Giovedì 21 Febbraio 2019 - 16:06

Abiol operato al ginocchio, resta fuori almeno due mesi

Quel Napoli che non aveva mai infortunati è, purtroppo, solo un ricordo. In questa stagione la squadra di Ancelotti ne sta vedendo di tutti colori. Dopo Mario Rui lunedì, ieri è toccato al doppio stop di Verdi e Albiol. Se per l’attaccante è una questione di pochi giorni, il difensore, invece, dovrà stare fermo a lungo. Albiol ieri è stato operato al Princess Grace Hospital di Londra per la pulizia del tendine rotuleo del ginocchio sinistro.

È TUTTO DA VALUTARE il tempo di recupero di Albiol che già da qualche mese stava stringendo i denti per il continuo dolore al ginocchio e che alla fine ha deciso assieme allo staff medico della società di sottoporsi all'intervento chirurgico. Il Calcio Napoli ha comunicato che l’operazione è perfettamente riuscita. E, come è prassi in questi casi, ha anche precisato: “Nei prossimi giorni saranno valutati i tempi di recupero”. Si tratta di indiscrezioni, ma Albiol dovrebbe rientrare tra circa due mesi, quindi verso aprile, per finire il campionato e giocare quantomeno le ultime 4-5 partite. Come se non bastasse lo sfoltimento della rosa, con le partenze di Rog e di Hamsik (ancora non concretizzata ma ormai imminente nei fatti), c’è una lista di indisponibili per infortunio che si allunga sempre di più. Da verificare anche le condizioni di Verdi che presumibilmente dovrà sottoporsi a nuovi esami strumentali per capire la reale portata dell’infortunio subito e soprattutto i tempi del possibile rientro in squadra. Ancelotti nel frattempo dovrà arrangiarsi con gli uomini che ha a disposizione e che intanto dovrà utilizzare per affrontare al meglio sia la gara di Europa League che quella di campionato, domenica sera al San Paolo con il Torino.

ANCELOTTI nel diramare la lista dei convocati per la partita di Zurigo è stato costretto a richiamare anche il gioiello della Primavera Gaetano e sull’aereo diretto in Svizzera salirà anche Chiriches il quale dopo l’operazione di ricostruzione del legamento crociato del ginocchio non ha ancora giocato un solo minuto. Insomma in Napoli è in emergenza e per quanti sforzi di fantasia Ancelotti potrà fare per affrontare al meglio gli svizzeri, le due scelte saranno quasi obbligate, profondamente condizionate come sono dalle contingenze negative che si stanno abbattendo sulla squadra.

Juve Stabia, domani il turno infrasettimanale

CASTELLAMMARE. La Juve Stabia lustra il pungiglione in vista del big-match di domani sera (ore 20.30) al Menti, dove le vespe affronteranno il Catanzaro in uno scontro determinante soprattutto per gli ospiti in ottica primato. Mister Caserta dovrebbe confermare il consueto 4-3-3 con Branduani tra i pali. In difesa Marzorati farà coppia con Troest con Vitiello terzino destro e Allievi sulla corsia mancina. Lungo la mediana capitan Mastalli affiancherà Calò e Carlini alle spalle del tridente che avrà in Canotto l’ala sinistra con Melara, favorito su Torromino, sull’altro fronte. Paponi punta centrale. Il match odierno che per dinamiche di classifica riporta alla mente il duello vinto dai gialloblù di Rastelli durante il campionato di Seconda divisione 2009/10 con Ottobre che decise la gara del Menti. E, neanche a dirlo, sulla panchina giallorossa sedeva anche all’epoca Gaetano Auteri, autentico nemico numero uno dei gialloblù da quel campionato in poi anche alla luce delle sue esperienze con Nocerina e Benevento. Per l’occasione il Menti riaprirà il settore Distinti, sin qui spesso riservato alle scuole calcio ed alle scuole locali. Arbitrerà il signor Giovanni Ayroldi di Molfetta coadiuvato dagli assistenti Catamo di Saronno e Avalos di Legnano. Vespe contro aquile, alle falde del Faito sarà sfida per chi volerà verso la serie B.

Juve Stabia (4-3-3): Branduani, Vitiello, Marzorati, Troest, Allievi, Mastalli, Calò, Carlini, Melara, Paponi, Canotto. All. Fabio Caserta.

Serie D: domani in campo Nola e Avellino

NAPOLI. Due squadre campane di serie D scendono in campo domani, un’altra lo farà giovedì. Domani (ore 15) tocca al Nola, chiamato all’impresa sul campo della vice capolista Picerno, per il recupero del 21° turno del girone H. I bianconeri devono cercare di porre fine alla serie di tre ko consecutivi, che li ha ricacciati in zona play-out. Turno infrasettimanale, invece, per il girone G, con l’Avellino che, dopo il blitz di Lanusei, cerca il bis contro il Flaminia per avvicinarsi ancor di più alla vetta. Giovedìi, infine, tocca alla Turris, impegnata a sua volta nel recupero del 21° turno del girone I contro il Rotonda.

GLI ARBITRI - Queste le designazioni delle campane: Avellino-Flaminia (Nicolini di Brescia);  Picerno-Nola (Frascaro di Firenze); Rotonda-Turris (Di Cicco di Lanciano).

Lotta: Wrestling Liuzzi e Vigili del Fuoco sugli scudi

OSTIA. Nell’ultimo week end si sono disputati al Palafijlkam di Ostia i Campionati Italiani Assoluti e Cadetti di Lotta con la partecipazione di 250 atleti in rappresentanza di 63 società. La classifica nazionale assoluta di società maschile è stata vinta dal Cus Torino seguita da Club Rovereto e Vigili del Fuoco Padula Napoli (nella foto).

Questi i risultati delle prove individuali: UOMINI - Kg 61 Oro Vincenzo Succoia (vv.ff. Napoli), Argento Virgilio Guarino (Wresling Liuzzi Napoli). Kg 65 Marco Attonito (vv.ff. Napoli). Kg 74 Oro Gianluca Talamo (Wrestling Liuzzi Napoli), Bronzo Giovanni Pallavicino (Cus Napoli). Kg 79 Oro Salvatore Diana (vv.ff. Napoli). DONNE - Kg 53 Oro Alessia Capozzi (Wrestling Liuzzi Napoli), Argento Assunta Persico (Circolo Ilva Bagnoli Napoli). Kg 55 Oro Arianna Carieri (Wrestling Liuzzi Napoli). Kg 65 Oro Patrizia Liuzzi (Wrestling Liuzzi Napoli), tornata al successo dopo un lungo periodo di stop. La classifica nazionale assoluta femminile è stata vinta dal Cus Torino seguita dal Wrestling Liuzzi Napoli. Questi, poi, i risultati del Campionato ItalianoCadetti: Kg 48 Argento Gaetano Bocchetti (vv.ff. Napoli), quindici anni, vera promessa della lotta campana. kg 60 5° posto Francesco Chinese (Cus Napoli), Kg 71 5° posto Raffaele Ciampaglia (Wrestling Liuzzi Napoli), Kg 92 5° posto Angelo Marchesi (Circolo Ilva Bagnoli Napoli).

Inisgne pazzo di gelosia, è vittima de “Le Iene"

Lorenzo Insigne nel mirino de "Le Iene". L'attaccante del Napoli e della Nazionale è vittima di uno scherzo, che sarà trasmesso stasera nella puntata in onda su Italia 1 a partire dalle 21,10, organizzato con la complicità della moglie Genny Darone. Uno scherzo che fa leva sulla gelosia di Insigne visto che la sua dolce metà gli annuncia che avrebbe fatto un film con tante scene romantiche e baci appassionati con un attore bellissimo. E a peggiorare la situazione ci si mette anche un regista "provolone". 

L'attacco non punge, ora Ancelotti valuta le alternative

L'attacco non punge. Anche contro la Fiorentina il Napoli ha sprecato troppo e ha portato a casa un solo punto. I gol sono ora un problema. Ora c'è la possibilità di far ruotare i tre attaccanti titolari, Mertens, Insigne e Milik, con Ounas e Verdi: "Ancelotti dovrà dunque valutare con grande cura lo stato di forma delle sue punte ed eventualmente correre subito ai ripari, se Mertens, Insigne o Milik non daranno le garanzie necessarie. In panchina ci sono pure Verdi e Ounas, più freschi dei loro compagni di reparto e vogliosi di mettersi in evidenza. Un po’ di concorrenza in più può fare solo del bene a tutti, del resto. Proprio come sta succedendo negli altri reparti, con risultati soddisfacenti". 

Hamsik in Cina, si deve chiudere tutto entro giovedì

Nemmeno ieri per Hamsik (nella foto) al Dalian Yifan non è successo nulla. E probabilmente niente accadrà nemmeno oggi. Intanto, la certezza è che il centrocampista è tornato in Slovacchia ed aspetta lì il via libera per raggiungere la Cina. Per ora non è previsto il suo rientro per gli allenamenti, si aspetterà fino a giovedì. Il Napoli, infatti, aspetta ancora di ricevere gli ormai famosi pagamenti dal Dalian. Quelli che senza le dovute garanzie, circa una settimana fa, sembrarono aver interrotto definitivamente la trattativa. Un pericolo che, a quanto pare, non è del tutto scongiurato. Anzi. «Notizie di Marek Hamsik? Trattativa oggettivamente complessa, nessuna comunicazione definitiva. Essendoci otto ore di fuso orario tra Cina e Italia e soprattutto modi di ragionare differenti, la trattativa diventa sempre più complessa». Lo ha dichiarato a Radio Crc il legale del Napoli Mattia Grassani a proposito della situazione della trattativa per il trasferimento in cina di Marek Hamsik. «Gli aspetti economici sono fondamentali in queste transazioni, siamo comunque a buon punto: o si fa come dice il presidente De Laurentiis o non se ne fa nulla. I tempi sono garantiti adeguatamente alla volontà del calciatore di poter affrontare questa grande opportunità, oggi (ieri, ndr) è lunedì tra domani (oggi e domani, ndr) e dopodomani avremo un esito quasi definitivo. Le modalità con le quali la trattativa è stata condotta vedono la linea che il Napoli non è terra di conquista, di nessuno. Il Presidente Aurelio De Laurentiis ha imposto la dignità della società, portando avanti le condizioni per la cessione definitiva senza porre alcuna modifica da terzi».

E SULLA POSSIBILITÀ che il bonifico arrivi oggi, Grassani è dubbioso: «Non credo, i contratti non sono stati stilati e c’è bisogno di un confronto tra le banche». Intanto, Nuovo allenatore per il Dalian Yifang, la squadra cinese dove potrebbe andare il centrocampista del Napoli, Marek Hamsik. “Dopo che l’allenatore tedesco Bernd Schuster ha lasciato il club, la panchina è stata affidata al sudcoreano Choi Kang-Hee”, si legge sull’account Twitter della squadra. E pensare che Schuster aveva detto di essere pronto ad accogliere Hamsik a braccia aperte. In ogni caso non c’è fretta anche perché in Cina il campionato comincerà il 3 di marzo, mentre le trattative del calciomercato si concluderanno il 28 di questo mese. C’è ancora tempo, quindi, ma l’ombra di un clamoroso dietrofront resta ancora dietro l’angolo. E sarebbe qualcosa di clamoroso nella storia del calciomercato.

Mario Rui rischia di restare fuori per un mese

Pare più grave del previsto l'infortunio occorso a Mario Rui durante Fiorentina-Napoli. Il mancino portoghese è tornato a casa con una distrazione al bicipite femorale della coscia destra che potrebbe costargli un mesetto di stop: per un totale di almeno cinque partite, Juve compresa.

Napoli City Half Marathon ancora più internazionale

Dall’Islanda al Perù. Festa del podismo per 9000 persone. Quarantuno nazioni rappresentate per quattro continenti per la Napoli City Half Marathon più internazionale di sempre che prenderà il via domenica 24 febbraio alle 9 da viale Kennedy. Sono 7500 gli iscritti tra mezza maratona e staffetta Twingo ai quali vanno aggiunti i 1500 partecipanti alla Family Run & Friends in programma sabato 23 febbraio (ore 11). Alla fine saranno quasi in 9000 i protagonisti della festa del podismo partenopeo. La comunità più ricca di partecipanti è quella della Repubblica ceca con 109 podisti, ma ci saranno anche 70 britannici, 51 francesi, 50 polacchi, 40 tedeschi. Curiosità: l’iscrizione di un podista proveniente dall’Islanda; rappresentate anche Danimarca, Svezia e Finlandia con Noora Katarina. Tre gli israeliani iscritti. Quanto agli italiani, sono oltre 2000 i campani. Il resto arriva da fuori regione. Il percorso attraversa viale Giulio Cesare, via Caracciolo, via Partenope, via Nazario sauro, via Acton, via Cristoforo Colombo, via Nuova Marina, via Vespucci, ponte della Maddalena, via Volta, via Reggia di Portici, via Volta, via Nuova Marina, via Cristoforo Colombo, via Campodisola, piazza Bovio, via Depretis, poazza Municipio, via Vittorio Emanuele, piazza Trieste e Trento, via Santa Lucia, via Partenope, via Caracciolo, via Giulio Cesare, piazzale Tecchio Mostra d'oltremare (arrivo).

"Clima ostile al San Ciro": il Portici non ci sta e risponde alla Palmese

Sul campo è terminata 1-1, ma la partita tra Portici e Palmese adesso si gioca tramite comunicati. Il club calabrese ha denunciato atteggiamenti poco ospitali che sarebbero stati registrati in occasione del match del San Ciro, precisando di non aver partecipato alla conferenza stampa post gara a causa del “clima ostile e intimidatorio subito prima, durante e dopo la gara”. Immediata la risposta del club azzurro: "Ci teniamo a precisare che non è nostra consuetudine essere poco accoglienti nei confronti delle squadre ospiti, nè tantomeno impedire l’accesso alla sala stampa a Tesserati e/o Addetti. Infatti, non ci è pervenuta alcuna richiesta dalla Società Palmese in riferimento alla possibilità di effettuare interviste post gara. L’”assenza improvvisa” citata nel comunicato di cui sopra, è da attribuire unicamente alla Società stessa e non da un ostruzionismo posto in essere da noi. A suffragio di quanto appena esposto, basti guardare l’entità delle sanzioni e provvedimenti disciplinari applicati a Tecnici e Dirigenti della Palmese, dalla Lega Nazionale Dilettanti".

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno