Sabato 19 Gennaio 2019 - 0:22

Basket: Pozzuoli, arriva il promettente centro Thiam

La Virtus Bava Pozzuoli comunica di aver ingaggiato il centro Iba Koite Thiam. Classe 1998, è alto 205 centimetri ed è stato prelevato dalla Pallacanestro Fabriano che gioca in serie B. Appena sedicenne è uno dei talenti più promettenti del basket italiano. Tanto che Kevin Durant lo seleziona per un camp diretto da coach Ettore Messina. Ha già debuttato in serie B quando aveva appena 16 anni. Poi, è la Pallacanestro Forlì che decide di puntare su di lui. Arriva in Serie A2 appena diciottenne e si batte in qualche scampolo di partita. Nell’ultima stagione è in doppio tesseramento, si divide tra Forlì (A/2) e Lugo (B), conquistando una doppia salvezza e risultando decisivo nella salvezza in Serie B del Lugo con 14,5 punti di media e 9,5 rimbalzi nella serie playout contro Rimini. Con la maglia di Forlì entra nelle rotazioni di coach Giorgio Valli e chiude a quasi 2 punti di media e altrettanti rimbalzi in 7 minuti di gioco. Il giocatore quest'oggi conoscerà i nuovi compagni ed effettuerà il primo allenamento al Pala Errico agli ordini dei tecnici Mauro Serpico e Paolo Pepe. 

Giuntoli: "Cederemo Rog in prestito al Siviglia, ma senza riscatto"

Intercettato dai colleghi di Abc Siviglia, il ds del Napoli Cristiano Giuntoli ha fatto il punto della trattativa per il passaggio di Rog al Siviglia: "E' vero che stiamo trattando il passaggio in prestito di Rog al Siviglia e abbiamo dato l'ok. Siviglia può essere una buona soluzione per Marko e lui ci ha detto che vuole giocare lì. Ma non vogliamo cederlo. Può giocare i questi sei mesi a Siviglia e poi tornare al Napoli. Abbiamo detto sia al Siviglia che al ragazzo che non vogliamo opzioni per il diritto di riscatto sul prestito, o al massimo un'opzione altissima. E' un giocatore verso il quale abbiamo molta fiducia e non vogliamo cederlo". 

Razzismo, pronte norme per semplificare la sospensione

Il calcio italiano è pronto a darsi nuove regole per contrastare il fenomeno del "razzismo da stadio", un tema che sarà affrontata nel prossimo Consiglio Federale che, secondo Il Corriere dello Sport, slitterà al 30 gennaio. Oltre al format della Serie B e al Club Italia, il presidente della FIGC Gabriele Gravina sottoporrà all'attenzione dei consiglieri la nuova normativa da applicare a partire da febbraio per i cori e gli ululati all'indirizzo dei giocatori di colore. Sulla falsariga delle regole dettate dal 2009 dalla Uefa, l'arbitro sarà chiamato a valutare due possibili misure per provare a stoppare ogni intemperanza dagli spalti: l'interruzione del match durante l'annuncio dell'altoparlante, su sua iniziativa o suggerimento, successivamente, in caso di reiterati cori offensivi, il rientro negli spogliatoi delle squadre.

Laddove anche questo secondo stop non risultasse sufficiente a riportare la situazione alla normalità, il responsabile dell'ordine pubblico allo stadio dovrebbe intervenire (esattamente come avviene oggi) per chiedere un'ulteriore sospensione della partita, fino all'eventualità di quella definitiva con l'opzione dello 0-3 a tavolino per la squadra di appartenenza dei tifosi responsabili di certi comportamenti. Tutto chiaro, o quasi, visto che nel protocollo andrà precisato in maniera netta quale persona dovrà coadiuvare il direttore di gara nella gestione di questi episodi, soprattutto laddove non ci si accorgesse da subito di quanto sta avvenendo. Escluso l'ipotesi del delegato della Lega, il compito spetterebbe o ai commissari della Procura Federale o al responsabile della sicurezza allo stadio.

Scontri per il match Napoli-Verona: arrestati cinque tifosi VIDEO

NAPOLI. Gli agenti della Digos della Questura di Napoli hanno eseguito cinque ordinanze di custodia cautelare in carcere e dieci perquisizioni a carico di altrettanti appartenenti alla tifoseria partenopea per i gravi incidenti accaduti il 6 gennaio 2018, all'esterno della stazione centrale di Napoli, in occasione della partita Napoli-Verona. Durante le perquisizioni sono state rinvenute e sequestrati oggetti utili alle indagini oltre un manganello, un passamontagna e un tirapugni. I provvedimenti sono il frutto delle indagini coordinate dal Pool di magistrati istituito presso la locale Procura della Repubblica.

IL VIDEO

Il sogno di Gaetano: debutto in prima squadra col Napoli

Ieri l'esordio in prima squadra, questa mattina sveglia all'alba e la partenza in treno per Firenze. Gianluca Gaetano sta raggiungendo i compagni, la Primavera giocherà nel posticipo della 14esima giornata contro la Fiorentina alle 14.30 allo stadio Bozzi. Ci sarà anche il capitano di Baronio, dodici gol in stagione, un riferimento per gli azzurrini con un sogno appena realizzato. Gaetano ricorderà a lungo il 13 gennaio, giorno del debutto con la maglia del Napoli. E' entrato al minuto 89 al posto di Milik, pochi minuti in campo e l'indimenticabile emozione della prima volta. Ora testa alla Primavera, in attesa di nuove occasioni con Ancelotti. 

Ancelotti: "Non era facile vincere dopo la sosta"

Il pericolo era dietro l’angolo. Ritrovare ritmo e idee dopo la sosta non è semplice, farlo con una squadra insidiosa come il Sassuolo non è scontato. Motivi che hanno spinto Ancelotti a schierare una formazione competitiva, in grado di gestire e di vincere la partita senza grossi affanni, pur non brillando per larghi tratti. L’obiettivo era passare il turno e il Napoli ci è riuscito grazie ai gol di Milik e di Ruiz. Ora il Milan, per un incrocio che rievoca dolci ricordi per l’attuale tecnico azzurro che al termine del match ha ribadito la ferma volontà di arrivare fino in fondo alla competizione.

Napoli ai quarti di finale: è il primo passo per provare a vincere un trofeo particolarmente ambito dalla squadra?

“Abbiamo interpretato molto bene la partita, dopo la sosta ci sono sempre delle incognite. Giocheremo due volte in tre giorni col Milan e per me sarà un periodo molto particolare, è sempre piacevole tornare a San Siro. La Coppa Italia è un nostro obiettivo, lo abbiamo detto sin dall’inizio e lo ribadiamo anche stavolta. Daremo il massimo”.

Il Napoli resta impegnato su tre fronti: lo scudetto è ancora un obiettivo o siete proiettati solamente sulle coppe?

“Ce la dobbiamo giocare con tutti alla pari, la rosa che abbiamo ci consente di essere competitivi su tutti i fronti. In coppa Italia e in Europa League partiamo alla pari con le altre, in campionato dobbiamo recuperare nove punti, quindi è più difficile ma lotteremo fino alla fine su ogni campo”.

Con De Laurentiis farete il punto sul mercato? Ci sono novità su Allan?

“Dalla Francia non è arrivato niente, Allan è un nostro giocatore. Non ci sono operazioni importanti all’orizzonte, speriamo che il mercato finisca presto, così ci concentreremo solamente sulle competizioni. Allan ha fatto un girone d’andata straordinario e contiamo su di lui anche per il ritorno”.

Insigne continua a non segnare: può diventare un problema per il Napoli?

A Lorenzo manca solo il gol ma col Sassuolo ha fatto un’ottima partita, ha lavorato molto per la squadra, è stato bravo nelle combinazioni con Milik e ha propiziato il primo gol. Non pesa a lui e non pesa nemmeno a noi”.

Il Napoli ha presentato ricorso per Koulibaly: sarebbe un bel segnale per il calcio italiano la riduzione della squalifica?

“Non so cosa accadrà, se ne stanno occupando gli organi competenti. Spero ci sia solo un po’ più di chiarezza sulle decisioni. Non è un dramma interrompere momentaneamente le partite, l’importante è non confondere questo provvedimento con la sospensione”.

In Inghilterra scrivono che Koulibaly può lasciare a causa del problema razzismo: c’è qualcosa di vero?

"Non credo proprio, Koulibaly si trova bene a Napoli. E' dispiaciuto come altri, ma non sarà un motivo scatenante per un addio. Non l'ha mai manifestato, anzi vuole restare a Napoli ed in Italia, paese che gli piace molto".

Hysaj ha commesso diversi errori in fase di possesso: forse è poco sereno per le uscite polemiche del suo procuratore?

"Ha fatto una buona partita. Lui vuole stare con noi, noi abbiamo stima di lui, poi in una stagione ci sono alti e bassi. Lui e l'agente credo siano molto sereni".

Fabian: "Contento per il gol, ci teniamo alla Coppa Italia"

Fabian Ruiz, centrocampista del Napoli e autore del gol del 2-0 nel match contro il Sassuolo, al triplice fischio è intervenuto al microfono di Rai Sport: "Sappiamo che è una competizione importante per noi. Questa era una partita difficile, ma abbiamo fatto bene. Ora pensiamo al campionato. Milan? Tutte le gare sono difficili. I rossoneri sono una squadra forte, ma noi coi nostri tifosi facciamo bene. Ancelotti? Quello che mi dà è molto importante, sono molto felice con lui. Devo lavorare molto per continuare così".

Il Napoli affonda il Sassuolo e vola ai quarti: ora c'è il Milan

NAPOLI. Due gol "firmati" da Milik e Ruiz contro il Sassuolo portano il Napoli ai quarti di finale di Coppa Italia, ora c'è il Milan. Il vantaggio arriva al 14' con Milik, poi, sempre nel primo tempo, il Sassuolo trova il gol del pareggio con Locatelli che però l'arbitro Chiffi annulla dopo la segnalazione e il controllo del Var, per un fallo di mano dello stesso Locatelli. Il raddoppio al 28' del secondo tempo con un gol di Ruiz su assist proprio dell'attaccante polacco Milik. Debutto nella seconda parte di gara del trequartista della Primavera del Napoli, Gaetano, appena 18enne, vera promessa del calcio. Ottimista Ancelotti per il futuro della squadra impegnata su tre fronti: Serie A, Coppa Italia ed Europa League. «Per la rosa che abbiamo dobbiamo giocarcela con tutti alla pari. Ma anche se in campionato abbiamo un distacco di nove punti, non molliamo. Insigne? Oggi ha fatto un'ottima partita, ha lavorato per la squadra e il gol è un dettaglio». A fine partite il commento dell'attaccante Milik: «La Coppa Italia è una grande chance per noi, vogliamo arrivare fino alla fine. Abbiamo sbagliato tanto oggi, non è facile fare bene dopo la sosta, ma abbiamo vinto, siamo ai quarti e siamo molto felici». E conclude: «In questa squadra non esistono titolari, abbiamo tanti giocatori forti in attacco, sono felice per gol e assist ma so anche che questa non è stata la mia migliore partita a Napoli, adesso, però, concentriamoci sul campionato e sulla Lazio».

Dall'Inghilterra: "Koulibaly via da Napoli per il razzismo"

"Il Manchester United è pronto a mettere fine all'inferno razzista di Koulibaly". Ha del clamoroso la voce che arriva dall'Inghilterra, con tanto di fonte autorevole a lanciarla, sul futuro di Kalidou Koulibaly. Secondo quanto scritto dal Mirror, infatti, i Red Devils offriranno al centrale azzurro l'occasione di scappare dall'Italia, dopo averlo già inserito tra le priorità per la prossima estate. A Manchester - si legge - sono convinti che, dopo aver già fallito con un tentativo lo scorso anno, questa sia la volta buona per ingaggiarlo perché il franco-senegalese forzerà la cessione con il Napoli a causa del razzismo dilagante nel Paese.

Aurelio De Laurentiis ha dichiarato di aver rifiutato 95 milioni di sterline dallo United, ma ad Old Trafford smentiscono. Non smentiscono invece certamente l'interesse e sono certi che quest'estate il colpo andrà in porto. Il Mirror ribadisce che ormai Koulibaly s'è deciso a fare le valigie e il Napoli s'è rassegnato a perderlo perché la volontà del giocatore sarebbe quella di andare via. Il condizionale - non ce ne vorranno i colleghi del Mirror - è d'obbligo perché, conoscendo De Laurentiis, la richiesta sarà bella alta. E lo confermano anche Oltremanica, tant'è che si parla della concorrenza del Real Madrid e del fatto che un'asta non farebbe altro che elevare il prezzo.

De Laurentiis torna e sblocca il mercato: Lozano nel mirino

Il Napoli lavora sul mercato anche in vista della prossima stagione e a breve farà partire l'assalto ad Hirving Lozano, messicano classe '95 del PSV, divenuto il nome più concreto per l'attacco di Ancelotti. Con il ritorno in Italia di Aurelio De Laurentiis l'affare potrà sbloccarsi, stando a quanto scritto dal quotidiano rosa:

"Dal presidente, Giuntoli si aspetta il via libera definitivo per concludere l’operazione Lozano. La prima offerta è stata di 30 milioni di euro più Younes, il Psv ne vuole 40. Il diesse incontrerà Raiola a metà settimana per concordare la strategia più idonea per provare a chiudere la trattativa. Lozano è stato chiesto espressamente da Ancelotti e il presidente è intenzionato a accontentarlo".

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)