Mercoledì 19 Settembre 2018 - 14:04

Sparatoria tra i bambini, ferito pregiudicato a Castello di Cisterna

CASTELLO DI CISTERNO. La Paura negli occhi dei bambini. Una sparatoria davanti ad una scuola a Castello di Cisterna, in provincia di Napoli, poco prima che i bambini uscissero dall'istituto. È stato ferito, di striscio all'ascella Emiliano Esposito, 39 anni, con precedenti per estorsione e droga. Esposito stava aspettando l'uscita del figlio che frequenta la prima elementare. L'agguato ha scatenato il terrore tra i genitori dei bambini, in attesa all'esterno dell'istituto “De Gasperi" che si trova su via Manzoni. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del gruppo di Castello di Cisterna che hanno trovato a terra tre bossoli calibro 7,65.

Picchiano e rapinano due studenti: presi quattro rapinatori

NAPOLI. Gli agenti del commissariato di Polizia Vicaria Mercato unitamente a personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Nucleo Prevenzione Crimine Campania hanno arrestato quattro rapinatori. Carmine Vaccaro 28 anni, Umberto Raia 29anni, Marco Arcangelo Marigliano 28 anni e G.D.M. 16 anni tutti napoletani per i reati di rapina aggravata e lesioni personali. È da poco passata la mezzanotte quando due studenti fuori sede hanno avvicinato, in Via San Cosmo Fuori Porta Nolana, una pattuglia della Polizia di Stato  impegnata in un posto di controllo; i due hanno raccontato di essere stati appena rapinati da quattro giovani fornendo ogni utile indizio alla loro identificazione. Gli agenti hanno diramato le note di ricerca dei quattro rapinatori che, pochi minuti dopo, sono stati intercettati da un’altra volante in Via Luigi Serio.

Una tonnellata di hashish sequestrata a Milano, era diretta alla camorra

NAPOLI. Imilitari del comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli hanno conseguito, nei giorni scorsi, un importante risultato sul versante del contrasto al traffico illecito di sostanze stupefacenti, sequestrando - nell’ambito di un singolo intervento - oltre una tonnellata di hashish. Nel corso di attività investigativa è stato intercettato, presso la barriera autostradale di Milano Ovest, un autoarticolato che dai documenti risultava trasportare capi d’abbigliamento caricati in spagna e destinati ad un’azienda lombarda. Insospettiti dal comportamento degli occupanti del camion, si procedeva allo scarico della merce “regolarmente” trasportata e ad una minuziosa ispezione dell’automezzo, all’esito della quale veniva rilevata la presenza di pannelli mobili, costituenti il pianale di carico, al di sotto dei quali - nel vano presente nella struttura del semirimorchio - veniva rinvenuto un ingente quantitativo di sostanza stupefacente del tipo hashish, successivamente quantificato in kg. 1.042, confezionato in panetti da un chilogrammo ciascuno. La droga era diretta a Napoli.

“Erba” alla Sanità: arrestato uno spacciatore

NAPOLI. Il possesso di tre dosi di marijuana, per Mario Esposito Moschella, 22enne pregiudicato, non gli hanno evitato l’arresto. Gli agenti del Commissariato di Polizia “S. Carlo Arena”, nel primo pomeriggio di ieri, nel rione Sanità, hanno notato il giovane che confabulava con due individui a bordo di scooter. Alla vista della Polizia, lo scooter si è rapidamente dileguato mentre il giovane è stato bloccato e trovato in possesso delle dosi di stupefacente ed arrestato. Stamane, il 22 enne sarà processato con rito per direttissima.

Arrestato per usura lo zio di Ciro Immobile

TORRE ANNUNZIATA. Nella mattinata odierna, a seguito di complesse e articolate indagini nel settore dell'usura, i finanzieri del Gruppo di Torre Annunziata, coordinati e diretti da questo Ufficio, hanno eseguito due misure cautelari in carcere nei confronti di altrettanti soggetti residenti a Torre Annunziata, indagati per usura aggravata e continuata. I Finanzieri hanno, infatti, dato esecuzione a:  due ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di: Francesco Immobile, di 71 anni, zio del calciatore del Borussia Ciro, di Torre Annunziata;  e Andrea Gargiulo di 44 anni, di Torre Annunziata; sequestro preventivo ex art. 321 e.p.p. di beni per un valore complessivo di circa 700 mila Euro. Risultano indagati, inoltre, altri soggetti, tutti ritenuti responsabili, in concorso con gli odierni arrestati, delle attività illecite, la cui posizione sarà oggetto di ulteriori indagini. L'articolata attività investigativa svolta prende avvio dalla denuncia sporta da un noto avvocato civilista del Foro di Torre Annunziata, il quale per aiutare un amico, risultato in seguito anch'esso responsabile del reato di intermediazione usuraia, aveva richiesto un prestito di 30 mila euro a IMMOBILE, noto pregiudicato con precedenti per contrabbando di sigarette, e si era visto dallo stesso richiedere interessi superiori al 120% annui. In pochi mesi il debito era lievitato a oltre 150 mila euro, rendendo insostenibile la condizione economica del professionista. Per fronteggiare le difficoltà nel pagare gli interessi all'Immobile, il professionista era costretto a richiedere ulteriori e frequenti piccoli prestiti, tra i 5 mila e i 10 mila euro, al Gargiulo, che applicava nei suoi confronti lo stesso tasso

Portici, migliora
la qualità dell'aria

PORTICI. Buone notizie per l'aria che si respira nella città di Portici. Dalle ultime rilevazioni si evince che è in netto calo la presenza nell’aria delle polveri sottili PM10 e PM2.5 e le quantità di benzene e xilene. In nessun punto i valori eccedono quelli previsti dalla normativa. Il servizio di rilevazione, sperimentato nel 2010 e adesso rimesso in piedi dall'attuale amministrazione comunale, segnalava ben sei punti che andavano fuori della norma. Il monitoraggio è il frutto di una convenzione stipulata tra l'attuale Giunta comunale e la II Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze e Tecnologie Ambientali.

San Giorgio a Cremano, Giorgiano
si è dimesso: si torna al voto

SAN GIORGIO A CREMANO. È tutto finito, si torna a casa. Dopo un’intera giornata in cui hanno avuto ancora luogo incontri e confronti con i consiglieri della sua maggioranza ed i segretari dei partiti di coalizione, ilsindaco Domenico Giorgiano (nella foto) conferma le proprie dimissioni: «È stata una decisione sofferta e frutto di una responsabilità politica di fronte ad una città che amo. Per tutta la giornata ho voluto più volte incontrare ogni singolo consigliere della maggioranza i quali avevano anche firmato un documento programmatico in cui mi chiedevano di ritornare alla guida dell’amministrazione, mi sono però reso conto che le condizioni politiche non erano ancora presenti e che le difficoltà manifestate ad inizio crisi continuavano a persistere e per senso del dovere non avrebbe avuto senso continuare a portare avanti un’amministrazione in cui le tensioni erano ancora alte. Nonostante il contenuto del documento sottoscritto da 14 consiglieri di maggioranza io ho avvertito che la serenità personale non mi era ancora garantita. Le ho provate tutte, ma non ho trovato spiragli di ricompattamento della coalizione. La situazione, dall’inizio alla fine di questa crisi, è rimasta la stessa e, non ravvisando soluzioni, era inutile indugiare oltre».

Voragine in via Campanile a Pianura: poteva essere evitata ?

NAPOLI. Mercoledì scorso, un camion dell’ASIA in servizio per la raccolta rifiuti, mentre percorreva via Campanile altezza civ.135 sprofondava con le ruote nel manto stradale e si apriva una grande voragine. Attivati i servizi tecnici della municipalità e quelli del comune di Napoli è stato  solo predisposta la chiusura della strada ed il relativo piantonamento dei vigili urbani a debita distanza. Alle 4 del mattino del 22 febbraio, nello stesso punto si è allargata la voragine, in seguito alle forti piogge di questi giorni ed è stata addirittura inghiottita un’ auto, fortunatamente senza nessuno a bordo. Conseguenza sono stati sgomberati quattro stabili, in cui abitano 82 nuclei familiari per un totale di 350 persone, tra le quali molti bambini e circa 10 disabili. 

Il vice coordinatore di Forza Italia della città metropolitana di Napoli il dott. Claudio Ciotola chiede all’amministrazione centrale al Sindaco di Napoli il perché non si è intervenuti subito, visto che la voraggine aperta profonda diversi metri  ha causato la chiusura di una arteria stradale, mandando il traffico in tilt in diverese ore della giornata.  Di chi sono le responsabilità di questa tragedia mancata? È possibile che per la male amministrazione quelli che devono pagare sono sempre i cittadini? 

Agguato fuori l'asilo, ferito il padre di Genny ’a carogna

NAPOLI. Intorno alle 13,40, Ciro De Tommaso, padre di Genny ’a carogna è stato colpito da una raffica di colpi davanti all'asilo nido dedicato alla memoria di Annalisa Durante, la quattordicenne assassinata per sbaglio anni fa. Il ferito è stato ferito alle gambe da sei colpi di arma da fuoco ed è ricoverato a Loreto Mare. L'agguato si è consumato in un bar davanti all'istituto scolastico comprensivo dove si trova l'asilo nido. Indaga la polizia. 

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno