Secondo quanto afferma la WABetaInfo, portale famoso per scovare le novità nascosta nel codice delle versioni beta delle app più famose, WhatsApp starebbe testando una nuova funzione per aiutare gli utenti a individuare i contenuti potenzialmente falsi. Il funzionamento sarebbe molto semplice e prevede accanto ad ogni messaggio un’icona a forma di lente di ingrandimento. Cliccandoci sopra il sistema chiederà all’utente se vuole effettuare una ricerca del testo sul web. In caso di risposta affermativa, il messaggio verrà interamente incollato nella Ricerca Google e verrà avviata la ricerca. Una soluzione assai comoda per verificare velocemente ad esempio il titolo di una notizia o il testo di un articolo magari copiato e incollato e poi inoltrato da terzi. l’obiettivo sarebbe quello di combattere la cosiddetta infodemia o bulimia informativa, ovvero l’eccessiva proliferazione di informazioni spesso contraddistinte da dubbia affidabilità e carenza di fonti: “Stiamo lavorando su nuove funzionalità per aiutare gli utenti a scoprire ulteriori informazioni sui messaggi che ricevono che sono stati inoltrati molte volte. Questa funzionalità è attualmente in fase di test e non vediamo l’ora di implementarla nel prossimo futuro”.