Domenica 20 Gennaio 2019 - 4:53

Palma Campania, 20mila euro per l'inserimento sociale

PALMA CAMPANIA. L’amministrazione comunale di Palma Campania ha stanziato 20mila euro per progetti di inserimento sociale destinati alle fasce deboli e bisognose della popolazione. Il provvedimento è stato inserito all’interno dell’ultimo bilancio di previsione, approvato qualche giorno fa in consiglio comunale. I fondi saranno utilizzati per lavori di interesse sociale e civico, tesi a migliorare l’arredo urbano e la vivibilità cittadina: ai beneficiari dei contributi verrà chiesto di effettuare tale tipo di lavoro, naturalmente all’interno di progetti ben delineati.

 

Sventato colpo alle Poste: caccia alla banda del buco

POZZUOLI. Sventata rapina da parte della “banda del buco”: caccia alla gang che ha tentato il raid alle Poste. I carabinieri della locale stazione, ieri sera, insieme ai colleghi del nucleo operativo della compagnia di Pozzuoli (come riportato oggi dal nostro giornale) sono intervenuti nell’ufficio postale su via Luigi Capuana per un tentativo di furto. Durante il sopralluogo i militari dell’Arma accertavano che ignoti avevano praticato un foro e tagliato una delle grate in ferro su una parete del sottoscala dell’area condominiale. Queste operazioni gli avrebbero consentito, dopo aver percorso un cunicolo e forzato una porta in ferro, di accedere all’ufficio postale, probabilmente, per consumare una rapina durante l’orario di apertura. In particolare il foro praticato, di forma quadrangolare (50x50cm), era stato nascosto coprendolo con un pannello. Proseguono le indagini dei carabinieri per identificare i responsabili.

Vasto incendio, brucia il Parco del Vesuvio

TORRE DEL GRECO. Un vasto incendio sta divampando nel Parco nazionale del Vesuvio. In questo momento, con lausilio di due canadair e due elicotteri, gli uomini del Corpo forestale dello Stato e dei vigili del fuoco stanno circoscrivendo le fiamme che rischiano di divorare 8-9 ettari di macchia mediterranea e pineta. L'incendio è divampato in località San Fodero, nel territorio di Torre del Greco.

Ferrovia, presidio di polizia chiuso per sempre

«Chiuso con un bel cartello come se fosse un normale negozio che è fallito e ha abbassato le serrande. Invece si tratta di un presidio di Polizia strategico - ha ricordato Giuseppe Raimondi, segretario generale regionale del sindacato di Polizia Coisp - un avamposto la cui dismissione crea soltanto problemi perchè è centrale». Si tratta infatti del presidio di polizia in piazza Garibaldi che ha chiuso i battenti perchè il commissariato di Vicaria-Mercato, ovvero l’ufficio dal quale dipende, non ha uomini nè risorse a disposizione per tenerlo aperto. 
accuse alla spending review. «Entro fine anno - ha proseguito Raimondi - dovrebbe essere restituita alla città una piazza Garibaldi nuova e in stile europeo, con uno spazio open antistante la stazione che accoglierà napoletani e stranieri, italiani e viaggiatori. È impensabile che in questa ottica si proceda alla chiusura definitiva di quel presidio per colpa dei tagli imposti dalla spendig review che sfrondano a tutto spiano senza tener conto che qui si tratta di sicurezza negata». 
Dello stesso parere il segretario cittadino del Coisp, Giulio Catuogno per il quale «il posto di polizia non va chiuso ma andrebbe rimodulata la sua funzione soprattutto in vista del nuovo assetto della piazza. Piazza Garibaldi è, in un’ottica non lontana, un centro commerciale all’aperto e non può essere abbandonata al suo destino. Il rischio è che con la chiusura definitiva del presidio si torni indietro di anni riportando il “sistema sicurezza” a zero. La nostra preoccupazione è che questa chiusura non sia altro che un segnale, un primo passo verso la resa dello Stato nella nostra città».

le reazioni dei commercianti e dei residenti. Parole durissime che trovano eco profonda in quelli che sono i timori dei commercianti, degli imprenditori e soprattutto dei residenti della zona che, proprio in virtù di questa chiusura lamentano una recrudescenza di atti vandalici e di aggressioni in quest’area. «Inutile mentire questa zona è diventata un suk - ha detto categorico Marcello Donnarumma, che abita in via Firenze- Io vivo a due passi da piazza Garibaldi, per noi è un’impresa attraversarla. Oltre al caos dovuto ai sensi di marcia che cambiano continuamente e ai cantieri, abbiamo anche il problema dei venditori abusivi che occupano ogni spazio vuoto e dei malviventi. Basti pensare che qui è ancora in gran uso il gioco delle tre carte, il pacco e la vendita di sigarette di contrabbando. Un’area che “offre” tutto questo non può restare senza un presidio di polizia. è pura follia».  

Torre del Greco, calci e pugni alla convivente: arrestato

TORRE DEL GRECO. I carabinieri di Torre del Greco hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia un 53enne del luogo, già noto alle forze dell'ordine.
L’uomo è stato bloccato nella sua abitazione, immediatamente dopo che, al culmine dell’ennesima lite per futili motivi, aveva picchiato a calci e pugni la convivente, una 51enne del luogo. La vittima è stata medicata per lesioni guaribili in 21 giorni.

Carmela Gionta verso il Riesame

TORRE ANNUNZIATA. Giovedì prossimo. È la data entro la quale l'ottava sezione del tribunale della Libertà è chiamata a decidere sull'istanza presentata da Carmela Gionta. La 69enne, sorella di don Valentino, fondatore dell’omonimo clan di camorra egemone a Torre Annunziata, è in carcere dal 22 luglio scorso. Ora spera di ottenere almeno gli arresti domiciliari. Per Carmela Gionta, assistita dall’avvocato Salvatore Irlando, le accuse sono di usura ed estorsione aggravate dal metodo mafioso. Con Carmela Gionta sperano nel Riesame anche altre tre donne dei Valentini: Nunzia Caso (moglie di Aldo, il boss poeta), Gemma Gionta (figlia di Aldo e Nunzia) e Pasqualina Apuzzo (mamma di Nunzia, nonna di Gemma).

Ucraino ucciso da eroe, trovato lo scooter dei banditi. Appello del nostro giornale: cittadinanza a moglie e figli

CASTELLO DI CISTERNA.  Caschi tipo jet e una mascherina per coprire il volto ma i due rapinatori senza scrupoli, che sabato sera hanno ucciso Anatolij Korol, nonostante l’attenzione nel camuffarsi, hanno lasciato visibili alcuni dettagli molto importanti ai fini delle indagini. Naso e occhi, in particolare del killer del 37enne, sono visibili e secondo gli investigatori si tratterebbe di un ragazzo dell’hinterland a nord di Napoli. Anche il complice potrebbe essere una vecchia conoscenza dei carabinieri e ad aiutare gli investigatori non solo le immagini ma anche le indagini ambientali sul territorio. Tragica rapina questa sera a Castello di Cisterna. Il raid armato è avvenuto attorno alle 19 al supermercato "Piccolo", in via Selva. In base ad una prima ricostruzione dei fatti, due banditi avrebbero esploso alcuni colpi di pistola. A terra, colpito a morte, è rimasto un cliente del market, l'ucraino Anatolij Korol, 38 anni, immigrato regolare. Al momento degli spari l'uomo aveva in braccio la figlia, una bimba piccola. Korol ha cercato di fermare i rapinatori, bloccandone uno, ma è stato ammazzato dall'altro malvivente senza pietà davanti alla figlia piccola. Il 38enne ucraino era padre di tre figli, e in quel momento si trovava all'interno del sumermercato con la figlia più piccola per fare la spesa. Sul posto ci sono i carabinieri della locale stazione che stanno raccogliendo tutti gli elementi utili a ricostruire l'accaduto.

Intanto, il "ROma", con un fondo pubblicato sul numero di oggi, chiede che venga data la cittadinanza italiana a moglie e figli dell'ucraino eroe. LEGGI QUI

Giugliano, cadavere in casa. Aveva precedenti per omicidio e rapina

GIUGLIANO. Si chiamava Massimiliano Melillo e aveva 42 anni. Il suo cadavere è stato ritrovato dai poliziotti di Giugliano in una villetta di Varcaturo, in via Quinto Viale Parco della Noce, una traversa di Via Madonna del Pantano. Gli agenti, al comando del primo dirigente Pasquale Trocino, hanno rinvenuto il corpo senza vita dell'uomo proteso in avanti, con un laccio legato al collo e l'altro capo ad un termosifone. Al momento non si esclude nessuna ipotesi, compresa quella del suicidio. Melillo aveva dei precedenti penali per omicidio e rapina, quando Melillo colpì a morte il suocero della fidanzata con sette fendenti alla gola e al petto.

Via Chiaia, finalmente potati gli alberi. Soddisfazione di residenti e commercianti

NAPOLI. Finalmente, dopo tanti solleciti, gli alberi di via Chiaia, esistenti nel tratto che va dal cinema Metropolitan all’angolo con via Filangieri, sono stati potati. «È giusto segnalare non solo le cose negative ma anche quelle che vanno a buon fine», hanno dichiarato soddisfatti residenti e commercianti che da tempo speravano in una potatura. «Sotto questi alberi, nel corso del tempo, si annidavano blatte, topi ed insetti di tutti i tipi. Per fortuna ora si può finalmente respirare aria pulita e vedere anche un po’ di luce». 

 

La nave entra nel porto di Napoli, barista violenta una turista

Un uomo di 29, filippino, è stato sottoposto a fermo di polizia con l'accusa di violenza sessuale. L'episodio sarebbe avvenuto ieri mattina sulla nave Costa Diadema, attraccata nel Porto di Napoli, dove l'uomo lavora come barista. L'uomo avrebbe abusato di una turista francese, una diciottenne, in crociera con la famiglia. A informare dell'episodio la polizia della Spezia, città dove la nave è arrivata, sarebbe stato il comandante della nave che aveva raccolto la denuncia della giovane e dei suoi genitori. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, ancorata alle dichiarazioni rilasciate dalla giovane e ai riscontri effettuati dagli inquirenti, il 29enne nel corso della crociera avrebbe tentato di avvicinarsi alla ragazza più volte, fino a seguirla in cabina, dove si sarebbe consumata la violenza. Le indagini si sono svolte grazie anche alla collaborazione del comandante della nave. Il fermo è scattato perché c'era il rischio di fuga da parte del filippino che aveva con sé un biglietto aereo per le Filippine e avrebbe dovuto imbarcarsi oggi alle 15 all'aeroporto di Pisa. Il magistrato ha disposto il sequestro di vari indumenti intimi. L'uomo si trova nel carcere di Villa Andreini, in attesa dell'udienza di convalida che si terrà lunedì al Gip.

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici