Ok partner, no fidanzati. Questo si evince dall'ultimo Dpcm del Governo in merito alle misure di contenimento per il Coronavirus. 

Stando a quanto racconta anche Fanpage.it sembrerebbe questa la linea di distinzione tracciata dal Governo nelle sue faq, le domande frequenti, a cui risponde sul suo sito per chiarire le novità dell'ultimo Dpcm

Si parla della possibilità di ricongiungersi per le coppie, che però per il Governo non sembrano essere tutte uguali.

Le parole chiarificatrici delle risposte alle domande frequenti, in questo caso, confondono ancora di più i cittadini che cercano disperatamente di trovare delle indicazioni per capire come comportarsi – non a caso l'hashtag #congiuntifuoriregione è tornato a spopolare su Twitter – senza trasgredire le regole, né rinunciare a prescindere.

Come si legge ancora su Fanpage.it tra le regole per gli spostamenti, vengono chiarite anche le dinamiche consentite per il ricongiungimento delle coppie:

"Io e il mio coniuge/partner viviamo in città diverse per esigenze di lavoro (o per altri motivi). Sarà possibile per me o per lui/lei raggiungerlo/a? Sarà possibile solo se il luogo scelto per il ricongiungimento coinciderà con quello in cui si ha la residenza, il domicilio o l’abitazione".

Per raggiungere il proprio partner in un'altra Regione, bisogna risiedere, essere domiciliati o "abitare di fatto" nella casa in cui lo si raggiunge.

Sostanzialmente il chiarimento si rivolge quindi alle coppie conviventi, infatti la dicitura utilizzata è sempre coniugi/partner.

Se il primo concetto è chiaro, il secondo un po' meno, ma è presumibile che per partner si intenda coppia convivente, anche se non è affatto scontato che assuma quel significato.

Lo stesso discorso - si legge - vale per situazioni in cui si ha la residenza in una Regione, ma si vive per lavoro in un'altra e il partner vive in un'altra ancora, il senso è sempre quello:

"Nel caso in questione, il coniuge/partner potrà spostarsi per raggiungere il primo soltanto se ha la residenza o il domicilio nel Comune di destinazione o se in quel Comune c’è l’abitazione solitamente utilizzata dalla coppia".

Il concetto di abitazione, sul quale si discute da tempo, è molto vago, e soprattutto indimostrabile. Se una persona si mettesse in viaggio per raggiungere il proprio compagno o compagna in un'altra Regione e fosse fermato per un controllo, in che modo sarebbe verificabile dove abita?