Prestigiosi nomi internazionali ed il ritorno in presenza del pubblico e delle attività caratterizzano l’edizione numero diciannove dell’Ischia Film Festival, in programma dal 26 giugno al 3 luglio al Castello Aragonese; Oliver Stone, Alexander Sokurov, Leone d’oro alla Mostra del Cinema di Venezia con “Faust” nel 2011, Allan Starski, scenografo premio Oscar per “Schindler’s List” sono i tre super ospiti annunciati dal patron della manifestazione, Michelangelo Messina in conferenza stampa.

“Il ritorno di ospiti di caratura internazionale all'Ischia Film festival - ha dichiarato Messina -, è un importante segnale di ripartenza per un settore profondamente scosso dall’inattività forzata degli ultimi mesi e, in generale, per l’intero Paese”.

Il regista Oliver Stone, vincitore di tre Oscar e quattro Golden Globe, riceverà il Premio alla carriera mercoledì 30 giugno, incontrando il pubblico alla cattedrale dell’Assunta per poi lasciare spazio alla proiezione del suo “Ogni maledetta domenica”.

La forza di questo festival è di certo l’offerta culturale in luoghi da sogno ed il ritorno a tre delle originarie location ( Piazza d’armi, la terrazza della casa Del Sole e la Cattedrale dell’Assunta) restituirà alla manifestazione il suo fascino; ricordiamo che Ischia è una delle isole covid free ma le misure di accesso alle serate sono legate alle normative previste per il contrasto al virus: i biglietti si comprano on line, sono nominali ed incedibili. Per ogni serata sono previste due proiezioni.

Alla selezione di quest’anno previste 96 opere tra finzione e documentario, di cui 48 in concorso e 48 fuori concorso, provenienti da 42 paesi, e appartengono all’attualità, ambiente, rivisitazioni storiche, sociale.

Si parte sabato 26 giugno alle 20.30 con “Quo vadis, Aida?” di Jasmila Žbanić; a seguire “L’ultimo paradiso” di Rocco Ricciardulli con Riccardo Scamarcio. Nella serata inaugurale il regista, sceneggiatore e attore Alessandro D’Alatri riceverà il Plinius Award.

Domenica 27 giugno Barbara Bouchet, oltre ad essere premiata con l’Ischia Film Award, con   Marco Bocci introdurrà con il regista Toni D’Angelo la proiezione di “Calibro 9”. Il regista Francesco Bruni accompagnerà invece la proiezione di “Cosa sarà”. 

Lunedì 28 giugno Allan Starski incontrerà il pubblico e riceverà il premio alla carriera dell’Ischia Film Festival, il Life AchievementAward; venerdì 2 luglio, serata per Alexander Sokurov, che riceverà il Premio alla Carriera IFF 2021, prima della proiezione del suo “Arca russa”.

Sabato 3 luglio il gran finale del festival, con la cerimonia di premiazione delle opere vincitrici alla Cattedrale dell’Assunta. 

Il Festival abbraccerà anche una sezione online sulla piattaforma digitaleischiafilmfestivalonline.it, dove saranno visibili tutte le proiezioni fuori concorso e una selezione delle opere in concorso. 

Per le opere in concorso confermate le sezioni competitive Lungometraggi, Cortometraggi, Location Negata, Scenari Campani con molte opere in prima visione assoluta.

Gli incontri con gli autori sono condotti dai critici cinematograficiAntonio Capellupo e Giuseppe Borrone con la partecipazione straordinaria di Gianni Canova. 
Un lavoro arduo spetterà alla giuria formata da tecnici di fama internazionale.

Lunedì 28giugno alle 10 è invece in programma il diciannovesimo Convegno Internazionale sul Cineturismo.