«Al via una revisione dei dati del braccio di pazienti trattati con idrossiclorochina e clorochina nello studio 'Solidarity' dopo i risultati di uno studio pubblicato su Lancet venerdì», che ha rilevato «un più alto tasso di mortalità fra i pazienti» trattati con questi medicinali.

Ad annunciarlo è stato il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra, spiegando che il gruppo esecutivo dell'Oms si è incontrato sabato scorso e ha deciso di «interrompere

momentaneamente» la sperimentazione nel gruppo «in trattamento con idrossiclorochina e clorochina nello studio Solidarity». Gli altri gruppi del trial "che sta valutando 4 farmaci, andranno avanti». E «dall'Oms arriverà un aggiornamento quanto prima sulla situazione.

Questa preoccupazione - ha aggiunto - riguarda l'uso dell'idrossiclorochina e della clorochina contro Covid-19. Desidero ribadire che questi farmaci sono generalmente considerati sicuri per l'uso in pazienti con malattie autoimmuni o malaria», ha detto il dg dell'Oms.