Al tortino Gennarì “Uau miraculo ‘e San Gennaro” di Luigi Avallone di Quarto va il contest “Un dolce per San Gennaro” promosso da Mulino Caputo da un’idea di Dieffe Comunicazione. Un tortino al burro e olio evo, praline al cioccolato fondente, lampone, lacrime di fragola e liquirizia, cioccolato bianco, aromi, vaniglia, croccante di rosmarino. Infine glassa di cioccolato bianco con lacrime di fragola. Questa la composizione del tortino proposto da Avallone che svolge la sua attività nella cittadina flegrea con i suoi figli. Al maestro pasticcere è andato il premio di mille euro, donato ad un’associazione contro i tumori infantili. Ai concorrenti era stato proposto di creare un dolce inedito, realizzato con le farine del Mulino Caputo,  contenente un ingrediente rosso, in riferimento al prodigio del sangue. Ciascun  maestro dell’arte bianca è stato lasciato libero di  attingere  dal vasto paniere dei prodotti tipici campani.

A confrontarsi nell'edizione 2021 del concorso “San Gennà... Un dolce per San Gennaro” Chiara Cianciaruso della pasticceria "Mon Sciù" di Napoli;  Ilaria Inchingolo dell'"Open light caffè" di Andria;  Valentina Silvestri, titolare del "Valentina Silvestri Home Food Services" di Falconara Marittima; Antonio Manfredonia, pasticcere presso il "Matinè Cafè"  di Bologna;  Luigi Avallone  della pasticceria Avallone di Quarto, in provincia di Napoli;  Ciro Cascone, primo pasticcere presso "Pane, Amore e Sapori" di Angri, in provincia di Salerno;  Nancy Sannino  della "Celestina Pasticceria" di Pollena Trocchia, Napoli. A giudicarli presso il Roof Garden Terrazza Angiò del Renaissance Naples Hotel Mediterraneo, i super esperti Sal De Riso, presidente dell’Accademia maestri pasticceri italiani); Luigi Biasetto, Relais Dessert e Antimo Caputo, mugnaio di Napoli e ideatore dell'iniziativa.

Nel corso della manifestazione, proprio in virtù dell'affetto e dell'attenzione di cui gode il Santo partenopeo, la Dieffe Comunicazione ha annunciato che dall'anno prossimo l'evento si arricchirà per tutto il mese di settembre di i tour tematici,  denominati “Sulle tracce di San Gennaro”,  con lo scopo di proporre visite guidate presso musei, luoghi di culto e non solo, in itinerari nei quali le pasticcerie che proporranno specialità dedicate al Santo costituiranno un dolcissimo filo rosso. Un’iniziativa accolta con entusiasmo da Antimo Caputo, ad dell’azienda napoletana,  che ha ricordato come la kermesse dolciaria abbia colmato un “gap gastronomico” che da 1700 anni registrava l'assenza di un dolce dedicato espressamente a San Gennaro e che è diventato uno degli appuntamenti più popolari di settembre, nell'ambito dei festeggiamenti dedicati al Santo.