“In aumento i casi di Covid19 tra i bambini, dai neonati fino a 15 anni. La metà dei bimbi positivi va da zero a 3 mesi. Al Pronto Soccorso dell'ospedale Santobono ne arrivano 4-5 al giorno, anche se con sintomi non preoccupanti. Contagiati soprattutto da estranei alla famiglia convivente, perché le madri sono negative. I bimbi piccoli vanno protetti: evitate le visite dei parenti, gli abbracci e gli sbaciucchiamenti”. L'allarme arriva da Vincenzo Tipo, pediatra del Pronto Soccorso dell'Ospedale Santobono-Pausilipon,

Positivi bimbi fino a 3 mesi, i sintomi
Come riporta fanpage.it, «Stiamo riscontrando – scrive Tipo in un post sul suo profilo social – confermato anche dalle notizie ufficialmente trasmesse dalla Unità di Crisi, un incremento dei contagi tra i bambini da 0 a 15 anni. Solo al PS del Santobono ne registriamo 4-5 al giorno in buona parte con sintomi non particolarmente preoccupanti. Da un’analisi più attenta del dato abbiamo verificato che il 50% di questi sono bambini di età 0-3 mesi con madri negative al Covid”. “I sintomi per questa fascia d’età – da zero a 3 mesi – sono: febbre, inappetenza, irritabilità, diarrea, tosse e lievi difficoltà respiratorie».

Contagiati da estranei, basta baci e abbracci

Volendo ipotizzare la catena del contagio consideriamo altamente probabile che questo sia intrafamiliare ma non verticale (madre/figlio). Per essere chiari i bimbi vengono contagiati da persone, in casa, diverse dalle madri. Secondo noi il fenomeno è da ricercare nella cattiva abitudine di frequentare spesso ed insistentemente una casa dove c’è un neonato o un lattantino, di sbaciucchiarlo continuamente, di passarselo di braccia in braccia e di fare tutte quelle moine a noi tutti fin troppo note. Questo non è più possibile”.

Covid, cosa fare a casa se c'è bimbo piccolo
“Il bambino piccolo – conclude Tipo – è un organismo fragile e suscettibile pertanto va tutelato, protetto e non esposto a un potenziale pericolo. Ci permettiamo, pertanto, di consigliare queste semplici regole di comportamento quando in casa c’è un neonato o un bimbo di pochi mesi”:

limitare, se non evitare, visite di parenti, amici, conoscenti e vari;
vietare a tutti ( compreso padre e fratelli) di stare vicino al bimbo senza indossare una mascherina ;
non lasciare baciare il bimbo;
manipolare il bambino solo dopo aver lavato le mani ed usato un gel idroalcolico;
tenerlo, per quanto possibile, in un ambiente tranquillo e poco frequentato;
arieggiare spesso l’ambiente di soggiorno.

"Queste semplici ed elementari norme, che dovrebbero valere sempre, sono assolutamente indispensabili in epoca Covid. Se manteniamo alta l’attenzione e la prudenza – conclude il pediatra Vincenzo Tipo – ne usciremo presto e bene. Approfitto per rivolgere un grande ringraziamento allo straordinario team medico infermieristico del Pronto Soccorso dell’Ospedale Santobono per il grande lavoro che sta svolgendo con la massima professionalità e l’altissimo senso di responsabilità".