Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
CR7 non basta, la Germania travolge 4-2 il Portogallo

MONACO DI BAVIERA (GERMANIA) (ITALPRESS) - La Germania batte 4-2 il Portogallo nel segno di uno scatenato Gosens e reagisce dopo la sconfitta all'esordio contro la Francia. I lusitani crollano dopo il gol del vantaggio di Ronaldo e si giocheranno la qualificazione all'ultima giornata, proprio contro i Bleus. Regna l'equilibrio nel girone F, dove tutto può ancora accadere. Primo tempo ricco di gol ed emozioni all'Allianz Arena con le due squadre che danno vita ad uno spettacolo avvincente. Dopo soli 5' Gosens porta in vantaggio i suoi, tuttavia il gol viene annullato per una posizione di fuorigioco di Gnabry, che partecipa attivamente all'azione. L'assedio dei tedeschi prosegue, ma a sorpresa è il Portogallo a passare in vantaggio. Contropiede fulminante finalizzato da Cristiano Ronaldo, che riceve la palla da Jota e deposita nella porta sguarnita. Dopo il gol la gara cambia radicalmente: il Portogallo prende fiducia, mentre la Germania rallenta. Tuttavia, come accaduto in precedenza, è la squadra meno attesa a trovare la via del gol. Nel giro di poco la Germania ribalta infatti la situazione con due autoreti. Al 35', su un tiro al volo di Gosens, Ruben Dias spedisce la palla nella sua porta nel tentativo di anticipare Havertz. Quattro minuti dopo è invece Guerreiro a toccare per ultimo, intervenendo in maniera goffa sul cross di Kimmich. Lo splendido momento di forma dei tedeschi prosegue anche nella ripresa, quando a distinguersi è ancora Gosens. L'esterno dell'Atalanta è incontenibile sulla fascia e al 51' firma l'assist per il 3-1 di Havertz, nel posto giusto al momento giusto. Pochi istanti dopo la Germania cala addirittura il poker e Gosens si toglie la soddisfazione del gol, ciliegina sulla torta di una prestazione sensazionale. Il Portogallo però non molla e prova a riaprire la gara con Diogo Jota, che al 67' accorcia le distanze. Nei minuti finali, Renato Sanches spaventa Neuer colpendo un palo, ma la Germania non corre grossi rischi e porta a casa la vittoria.
(ITALPRESS).