Ormai su tutti i cellulari d’Italia si parla del video del programma Rai Tg Leonardo che raccontava la nascita di un supervirus creato in un laboratorio della Cina, il servizio è datato addirittura 16 novembre 2015 ed è andato in onda il 16 novembre 2015, quasi cinque anni fa. Nel programma si parla proprio si un virus che avrebbe colpito i polmoni e creato in laboratorio da pipistrelli e topi. Il conduttore racconta: «Si tratta di una proteina presa dai pipistrelli innestata sul Virus della Sars - la polmonite acuta - ricavato dai topi e ne esce un supervirus che potrebbe colpire gli uomini. Vale la pena creare un pericolo così grande per motivi di studio». E ancora: «Coronavirus trovato nei pipistrelli su un virus che provoca la Sars. L'ibrido è adatto ad attaccare l'uomo: una precisa molecola (shco14) permette al coronavirus di attaccarsi alle nostre cellule respiratorie scatenando la sindrome. Secondo i ricercatori inoltre l'organismo può contagiare l'uomo senza passare per una specie intermedia come il topo». Sulla questione è intervenuto Alessandro Casarin, direttore della testata regionale Rai, che ha spiegato: «Il servizio del 16 novembre 2015 andato in onda nella rubrica Leonardo della TgR è tratto da una pubblicazione della rivista Nature. Proprio tre giorni fa la stessa rivista ha chiarito che il virus di cui parla il servizio, creato in laboratorio, non ha alcuna relazione con il virus naturale Covid-19».

Coronavirus creato in laboratorio? Il giallo del servizio del Tg Leonardo del 2015

CONDIVIDI: