portati al Laboratorio di ricerche applicate del Parco archeologico di Pompei per il prosieguo delle indagini, è venuto fuori il prezioso bottino. Le monete sono allo studio dei numismatici che ne stanno definendo il taglio e il valore, mentre i resti decomposti della piccola borsa contenitore, saranno analizzati in laboratorio per definire il materiale. Ad un primo esame sembrerebbe trattarsi di 20 denari d'argento e due assi in bronzo per un valore nominale di ottanta sesterzi e mezzo. Una tale quantità di monete poteva all'epoca garantire il mantenimento di una famiglia di tre persone per 14, 16 giorni. Le monete hanno cronologia molto varia: è stato possibile esaminarne 15 monete, per la maggior parte repubblicane, a partire dalla metà del II secolo a.C. Una delle monete repubblicane più tarde è un denario legionario di Marco Antonio, comune a Pompei, con l'indicazione della XXI legio. Tra le poche monete imperiali individuate, un probabile denario di Ottaviano Augusto e due denari di Vespasiano. 

Scavi di Ercolano gratis domenica, dolcetti come benvenuto

ERCOLANO. Si ripropone domenica 3 giugno, l'appuntamento mensile dell'ingresso gratuito al Parco Archeologico di Ercolano con l'iniziativa ministeriale #Domenicalmuseo. Sono stati 5845 i visitatori che hanno fruito del sito nello scorso appuntamento di domenica 6 maggio, e nel mese di maggio grazie anche alle iniziative ministeriali della Festa dei musei, del 19 maggio e 20 maggio - con 4.500 ingressi in soli due giorni di apertura- e Notte dei musei del 19 maggio con 822 i visitatori che hanno fruito del sito in orario serale con un biglietto di solo 1 euro, oltre alle iniziative organizzate al Parco, si è registrato un incremento dei visitatori di oltre il 15% rispetto allo stesso mese dello scorso anno; numeri che, per il personale del Parco, aggiungono impegni e responsabilità per migliorare la qualità dei servizi, in tale ottica, per il 7 giugno è prevista una giornata di studio sulla programmazione strategica organizzata in collaborazione con il Comune di Ercolano e il partner Herculaneum Conservation Project. Intanto, in apertura della stagione estiva, a partire dal 1° giugno, per ampliare e migliorare l'offerta di fruizione ed accogliere sempre meglio i visitatori del Parco prenderanno servizio altre 4 unità di personale della società Ales e si potrà approfittare dei dépliant per le visite tematiche Maiuri pop up (scaricabili on line su ercolano.beniculturali.it). Coloro che visiteranno il Parco Archeologico nella prossima domenica 3 giugno riceveranno il gradito, ormai consueto, benvenuto da parte della Pro Loco Hercvlanevm, che offrirà ai visitatori bevande e dolcetti, inoltre gli ospiti del Parco potranno visitare la mostra Expanded interiors, presentata a metà del mese di maggio, riuscito accostamento di arte contemporanea all'interno del contesto archeologico ad opera di Catrin Huber. Installazioni di arte contemporanea sono inoltre diffuse all'interno del Parco Archeologico, anche al termine dell'anniversario caduto lo scorso 16 maggio, che ha voluto dedicare alla figura di Amedeo Maiuri un intero percorso all'interno del Parco, 'Maiuri pop up', che ricordasse il geniale approccio moderno che caratterizzò la figura dell'archeologo soprintendente. Per tutti coloro che non potranno organizzare la propria visita al Parco Archeologico di Ercolano domenica 3 giugno e, dovendo acquistare il biglietto di ingresso, si invita ad approfittare delle opportunità per 'risparmiare' del tempo nelle attese, rivolgendosi alla biglietteria dedicata, attraverso l'acquisto in anticipo di biglietto: -- artecard, biglietto cumulativo per accedere a diversi siti museali e archeologici campani, per il quale è necessaria l'esibizione alla biglietteria, allo sportello dedicato, per l'emissione del relativo biglietto; on line, sul sito su www.ticketone.it, preferendo le modalità di acquisto per accedere direttamente ai tornelli del Parco, soluzione che evita ogni tipo di attesa.

Scavi di Pompei, riemerge lo scheletro di uomo in fuga dall'eruzione

POMPEI. Il torace schiacciato da un grosso blocco di pietra, il corpo sbalzato all'indietro dal potente flusso piroclastico, nel tentativo disperato di fuga dalla furia eruttiva. E' in questa drammatica posizione, che emerge la prima vittima del cantiere dei nuovi scavi della Regio V di Pompei. «Il mio mandato è iniziato con crolli a Pompei 7 giorni dopo il giuramento da ministro - dichiara Dario Franceschini, ministro uscente dei Beni Culturali - e si conclude sempre a Pompei con ritrovamenti straordinari dopo 4 anni di restauri, di scavi in zone mai esplorate e con 1 milione di visitatori in più». Lo scheletro è stato ritrovato all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi, di recente scoperta, che si protende verso via di Nola. Dalle prime osservazioni, risulta che l'individuo sopravvissuto alle prime fasi dell'eruzione vulcanica, si sia avventurato in cerca di salvezza lungo il vicolo ormai invaso dalla spessa coltre di lapilli. Il corpo è stato infatti rinvenuto all'altezza del primo piano dell'edificio adiacente, ovvero al di sopra dello strato di lapilli. Qui è stato investito dalla fitta e densa nube piroclastica che lo ha sbalzato all'indietro.

Un imponente blocco in pietra (forse uno stipite), trascinato con violenza dalla nube, lo ha colpito nella porzione superiore, schiacciando la parte alta del torace e il capo che, ancora non individuati, giacciono a quota più bassa rispetto agli arti inferiori, probabilmente sotto il blocco litico. Le prime analisi eseguite dall'antropologa, durante lo scavo, identificano un uomo adulto di età superiore ai 30 anni. La presenza di lesioni a livello delle tibie segnalano un'infezione ossea, che potrebbe essere stata la causa di significative difficoltà nella deambulazione, tali da impedire all' uomo di fuggire già ai primi drammatici segnali che precedettero l'eruzione stessa. «Questo ritrovamento eccezionale - afferma Massimo Osanna, Direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei - rimanda al caso analogo di uno scheletro rinvenuto da Amedeo Maiuri nella casa del Fabbro e oggetto di recente studio. Si tratta dei resti di un individuo claudicante, anche lui probabilmente impedito nella fuga dalle difficoltà motorie e lasciato all'epoca in esposizione in situ».

«Al di là dell'impatto emotivo di queste scoperte, la possibilità di comparare questi rinvenimenti, confrontare le patologie e gli stili di vita, le dinamiche di fuga dall'eruzione, ma soprattutto di indagarli con strumenti e professionalità sempre più specifiche e presenti sul campo, contribuiscono ad un racconto sempre più preciso della storia e della civiltà dell'epoca, che è alla base della ricerca archeologica», conclude Osanna. I nuovi scavi della Regio V, dove è avvenuta quest'ultima straordinaria scoperta, fanno parte del cantiere di messa in sicurezza dei fronti di scavo interni alla città antica, previsto dal Grande Progetto Pompei. Le indagini archeologiche in corso stanno interessando l'area del cosiddetto 'Cuneo', posta tra la casa delle Nozze d'Argento e la casa di Marco Lucrezio Frontone.

Tra gladiatori ed enogastronomia, il week-end del Parco archeologico dei Campi Flegrei

NAPOLI. Grande partecipazione al Castello di Baia per l'iniziativa del PaFleg in collaborazione con l'Isis Rita Levi Montalcini di Quarto, con il Consorzio Mozzarella di Bufala campana, con Slowfood Campi Flegrei e tanti operatori del settore gastronomico, agrario e vitivinicolo flegreo. Studenti-ciceroni che hanno accompagnato i turisti all'interno delle sale del Museo archeologico dei Campi Flegrei e lungo un percorso enogastronomico, allestito nei cortili aragonesi, per degustare prodotti tipici dell'area flegrea. Visite guidate e assaggi tipici al termine di un percorso di alternanza scuola-lavoro che vede il Parco archeologico dei Campi Flegrei impegnato come luogo di formazione e partner del mondo dell'istruzione. Riflettere sul passato del territorio e proiettarsi verso il futuro turistico dell'area flegrea, ampliando gli orizzonti con il coinvolgimento di studenti che si preparano a diventare anche guide turistiche ed imprenditori del settore.

«Questa è la conferma della bontà del progetto del Parco – ha spiegato il direttore Paolo Giulierini – che ha aperto le sue porte al territorio e sta collaborando con associazioni, imprenditori, operatori culturali e scuole per promuovere il suo vasto patrimonio. Complimenti a quanti si sono impegnati in questo piano, tracciando un percorso di formazione aperto forse anche verso il futuro».

Nei prossimi mesi il Castello di Baia ospiterà altri eventi e performance con aperture al pubblico, volte all'integrazione territoriale e ad un'ampia offerta culturale.

Inoltre domani, domenica 27 maggio, è prevista l'apertura straordinaria dell'Anfiteatro Cumano dove è possibile tornare indietro nel tempo e scoprire come lottavano i gladiatori, in collaborazione con l’associazione Gruppo Archeologico Kyme e con gli esperti rievocatori storici della Reenactment society. L'appuntamento è dalle 10:30 alle 13.

Nell'ambito del "Maggio dei Monumenti 2018/ Bacoli porte aperte" è possibile domani visitare la Piscina Mirabilis, dalle 10:30 alle 13:30, guidati dagli studenti dell'istituto Paolo di Tarso ed è possibile scoprire le sale del Museo archeologico al Castello di Baia grazie alle guide turistiche della scuola Plinio il Vecchio-Gramsci. Ed infine con Legambiente è possibile visitare le Terme di Baia riscoprendo l'utilizzo dei colori in età romana.

 

Occhi chiusi spalle al mare

Con gli “Occhi chiusi spalle al mare”, Donato Cutolo dà alle stampe un romanzo (edito dalle Edizioni Spartaco) fortemente sentito nella sua diretta “semplicità” narrativa dal poetico contenuto sociale e umano.

Dopo aver lavorato al silenzio e in silenzio tutta la notte, ogni cosa ritrae la sua anima in attesa del nuovo giorno”, e nel personale “Viaggio al termine della notte” di Donato Cutolo, un “vento leggero sale dal mare profondo portando con sé storie di vite lontane. Granelli di sabbia” che uno dopo l’altro, nell’ineluttabilità di un “tempo senza movimento” e di un “silenzio” che “galleggia nell’aria e avvolge le cose”, compongono il nostro universo interiore nel rapporto con noi stessi e con coloro che ci circondano e che incontriamo nel corso della nostra esistenza.

E così è per il protagonista Piero, “introverso e schivo … cresciuto all’ombra di un padre distante” e nel ricordo di una madre e delle sue “promesse” che “a un figlio vanno mantenute”, e che fedele agli insegnamenti materni, per una promessa fatta, darebbe la vita nel suo incontro con le barbarie di chi dalla propria terra, dalla propria casa è costretto, clandestino, a fuggire a causa degli occhi chiusi dalla cecità dell’umana cattiveria.

Piero sedette su una panchina, accavallò le gambe e iniziò a leggere il reportage con molta attenzione: alternò momenti di rabbia a forte commozione, fu catapultato in un altro mondo …”, in quel mondo non libero e privo di ogni definita certezza, “nel limbo di quella prigione, in quella vita che non è vita”, nei “giorni e settimane in attesa di conoscere il proprio destino e la propria destinazione, sospesi tra i timori di un rimpianto coatto e l’anelito di una nuova vita…”.

Nel corso del romanzo la consapevolezza di Pietro cresce e si lacera di ferite e di cicatrici che resteranno sulla sua pelle come “sulla loro pelle (di Jasmine e Youssef) erano ancora vivi i tagli della clandestinità”; Piero compie il suo percorso e si affranca dal passato nella caparbia speranza di un possibile futuro diverso per chi, su questa terra, soffre.

Indubbia è l’enorme attualità di questo racconto di migranti, il cui peso “sociale” è stigmatizzato dalla scelta di accompagnare la lettura con una colonna sonora.       

Eppure mi è parso di udire la tua voce, di notte, un intervallo di silenzio durante il canto di cicale. Veniva dal mare”; e dal mare, con lo struggente carico emozionale e di una vita vissuta, sofferta, straziata, dei profughi, dei rifugiati, il canto che accompagna la lettura del romanzo è la voce della musica nella (appunto) splendida ed evocativa colonna sonora composta da Rita Marcotulli e dalla stessa eseguita al pianoforte con il supporto di Sergio Rubini come voce narrante, Fausto Mesolella alla chitarra, Mariano Iannotta alla noise guitar, Mariateresa Federico alla voce,Yasmeen Buds Choir, Magic Lamp (coro di bambini palestinesi) nella traccia di chiusura e Donato Cutolo ai paesaggi elettronici e synth.

L’esperienza di immaginare i paesaggi, i personaggi e gli stati d’animo che la lettura dà, quando la stessa va di pari passo con la musica, è di forte suggestione, tanto più se la “colonna sonora” è di pregevole fattura e arricchita, come nel caso di specie, dalle didascaliche voci di bambini palestinesi e siriani di sottofondo che raccontano ora i propri sogni, ora i propri timori con le loro grida di paura.

Una giovane soldatessa mi ha bloccato chiedendomi della mia bomba e della mia preghiera. Mi sono scusato dicendo: “Non combatto e non prego”. “Perché sei venuto a Gerusalemme allora?” “Per passare tra la bomba e la preghiera, a destra macerie di guerra, a sinistra macerie di Dio, ma io non combatto e non prego”. “Cosa sei?” “Un biglietto della lotteria tra la bomba e la preghiera.” “Cosa ci faresti? Cosa faresti se vincessi?” “Comprerei un colore per gli occhi della mia ragazza” (Mahmud Darwish, “Una trilogia palestinese”).

Marco Sica

“Muvimmece”, le immagini dell’Archivio Carbone in mostra al Kestè

NAPOLI. Una sfilata ci carrozze dell’800, una gondola veneziana nel Porto di Napoli, la gara dei “carruoccioli”, l’installazione di semafori in città. E ancora le auto in sosta a Piazza del Plebiscito e Piazza Bellini, Anna Magnani e Sophia Loren che arrivano in nave, 5 scugnizzi in vespa (una sola), una barca trainata da un ciuccio per le strade di Napoli. È un modo inusuale quello che hanno scelto Fabrizio Caliendo, fondatore e direttore artistico del Kestè e Federica Nicois, dell’Associazione Riccardo Carbone Onlus, curatori della mostra, per “viaggiare” a Napoli attraverso il tempo: 62 fotografie stampate oltre ad un centinaio di immagini che saranno video proiettate nei nuovi ambienti dedicati solo all’arte visuale del Kestè, storico “locale” del centro antico di Napoli, che con un percorso culturale oramai ventennale e più di 120 mostre d’arte prodotte, si è caratterizzato come luogo di riferimento della fotografia, oltre che della musica napoletana.

FOTOGALLERY

La Mostra Muvimmece”, inserita nell’ambito degli eventi del Maggio dei Monumenti, con il Patrocinio del Comune di Napoli, Assessorato alla Cultura, sarà inaugurata al Kestè (Largo San Govanni Maggiore Pignatelli 26) venerdì 25 maggio 2018 alle ore 18 e sarà visitabile fino al 14 settembre. Alcune delle immagini esposte saranno messe  in vendita; si tratta di “scatti”  venuti fuori dal lavoro di recupero, digitalizzazione e catalogazione che sta portando avanti l’Associazione Riccardo Carbone Onlus che,  grazie all’impegno dei volontari ed al sostegno di tanti napoletani, ha prima evitato che i negativi andassero perduti per sempre, ed ha poi avviato il lavoro di digitalizzazione oggi visibile e fruibile a tutti sul portale www.archiviofotograficocarbone.it. Grazie anche alle centinaia di “adozioni” di servizi fotografici da parte di cittadini, associazioni ed aziende, sono oggi fruibili online circa 15 mila immagini; un lavoro lungo, se si pensa che l’intero Archivio Carbone conta circa 500mila immagini, oggi sostenibile anche attraverso la destinazione del 5 per mille. «Per me è un onore e un vanto oggi poter collaborare con l’Archivio Carbone. Organizzare questa mostra è stato emozionante. Sapere inoltre di poter contribuire a salvare un immenso patrimonio culturale Napoletano, mi rende due volte più felice», spiega Fabrizio Caliendo, che da sempre ha curato in prima persona la sezione delle arti visuali del Kestè, ha deciso di creare questo nuovo foto racconto insieme a Federica Nicois, e di adottarlo con il Kestè. «Questa prima mostra apre una collaborazione tra l’Archivio e il Kestè che porterà  altri progetti fotografici, laboratori, stage. Si sta pensando a corsi di sviluppo fotografico, per tornare alla magia della nascita della fotografia, stampando foto uniche e preziose dai negativi originali dell’Archivio». Insomma, le foto “escono” dall’Archivio e vanno tra la gente. 

Napoli Città Libro al via

di Armida Parisi

NAPOLI. Ci siamo. Napoli città libro, il Salone dell’editoria apre i battenti. Alle 17 il taglio del nastro nella sala del Capitolo del Complesso di San Domenico Maggiore. È qui nella grande insula monastica che si volge la rassegna che, fino a domenica, coinvolgerà più di cento espositori e trecento eventi fra presentazioni, dibattiti e spettacoli. 
Nato dalla volontà degli editori Guida, Polidoro e Rogiosi, il Salone ha la direzione artistica di Francesco Durante, che ha voluto imprimervi un taglio internazionale grazie al tema “Back home” che è il filo conduttore dei quattro giorni. Si riferisce agli scrittori stranieri di orifine italiana e al loro rapporto con l’Italia. Fra questi Ci saranno Jay Parini, autore di un best seller dedicato agli ultimi giorni di Tolstoj, e poi Annie Lanzillotto e Peter Covino, due poeti molto presenti sulla scena americana nel campo dei diritti civili. 
Ed è proprio all’insegna dell’internazionalità il primo dibattito in programma. Interrogandosi sulla funzione propulsiva che la cultura può avere per il Sud d’Italia giornalisti Néstor Pongutá Puerto, Antonio Olivié e Viktoria Somogyi intervisteranno il sindaco di Matera, capitale europea della cultura 2019 Raffaello Giulio De Ruggieri, l’assessore alla Cultura del Comune di Palermo (capitale italiana della cultura 2018) Andrea Cusumano e il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. Massimo Milone, responsabile Rai Vaticano modererà il dibattito che sarà preceduto dai saluti di Claudio Silvestri, segretario del Sindacato unitario giornalisti della Campania. Alla rassegna presenzieranno anche il presidente della Camera Roberto Fico e il governatore Vincenzo De Luca.
Il cinquantenario del ’68 è l’occasione per mettere a confronto due libri “Il lungo ’68 in Italia e nel mondo” (La Scuola) di Marco Boato, e “Patria 1967-1977” (Feltrinelli) di Enrico Deaglio, . I due autori ne parleranno con il giornalista Dario Del Porto. 
Dall’avanguardia politica a quella teatrale conil reading di Enzo Moscato dal suo testo “Ritornanti” (Cronopio). Sarà invece sull’invenzione dei personaggi e sulla capacità immaginativa dello scrittore che il direttore del corriere del Mezzogiorno, Enzo d’Errico, intervisterà Maurizio de Giovanni che leggerà in anteprima un capitolo della nuova avvenutra del commissario Ricciardi. 
Alle 21,30 si sposta invece alla Thomas Dane Gallery, in via Crispi, per parlare di “Un mondo a parte” di Gustaw Herling. Ci saranno Francesco Cataluccio, Marta Herling e Titti Marrone. Le letture saranno di Andrea Renzi.
Fra gli appuntamenti interessanti di domani, si segnala alle 13 in sala Biblioteca 1, , quello con Luciana Libero, autrice di “Dopo Eduardo” (Apeiron).in cui pubblica testi e interviste dei drammaturghi contemporanei. Ci saranno Manlio Santanelli, Stefano de Stefano, Giuseppina Scognamiglio, Francesco Somma. 
Il divertente romanzo on “Tra Dio e il Diavolo” di Marco Marsullo sarà il protagonista dell’incontro in Sala refettorio alle 15. Un volto noto del cinema, Sivio Muccino sarà alle 18 nella Sala del Capitolo con “Quando eravamo eroi” (La nave di Teseo). Da non perdere alle 20,30 l’incontro con la poesia di Franco Arminio, autore di “Resteranno i canti” (Bompiani).
La serata si conclude al centro Domus Ars, in via Santa Chiara 10 alle 2 con il oncerto speciale di musica intuitiva dell’Ensemble Dissonanzen: «Il mio ideale - dice il trombettista Markus Stockhausen - è una musica che vada al di là di qualsiasi direzione stilistica, senza tuttavia negarne alcuna. È l’unico modo di permettere all’intuizione d’essere realmente libera, e di produrre una musica che tenga conto di tutte le circostanze – l’acustica e la qualità dello spazio, l’orario, la qualità e l’impegno degli altri musicisti, le proprie emozioni, gli ascoltatori presenti, l’ispirazione del momento – dando così al musicista la maggior libertà d’espressione possibile».
E per chi vuole approfittare del Salone del Libro per fare un firo nel centro storico, l’associazione culturale “Insolita guida” offre quattro itinerari letterari tra luoghi che evocano storie di fantasmi, quelli raccontati dagli scrittori del secolo scorso, quelli dei Bastardi di Pizzofalcone e un percorso tutto dedicato ai romanzi di Matilde Serao. 

Polidoro Party

In Fahrenheit 451, Ray Bradbury prima e François Truffaut poi “gelano” la temperatura di combustione della carta, rendendo l’essere umano libro e ricollocando la scrittura nel suo primigenio luogo d’origine. 

Fortunatamente, però, fuori dalla “finzione” del romano e cinematografica, la “carta” e i libri non sono stati bruciati (malgrado la storia abbia registrato diversi tentativi in tal senso) e oggi continuano a vivere e a riempire gli scaffali delle librerie e delle nostre emozioni, facendoci sognare, immaginare, crescere, arricchire culturalmente e viaggiare in quel meraviglioso mondo che solo la lettura sa offrire. 

Tutto ciò grazie soprattutto all’impegno, la passione e il sacrificio di tanti editori, anche “minori” e indipendenti, che, incuranti della deriva “liquida” (concettualizzata da Zygmunt Bauman) verso la quale la nostra società è sempre più orientata, con cavalleresco spirito romantico, continuano a credere nella forza comunicativa e salvifica della lettura.

Mostrando fedeltà alle proprie idee, e con una particolare attenzione verso la capacità ispiratrice in ambito letterario della città di Napoli, il Comitato Liber@Arte, di cui fanno parte gli editori partenopei Diego Guida, Rosario Bianco e Alessandro Polidoro (presidente del comitato), si è fatto promotore del “Salone del Libro di Napoli”, in programma dal 24 al 27 maggio presso il complesso monumentale di San Domenico Maggiore. 

E così, proprio in occasione del “Salone del Libro”, Alessandro Polidoro Editore, ha deciso di presentare il 25 maggio, all’Ennò di via Bellini, il proprio catalogo, in una serata dedicata al “libro”.

Alessandro Polidoro Editore è una casa editrice - commenta Alessandro Polidoro - nata cinque anni fa e che, malgrado la giovane età, è cresciuta esponenzialmente, passando da realtà cittadina a realtà di rilevanza nazionale. 

Il merito di tale successo va sicuramente ascritto all’impegno profuso da coloro che sono parte attiva e cuore pulsante della Polidoro Editore: il direttore editoriale Adriano Corbi, l’editor Antonio Esposito e Cecilia Laringe, responsabile dell’ufficio stampa e dell’organizzazione degli eventi; tutti giovani qualificati, con specializzazioni in editoria e sinceramente appassionati a questo mondo. 

Ho da subito cercato di costruire, sia con i miei collaboratori che e con gli autori, un rapporto che andasse oltre la “semplice” stampa e pubblicazione di un libro, dando pieno significato al termine “Casa Editrice”, intesa, appunto, come la nostra “Casa”, come una famiglia che unita porta avanti un progetto in cui crede, nella comune speranza che il libro possa tornare a essere un valore aggiunto e una presenza costante nel quotidiano palinsesto delle famiglie. 

Il 25 maggio, all’Ennò, abbiamo organizzato una serata aperta a tutti, nella quale ospite d’onore e festeggiato sarà proprio il libro, e in cui i lettori potranno incontrare gli autori da noi editi per confrontarsi e discutere assieme di letteratura o semplicemente della vita”.  

Marco Sica

Addio allo scrittore Philip Roth

È morto a New York lo scrittore Philip Roth, tra i grandi della letteratura del Novecento. Roth è morto ieri sera in un ospedale di Manhattan all'età di 85 anni, "circondato dai suoi amici di una vita che lo hanno profondamente amato", ha scritto il suo biografo, Blake Bailey. Gigante della narrativa americana e mondiale, voce autorevole del dissenso rispetto al mito dell'"american way of life", scrittore dai mille premi, Philip Roth, eterno candidato al Nobel, ha rappresentato per un lungo tempo l'enfant terrible della narrativa ebraico-americana.

Pompei, torna alla luce la Domus dei Delfini FOTOGALLERY

POMPEI. Nuove sorprese dagli scavi della Regio V. In questi giorni sta venendo alla luce una nuova casa, la Domus dei Delfini, lussuosa e raffinata dimora di fronte alla Casa delle Nozze d'Argento. Finora sono stati rinvenuti affreschi dai colori vivaci, tra cui spiccano numerosi dettagli: un pavone, un pappagallo, una pernice, caprioli, animali fantastici e appunto i delfini che danno il nome alla casa, che probabilmente apparteneva a un notabile della città.  

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno