BACOLI. In occasione del “Giorno della Memoria”, l'Istituto Comprensivo “Plinio il Vecchio - Gramsci” di Bacoli, ha promosso due interessanti e significativi incontri. Il primo, dedicato soprattutto alla riflessione, è stato rivolto in particolare alle scuole e ai più giovani, con lo scopo di non dimenticare mai questo momento drammatico del nostro passato di italiani ed europei, affinché, come dice la stessa legge “simili eventi non possano mai più accadere”. A prendere corpo non è stata una 'celebrazione’, ma la voglia di ribadire e di ricordare quanto successo, attraverso un dibattito con le famiglie, gli insegnanti, le autorità locali e gli ospiti. Tra questi, oltre al dirigente scolastico dell’Istituto, il professore Marco Wolfer Calvo; Nico Pirozzi, giornalista e scrittore; Samuele Guardascione, studioso di storia del territorio; Nico Gabai, interprete di lingua ebraica, ed ancora, la scrittrice Silvana La Sala; il consigliere comunale Carmela Ansalone, il Prof Ottavio Di Grazia, docente dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e Haim Goldfus, archeologo e figlio di un sopravvissuto ( rifugiato in Villa Scalera durante gli anni della deportazione) che si è soffermato sui terribili racconti del padre, sulla sua storia e sul delicato e drammatico periodo della Seconda Guerra Mondiale. A completare l'incontro, anche l' intervenuto del parroco della comunità Don Enrico Campisano, i rappresentanti delle Forze dell’Ordine locali e i ragazzi della scuola secondaria di primo grado della Plinio e della Gramsci, impegnati nella lettura di brani letterari tratti dal Diario di Anna Frank con gli spunti musicali della professoressa Margherita Carannante e del professore Lorenzo Campese. Il secondo incontro è stato dedicato alla presentazione del libro di poesie “Avec le temps” della professoressa Silvana La Sala, ex docente della Gramsci, scrittrice per passione. Un libro che costituisce senz’altro una delle raccolte di poesie più riuscite dell’autrice, un’opera autobiografia in cui sono concentrate molte lettere e poesie raccolte nella sua vita. Un percorso intenso che racchiude la storia personale e familiare per esprimere in versi i ricordi di gioventù. Ad arricchire la presentazione del libro di La Sala, anche la partecipazione di Lorenzo Campese, pianista ed arrangiatore dei brani del coro Gospel, “Vocale Voices Box”. Due giornate di lavoro, quelle organizzate dall'istituto flgreo, per favorire l'esistenza di una scuola diversa dalle altre, capace di stimolare la creatività, l’arte e la poesia nel segno di nuovi orizzonti. Una scuola a dimensione familiare, per promuovere giuste sinergie e l' alleanza con le famiglie, con gli alunni, gli insegnanti e le autorità del territorio, al fine di creare contesti di apprendimento e nuove conoscenze per cambiare in meglio il mondo della comunità.