Con l'inizio dell'ultima settimana di novembre correnti fredde balcaniche irromperanno sull'Italia portando condizioni climatiche sempre più invernali.

Il vortice mediterraneo che nel weekend transiterà sull'Italia uscirà di scena con l'inizio della nuova settimana e sfilerà verso il Mediterraneo orientale. Al suo seguito cercherà di insinuarsi un temporaneo campo di alta pressione in espansione dall'Europa occidentale, che favorirà una fase più stabile, ma non duratura.

Dall'Europa nordorientale infatti si farà strada una massa di aria piuttosto fredda che con moto retrogrado punterà verso l'Italia, raggiungendola già nella prima parte della nuova settimana.

 

INIZIO SETTIMANA

Mentre lunedì gli ultimi piovaschi si attarderanno sulle estreme regioni meridionali, il resto d'Italia beneficerà del rinforzo dell'alta pressione con tempo più stabile.

Si cominceranno però ad avvertire i primi refoli freddi balcanici su parte del Centro-Nord, in particolare sulla Val Padana e sull'Adriatico,

che si tradurranno in annuvolamenti più compatti a ridosso dei rilievi alpini e lungo le regioni adriatiche, ed in un lieve calo delle temperature massime.

Andrà meglio sulle Alpi settentrionali e sulle regioni tirreniche, dove prevarranno ampi spazi di sereno.

 

METEO FINO A META' SETTIMANA

Continuerà ad affluire aria fredda dai quadranti orientali che determinerà una generale diminuzione delle temperature sull'Italia, con massime destinate a mantenersi ben al di sotto dei 10°C su gran parte del Centro-Nord, 

specie sul versante adriatico. Non escluso anche un peggioramento del tempo entro mercoledì al Centro-Sud, per la formazione di un minimo di pressione in prossimità del Mediterraneo centrale,

con possibili nevicate in Appennino. Vista la distanza temporale la tendenza potrebbe subire modifiche e vi consigliamo di seguire i prossimi aggiornamenti.