Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Vincenzo Amirante protetto dal clan Rinaldi

Ecco il retroscena dell'arresto dell'ultimo latitante dell'operazione "Forcella liberata", che inflisse a giugno scorso un duro colpo alla "paranza dei bimbi"


di  

CONDIVIDI:

Gio 18 Febbraio 2016 11:32


NAPOLI. Vincenzo Amirante si nascondeva in vico Spramuro, nel quartiere Mercato, in una zona sotto il controllo del clan con base a SAn Giovanni a Teduccio. Ad arrestarlo sono stati i ipoliziotti della sezione Falchi della Squadra mobile della questura, che l'hanno sorpreso in un'abitazione nella disponibilità della moglie. Il 51enne originario di Forcella, e in particolare della Maddalena, è accusato di associazione di tipo mafioso ed estorsione. Ora si trova nel carcere di Secondigliano. Altri particolari sul quotidiano "ROMA" in edicola.



Le confessioni truffa dei boss che fecero tremare Napoli. Cancellati 26 ergastoli

L'INCHIESTA-La nuova strategia dei killer della camorra: i "bla bla bla" in aula e nessuna accusa.


di  

CONDIVIDI:

Gio 18 Febbraio 2016 11:00


di Fabio Postiglione



Le cofessioni truffa dei boss che fecero tremare Napoli. Cancellati 26 ergastoli

L'INCHIESTA-La nuova strategia dei killer della camorra: i "bla bla bla" in aula e nessuna accusa.


di  

CONDIVIDI:

Gio 18 Febbraio 2016 10:59


di Fabio Postiglione



Truffe agli anziani, “specialista” preso a Marigliano

In manette il 46enne pregiudicato napoletano Antonio Tolino


di  

CONDIVIDI:

Mer 17 Febbraio 2016 20:11


MARIGLIANO. Truffa agli anziani: impostore smascherato dai carabinieri. È finito in manette Antonio Tolino, 46enne di Napoli, aveva appena raggirato una 77enne sottraendole la somma di 1.400 euro in contanti. I carabinieri della locale stazione, allertati dalle segnalazioni di alcuni cittadini, già da un po’ lo tenevano sotto stretto controllo. Intascati i soldi, l’imbroglione è stato bloccato dai militari. Tolino, colto in flagrante e riconosciuto dalla vittima è finito in manette.



La donna ustionata a Pozzuoli ora respira da sola

Ma le condizioni della 37enne rimangono gravi. Il suo compagno le aveva dato fuoco


di  

CONDIVIDI:

Mer 17 Febbraio 2016 18:14


POZZUOLI. Carla respira da sola. Le condizioni cliniche della 37enne Carla Caiazzo, data alle fiamme dal suo compagno lo scorso primo febbraio, restano gravi ma segnalano un primo, timido miglioramento. Le ustioni che interessano circa il 50% del corpo costringono la donna di Pozzuoli a rimanere ancora sedata, ma i medici dell'ospedale Cardarelli hanno deciso di staccare la respirazione artificiale alla quale la donna era sottoposta. Quando il suo fidanzato, Paolo Pietropaolo, le aveva dato fuoco, Carla si trovava all'ottavo mese di gravidanza.



Esami davanti al Municipio per gli studenti di Veterinaria

La singolare forma di protesta contro l’incertezza che regna sovrana dopo il crollo di due mesi fa 


di  

CONDIVIDI:

Mer 17 Febbraio 2016 17:00


NAPOLI. Esami in piazza per gli studenti di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università degli studi di Napoli Federico II. La singolare forma di protesta è andata in scena stamane negli spazi antistanti Palazzo San Giacomo. La decisione arriva perché dopo più di due mesi dal crollo che ha visto interessata una parte del dipartimento, manca ogni certezza sul normale ritorno alla vita universitaria. Il crollo risale al 9 dicembre.



Portici, blitz tra gli abusivi: sequestrati 20 chili di pesce

Elevate anche numerose multe


di  

CONDIVIDI:

Mer 17 Febbraio 2016 16:58


PORTICI. Venti chili di pesce sequestrato e varie multe elevate ai danni di ambulanti abusivi. Il nuovo blitz delle forze dell'ordine a Portici è scattato oggi all'interno dell'area mercatale. Polizia Municipale, Polizia di Stato, Guardia di Finanza e Capitaneria di Porto sono entrati in azione da viale Marconi a piazza San Ciro setacciando gli esercizi commerciali. Durante l'operazione sono stati sequestrati 20 chili di prodotti ittici per le cattive condizioni igieniche di vendita.



“Paranza dei bimbi”, catturato Amirante

Preso a Forcella, era latitante dal 9 giugno scorso


di  

CONDIVIDI:

Mer 17 Febbraio 2016 16:43


NAPOLI. Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Napoli hanno catturato il pregiudicato latitante Vincenzo Amirante, 51enne di Forcella. L'uomo era latitante dal 9 giugno scorso ed era destinatario dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Napoli, a seguito delle attività d’indagine coordinate dalla Dda, a carico di 64 persone appartenenti al cartello camorristico Giuliano-Sibillo-Brunetti-Amirante, definito anche “la paranza dei bimbi”, egemone nel quartiere Forcella/Maddalena.



Commerciante barricato, appello di Confcommercio a Sepe

Francescani intimano sfratto e il commerciante si barrica in negozio a Napoli. Il figlio: affitto da seimila euro al mese,è disperato per la crisi 


di  

CONDIVIDI:

Mer 17 Febbraio 2016 16:20


NAPOLI. ''Eminenza, richiamo la sua attenzione sulla drammatica vicenda che ha riguardato Giovanni Carretta, titolare da oltre sessant'anni di uno storico negozio di abbigliamento sito in Napoli al Corso Umberto I e che ha rischiato di concludersi con un gesto estremo". Lo scrve Pietro Russo, presidente di Confcommercio Imprese per l'Italia della provincia di Napoli, in una lettera indirizzata al cardinale di Napoli Crescenzio Sepe.



La “paranza dei bambini” uccide per gioco: così si cresce da boss e si piange in carcere

Cinque secoli di carcere chiesti per 51 imputati: sventagliate di kalashinikov tra un selfie e uno stato su Facebook


di  

CONDIVIDI:

Mer 17 Febbraio 2016 15:28


di Fabio Postiglione



Pagine