Lunedì 21 Gennaio 2019 - 20:24

Napoli scatenato anche con la Lazio
Cinque gol con una doppietta di Higuaìn

È finita come tutti sognavano. Con una vittoria sonora e una Lazio che è tornata a casa con la coda tra le gambe. Ben cinque i gol realizzati. Doppietta di Higuaìn, e una rete di Allan, Insigne e Gabbiadini. Di più non poteva chiedere Sarri da questa partita. La goleada al Brugge aveva fatto ben sperare in vista di una gara, quella di questa sera, che poteva nascondere tante insidie. Non gli ha dato scampo il toscano alla bestia nera Pioli che stavolta ha alzato bandiera bianca. E adesso si pensa già alla sfida di mercoledì in casa del Carpi.

35' Allan pesca in corridoio Gabbiadini che davanti a Marchetti segna il quinto gol

29' El Kaddouri per Insigne

20' Gabbiadini per Higuaìn

15' David Lopez per Hamsik

14' Higuaìn scatta in contropiede, supera l'avvesario, entra in area e di destro mette il pallone in rete

10' ammonito Mauricio

3' Segna Insigne. Higuaìn supera tre avversari, entra in area, calcia, Marchetti para sui piedi di Insigne che sigla il tris

1' Felipe Anderson per Lulic

1' Milinkovic per Mauri

SECONDO TEMPO

Grande Napoli. Spettacolare quello del primo tempo che non ha fatto vedere il pallone alla Lazio. Ha funzionato benissimo il 4-3-3 al quale Sarri ha deciso di affidarsi di nuovo. Una spinta offensiva esagerata e anche una difesa molto attenta. Risultato 2-0 per gli azzurri con gol di Higuaìn e Allan

42' Insigne in giornata, supera Basta e di destro impegna Marchetti

38' Insigne semina il panico in area, calcia di destro, pallone deviato in angolo

35' Insigne forza il dribbling, serve Allan che si inserisce e tutto solo segna il raddoppio

19' ammonito Lulic

18' Insigne serve Callejon perfettamente, ma lo spagnolo non calcia bene in porta

14'' Higuaìn segna di forza: riceve palla, si libera dell'avversario e di destro mette nell'angolino dove Marchetti non può arrivarci

7' Insigne al centro per Allan che colpisce di destro, deviazioni che finisce di poco a lato

6' Biglia crossa al centro per Keita che tutto solo spara alto

5' Insigne per Higuaìn, tocco di destro ma Marchetti para di istinto

Si comincia

NAPOLI (4-3-1-2): Reina; Maggio, Albiol, Chiriches, Hjsaj; Allan, Jorginho, Hamsik; Insigne; Gabbiadini, Higuain. All. Sarri

LAZIO (4-2-3-1): Marchetti; Basta, Mauricio, Hoedt, Radu; Cataldi, Parolo, Lulic; Mauri; Keita, Matri. All. Pioli

ARBITRO: Damato di Barletta

Esordio con goleada per Sarri in Europa
Travolto il Brugge con cinque reti

NAPOLI. Di più non poteva chiedere Maurizio Sarri al suo esordio storico in Europa League. Il Napoli, infatti, ha cominciato il girone D con un successo esagerato. Ben cinque i gol rifilati al Brugge. E con un po' più di precisione le reti sarebbero potute essere anche di più. Può essere soddisfatto il nuovo tecnico che ha adottato il 4-3-3 per l'occasione. A firmare il successo Callejon, Mertens e Hamsik. I primi due autori di una doppietta ciascuna. E domenica ci sarà la prova del nove con la Lazio

32' Allan in corridoio per Calljon che entra in area e segna ancora

30' Insigne per Mertens

26' Gabbiadini per Higuaìn

25' Palo di Higuaìn sull'uscita del portiere

16' Allan per Hamsik

8'st Hamsik va in verticale servito da Mertens, il portiere esce e non trattiene e per il capitano è facile segnare di sinistro

SECONDO TEMPO

FINE PRIMO TEMPO. In venticinque minuti il Napoli segna tre gol dimostrando che il 4-3-3 funziona meglio del 4-3-1-2. Sarà stata anche la poca forza del Brugge sta di fatto che gli azzurri hanno avuto vita facile andando in gol subito con un gol di Callejon dalla distanza. Poi lo spagnolo serviva in area Mertens che raddoppiava. Nessuna pietà dell'esterno belga contro i suoi connazionali visto che al 25' su uno schema su punizione faceva anche tris. La difesa ha ballato poco ma ha tenuto qualche volta in ansia Reina.

38' Uno due Mertens-Higuaìn, destro del Pipita che finisce alto perché deviato

34' Higuain per Lopez che al centro dell'area calcia alto

25' schema su punizione, Jorginho per Mertens in area che di destro segna ancora

22' Hamsik per Mertens, dribbling e tiro a giro di destro che il portiere blocca

18' Callejon va via sulla destra, crossa al centro, Mertens anticipa tutti e di piatto raddoppia

5' Jorginho per Callejon che di destro fa un tiro cross che finisce in porta

Sarri si affida al 4-3-3

Le formazioni ufficiali:

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Koulibaly, Albiol, Ghoulam; David Lopez, Jorginho, Hamsik; Mertens, Higuain, Callejon.

Brugge (4-3-3): Bolat; Meunier, Duarte, Mechele, De Bock; Vormer, Simons, Vazquez; Bolingoli Mbombo, Diaby, Leandro Pereira.

De Laurentiis: «Maradona non conosce più la realtà di Napoli»

NAPOLI. Aurelio De Laurentiis è tornato a parlare. A margine dell'incontro in Prefettura per lo stadio San Paolo, il patron ha detto il suo pensiero dell'attuale momento che vive il Napoli. "Sarri deve ancora lavorare ed esprimere molto - ha affermato il presidente -. Bisogna lasciargli una certa tranquillità perché se aggungiamo altra pressione a quella di una città come Napoli, passa da 300 a 600 sigarette. Scegliere un allenatore non è facile, però gli uomini vanno valutati per quello che sono".
Le parole di Maradona hanno fatto rumore. Anche De Laurentiis è stato bacchettato dal Pibe de oro. "È il più grande calciatore mai esistito - ha proseguito - è unico e più forte di Pelé. Ma sta lontano, è a Dubai non conosce più secondo me la realtà di Napoli. Non l'ho visto in tv, ma ho letto quello che ha detto. Fa delle affermazioni che hanno del sensazionalistico, come per buttare un sasso nello stagno. Vorrei ricordargli che in una città così difficile abbiamo avuto un crescendo costante che non vuol dire solo vincere qualche coppa ma anche rafforzare un club nell'ambito di una società civile decrescente. Il Napoli cresce ininterrottamente dal fallimento in poi, mentre la società civile di Napoli è in declino. A me non ha offerto nulla, basti pensare che allo stadio non sono mai stati fatti lavori se non con grande fatica o con soldi anticipati da me a cui non sono mai stati restituiti".

Sarri: «Onorato che Maradona parli di me, spero di fargli cambiare idea»

CASTELVOLTURNO. "Su Maradona dico che è un idolo, io lo andai a vedere in un ritiro. Già che mi conosce è un onore, non ho intenzione di rispondere ma spero solo di fargli cambiare leggermente idea. Le ultime gare sono state diverse, ad Empoli non è mancata cazzimma, abbiamo rimontato due volte e fatti 20 minuti d'assedio, reagendo quindi agli eventi negativi", l'ha affermato Maurizio Sarri nella conferenza stampa di presentazione di Napoli-Brugge.

"Sono molto concentrato sulla squadra - ha continuato il tecnico-non ci ho pensato più di tanto. Poi domani un pò di tensione può venire fuori, ma ora sono concentrato sul campo".

Napoli capitale della vela: da domani il "Cico" nelle acque del Golfo

NAPOLI. L’attesa è finita. Da oggi, e per i prossimi cinque giorni, Napoli sarà a tutti gli effetti la capitale della vela italiana, ospitando il Campionato Italiano Classi Olimpiche (Cico) che, come tutte le edizioni preolimpiche, dovrà dare al Direttore Tecnico della nazionale Michele Marchesini indicazioni importanti in vista delle Olimpiadi di Rio de Janeiro, in programma tra meno di un anno.  
La manifestazione, che vedrà nella tarda mattinata di domani (ore 12) la disputa delle prime regate, è organizzata dai tre circoli nautici più antichi della città (Circolo del Remo e della Vela Italia, Reale Yacht Club Canottieri Savoia e Club Nautico della Vela) e vedrà misurarsi nelle dieci classi olimpiche qualcosa come 270 partecipanti.

Napoli basket in Puglia per due test in 48 ore

NAPOLI. La Givova Napoli partirà domani in tarda mattinata in bus alla volta della Puglia. La squadra guidata da coach Giampaolo Di Lorenzo, dopo le ultime incoraggianti e positive affermazioni pre-stagionali sul Latina Basket, sull’EuroBasket Roma e su Scafati, è attesa infatti da una doppia trasferta pugliese in sole 48 ore, domani sera e poi anche dopodomani. Il primo test per i partenopei sarà con l’Ambrosia Bisceglie, squadra anch’essa partecipante al prossimo torneo di serie B di basket maschile, ma a differenza di Berti e compagni inserita nel girone D. I baresi di coach Corvino e dei vari Torresi, Gambarota, Chiriatti, Cecchetti, Zanotti e Listwon, ospiteranno alle ore 19 sul parquet di casa del PalaDolmen il team azzurro. Poi dopodomani, rimanendo in Puglia, la Givova effettuerà un nuovo test-scrimmage, questa volta alle ore 18 con il Martinafranca, altra formazione del girone D di serie B.

Memorial D'Angelo, domani si parte

NAPOLI. “La leggenda torna a vivere”. Doveroso ricordare il talento sconfinato al servizio dell’infinita fantasia. Nella piscina olimpica della Mostra d’Oltremare  doman e giovedìi il VI Memorial Enzo D’Angelo, compianto centroboa e sorridente allenatore bacolese, allievo di Fritz Dennerlein, scomparso nel 2008, che vinse i quattro scudetti “degli anni dispari” e una Coppa Campioni con la calottina della Canottieri.
Carpisa Yamamay Acquachiara, RobertoZeno Posillipo, Canottieri Napoli e Roma Nuoto si contenderanno la vittoria del trofeo a partire dalle ore 16 di domani. Alla presenza dei fratelli Peppe e Tony D’Angelo. In ricordo di Enzo.

Maradona: «Il Napoli con Sarri non vince, è da centroclassifica»

Ospite nel programma televisivo di Piùenne, Diego Armando Maradona ha commentato il periodo delicato in casa Napoli e non solo. Ecco le varie dichiarazioni che vi abbiamo proposto in tempo reale:  ha criticato la scelta di Sarri da parte di De Laurentiis: 

«Ho tanto rispetto per Sarri, ma con lui non avremo un Napoli vincente - ha detto il Pibe - Avrei confermato Benitez, che ora è al Real Madrid. De Laurentiis ha sbagliato con i tifosi del Napoli, non ha dato garanzie per vincere qualcosa. Con questa squadra, arriveremo a metà classifica! Il Napoli non merita di scendere di prestigio dopo tutto quello che ci è costato per andare su, questa è una grande piazza e il presidente deve capirlo! Serve rispetto per la gente, questa è una grande squadra e c'era bisogno di un tecnico che conoscesse bene la grandezza e le difficoltà dell'ambiente e di calciatori attaccati alla maglia. Sono arrabbiato, non sono soddisfatto».

 

Il Napoli strappa un pari ad Empoli 2-2

 

EMPOLI. È solito Napoli che sbanda in difesa e non riesce a vincere nemmeno ad Empoli. Anzi è stato costretto a recusare due volte lo svantaggio, rischiando grosso. Un superbo di Insigne ed rete ad inizio di ripresa di Allan. Troppo pochi per portare a casa i tre punti. Solo nella seconda parte della gara, con l'Empoli a corto di fiato, gli azzurri hanno dimostrato di poter fare il colpa ciò con un assalto finale senza fortuna. Hamsik a mezzo servizio, Higuaìn stranulato, Gabbiadini buon rifinitore, Insigne senza continuità, centrocampo con un Valdifiori privo di mordente e di classe, difesa come sempre senza lucidità. L'ingresso di Mertens ha dato vivacità e continuità alla manovra offensiva. Insomma Maurizio Sarri ne ha ancora molto da lavorare per poter portare la squadra a livelli di alta classifica. La prova del fuoco arriva giovedì sera alle 19 al San Napoli nella gara del debutto in Europa League contro il Bruges.

EMPOLI-NAPOLI 2-2 (2-1)

EMPOLI - (4-3-1-1) - SKORUPSKI, ZAMBELLI (35' ST LAURINI), TONELLI,
BARBA, MARIO RUI, CROCE, DIOUSSE, ZIELINSKI (31' ST PAREDES),
SAPONARA, MACCARONE (22' ST LIVAJA), PUCCIARELLI. A DISP. MAIELLO,
LAURINI, PAREDES, PELAGOTTI, BITTANTE, BUCHEL, PIU, DERMAKU, LIVAJA,
RONALDO, MCHEDLIDZE, COSTA, COSIC, PUGLIESI. ALL. GIAMPAOLO;

NAPOLI - (4-2-1-2) - REINA, MAGGIO, ALBIOL, CHIRICHES, HYSAJ, HAMSIK,
VALDIFIORI (13' ST JORGINHO), ALLAN, INSIGNE (30' ST CALLEJON),
HIGUAIN, GABBIADINI (20' MERTENS). A DISP. DEZI, STRINIC, RAFAEL
CABRAL, GHOULAM, GABRIEL, JORGINHO, MERTENS,
HENRIQUE, DAVID LOPEZ,
KOULIBALY, EL KADDOURI, CALLEJON. ALL. SARRI.

ARBITRO: BANTI di Livorno

MARCATORI: 3' PT SAPONARA (E), 7' PT INSIGNE (N), 18' PT PUCCIARELLI
(E), 5' ST ALLAN (N);

AMMONITI: ALLAN (N), CROCE (E), VALDIFIORI (N), LIVAJA (E), JORGINHO
(N), HYSAJ (N).

 FINISCE 2-2 EMPOLI-napoli SFIDA CHE VEDEVA L'EX ALLENATORE DEI TOSCANI SARRI TORNARE AL CASTELLANI PER LA PRIMA VOLTA DOPO IL TRASFERIMENTO ALL'OMBRA DEL VESUVIO. LA SQUADRA DI GIAMPAOLO SPAVENTA NEL PRIMO TEMPO GLI AZZURRI TROVANDO IL VANTAGGIO DOPO SOLI 3 MINUTI CON SAPONARA, ALL'EX MILAN REPLICA AL 7' INSIGNE, AL 18' PUCCIARELLI RIPORTA AVANTI L'EMPOLI MA NELLA RIPRESA UN napoli PIÙ CONCRETO PAREGGIA AL 49' CON ALLAN. IN CLASSIFICA IL napoli SALE A 2 PUNTI, PRIMO PUNTO DELLA STAGIONE PER L'EMPOLI. PARTONO SUBITO FORTI I TOSCANI, AL 3' PUCCIARELLI INNESCA SAPONARA CHE SCATTA SUL FILO DEL FUORIGIOCO E SI INVOLA VERSO L'AREA DOVE BRUCIA REINA IN USCITA. LA PARTENZA AD HANDICAP NON SCORAGGIA GLI AZZURRI CHE RISPONDONO IMMEDIATAMENTE, GABBIADINI SI INVOLA SULLA FASCIA, ALZA LA TESTA E PESCA INSIGNE AL LIMITE, IL NUMERO 24 ESTRAE DAL CILINDRO UN TIRO A GIRO SUL SECONDO PALO SUI CUI SKORUPSKI NON PUÒ NULLA: 1-1. L'EMPOLI TARGATA GIAMPAOLO NON SI FERMA, ZIELINSKI PROVA LA GRAN BOTTA DA FUORI, LA PALLA DEVIATA DA CHIRICHES TERMINA A LATO. E' SOLO IL PROLOGO AL NUOVO VANTAGGIO DEI TOSCANI, AL 18' MACCARONE AFFONDA SULLA SINISTRA E APPOGGIA PER SAPONARA, L'EX MILAN PRESSATO DA DUE DIFENSORI È ABILE A METTERLA IN MEZZO PER PUCCIARELLI IL QUALE, TUTTO SOLO IN AREA, SUPERA IL PORTIERE SPAGNOLO DEL napoli.

AL 30' OFFENSIVA DI INSIGNE FERMATO IN SCIVOLATA DA TONELLI. POCO DOPO SEMPRE INSIGNE TROVA LA PALLA NEL CUORE DELL'AREA SU CROSS DALLA DESTRA, IL GIOCATORE PARTENOPEO CONTROLLA DA POSIZIONE DEFILATA E TIRA MA SKORUPSKI GLI CHIUDE LO SPECCHIO DELLA PORTA. IL napoli INSISTE CON GABBIADINI CHE SI INVOLA VERSO L'AREA ALLUNGANDOSI UN PO' TROPPO IL PALLONE, PROVVIDENZIALE USCITA DEL PORTIERE CHE SVENTA IL PERICOLO. POCO DOPO L'EX SAMP DI SINISTRO DA FUORI, SKORUPSKI CONTROLLA.

Colpaccio Sorrento: torna il brasiliano Vanin

SORRENTO. Il Sorrento ha messo a segno oggi un vero e proprio colpo a sensazione, portando in Eccellenza (e riportando in costiera) un giocatore dall’indubbio valore quale il brasiliano Ronaldo Vanin. Un valore comprovato dal notevolissimo curriculum che il 32enne verdeoro può vantare, dall’esordio in serie A con la maglia del Torino alle 18 presenze in B, fino alla lunghissima militanza in Lega Pro, con le maglie di Benevento, Avellino, Perugia, Manfredonia e Lecce, ma soprattutto con i tanti anni vissuti proprio a Sorrento. Dove oggi Vanin torna (la presentazione è prevista per le 17 di domani, al Campo Italia), per dare ancor più spessore alla squadra allenata da Turi, che da domenica sarà impegnata nel campionato di Eccellenza, con l’obiettivo di risalire subito in serie D.

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici