Splendida serata d’inizio stagione musicale per l’Ennó di Napoli, con il concerto di apertura dei 29 e 30, di venerdì 20 settembre.
Il gruppo partenopeo, composto da Carlo Maria de Rosa alla voce, Francesco Verrone al basso e cori, Dario di Pietro alla chitarra, Antonio Di Mauro alla tastiera, Alessandro Zinno al sassofono, Pasquale Di Marino alla batteria, con la partecipazione di Ciccio Merolla alle percussioni, Enrico Valanzuolo alla tromba, Roberto Veneri alla chitarra, Simona Boo, Fabiana Martone, Brunella Selo ai cori, “A Pere Annure” e con una sentita sincerità artistica, ha dato alle stampe “Pe Ventinove e Trenta” ... un EP che si inserisce nei solchi di una musica d’autore in vernacolo dalle contemporanee sonorità sospese tra bossanova, funky, vibrazioni di elettronica, aperture giamaicane e classicità nostrana.

 

Siamo nati 4 anni fa, senza una idea musicale precisa se non quella di suonicchiare qualcosa insieme in sala prove - raccontano i 29 e 30 - Il nome è stato scelto in maniera molto democratica, tramite votazione. Ci è piaciuta l'idea di prendere in prestito un modo di dire napoletano, "pe vintinove e trenta" che indica il riuscire a fare le cose per un pelo, con qualche difficoltà e anche un pizzico di fortuna. Ci siamo ritrovati molto perché anche nella vita di tutti i giorni siamo belli rilassati, forse anche troppo. Poi Checco ha iniziato a scrivere qualche testo, e in poco tempo ci siamo trovati a lavorare su tanti brani nostri. Abbiamo iniziato a portare in giro la nostra musica togliendoci anche belle soddisfazioni. Due anni fa abbiamo suonato con i Foja al Newroz Festival, abbiamo partecipato alle edizioni 2017 e 2019 del Primo Maggio di piazza Dante, a Napoli. Da tempo Carlo collabora col collettivo Terroni Uniti, coi quali ha partecipato allo Sherwood Festival a Pontida. L'anno scorso abbiamo suonato al Napoli Pizza Village, su un palco al lungomare Caracciolo, davanti a tantissima gente. È stato emozionante. A maggio è uscito il nostro primo lavoro discografico, un EP di 6 tracce che vede la produzione artistica di Massimiliano e Valerio Jovine e Alessandro Aspide, che raccoglie i primi pezzi del nostro repertorio. Da questo EP a oggi abbiamo estratto 4 singoli (Sisifo, Bossanova Cu 'o core mmano, A pere annure). Vi abbiamo anche inserito un remix di Evelina, il nostro primo singolo con videoclip, che risale a 3 anni fa e che ha avuto un discreto successo. Attualmente stiamo raccogliendo materiale per il nostro primo album, che speriamo sarà pronto nell'arco dell'anno prossimo. Stiamo scrivendo pezzi nuovi e a breve ci chiuderemo in sala prove per arrangiarli in maniera coerente tra loro. Saranno mesi di lavoro, impegnativi, e probabilmente limiteremo anche i live. Non ci vedrete per un po', ma speriamo di tornare nel migliore dei modi!”.

Marco Sica

 

foto di Francesca Albanese