Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email

Caltanissetta, 14 gen. (Adnkronos) - (dall'inviata Elvira Terranova) - Un sistema “perverso e tentacolare”, “creato e gestito” da Silvana Saguto, l’ex Presidente della sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, nel frattempo radiata dalla magistratura, che “ha sfruttato e mortificato il suo ruolo di magistrato”. Ma “è sbagliato parlare di processo all’antimafia”. Inizia con queste dure parole la requisitoria fiume del pm Maurizio Bonaccorso, che con la collega Claudia Pasciuti rappresenta l’accusa nel processo a carico dell’ex giudice Silvana Saguto, accusata di corruzione, alla sbarra con altri 14 imputati, tra magistrati, avvocati, persino un ex prefetto. Una requisitoria che durerà fino a fine mese quando saranno avanzate le richieste di pena “che saranno molto elevate”, come annuncia il magistrato. Ma non finisce qui.
Perché è lo stesso pm ad annunciare che alla fine della requisitoria chiederà al Tribunale la trasmissione degli atti alla Procura per “numerosi testimoni che in aula hanno detto il falso” e parla di “magistrati, ex prefetti e avvocati”, senza però fare i loro nomi.

Data Notizia: 
14-01-2020
Ora Notizia: 
19:43