Sabato 12 giugno, terzo appuntamento con la Rubrica mensile di Poesia "Ci vediamo alla Panchina".

Il primo appuntamento è stato inaugurato lo scorso 24 aprile con Gloria Vocaturo che, in coppia con il poeta Nunzio Di Bernardo, ne è coideatrice e  coordinatrice. Il 29 maggio è toccato al poeta filosofo Achille Pignatelli con il suo libro dal titolo I ritorni.

"Ai nostri eventi - dichiarano Nunzio Di Bernardo e Gloria Vocaturo - si alternano diversi autori, nei panni di relatrici come già avvenuto con Cristiana Buccarelli e Rosa Mancini, di fotografi come Anna Carniero e Davide Picardi, e di videomaker come Silvana Pesola e Nives Monda quest’ultima della Taverna a Santa Chiara che ci ospita. Le presentazioni alla Panchina Letteraria “Giacomo Leopardi” di via Santa Chiara, oltre che in presenza, è possibile seguirle anche in diretta streamyard dalla Pagina Facebook Poeti allo Scoperto scrivendo commenti e ponendo domande. Ci vediamo alla Panchina, sarà ancora una volta fra le quattro e le due ruote grazie ad una mente purtroppo ancora chiusa verso la Cultura in sicurezza tra e per la gente da parte delle istituzioni locali che a loro volta si appellano ai tempi della burocrazia. Avevamo chiesto la pedonalizzazione per due ore di Via Santa Chiara. Siamo testardi. Ci riproveremo per il prossimo appuntamento di luglio", dicono i due ideatori, i quali ricordano inoltre che i loro eventi sono assolutamente a titolo gratuito per dare la possibilità a chiunque di potervi partecipare e parte della loro forza si basa proprio sul fare sinergia con altre realtà culturali presenti sul territorio; ciò non vuol dire che la panchina ospiterà soltantopoeti locali, tant’è che sabato 12 alle ore 18 sarà presentato un calabrese Michele Caccamo che vive nella capitale e che nel mondo arabo ha ottenuto il riconoscimento di “Poeta della Fratellanza”.

"Michele Caccamo ha pubblicato e tradotto in Egitto, Yemen, Indonesia, Siria, Palestina, Russia, Cile, Argentina, Messico, Spagna, Francia, Stati Uniti. Suoi libri sono stati recensiti da La Capria, da Alda Merini e tanti altri grandi nomi della Cultura italiana - aggiunge Nunzio Di Bernardo - Io l'ho recensito a modo mio, psicoanalizzandone i versi nel tentativo di vederlo emozionarsi perché quando vedo un poeta con le lacrime agli occhi, sorrido; vuol dire che questi è ancora umano nonostante tutto”. Il libro che sarà presentato si intitola La meccanica del pane, un’antologia che contiene 296 poesie scritte da Michele Caccamo dal 2010 al 2015, che io e Gloria sintetizzeremo in un appassionante dialogo tra anime gentili. L’autore, che si tratterrà a Napoli per una serie di presentazioni, ha scelto di cominciare questo suo tour partenopeo da una stradina quasi vicolo del centro storico insieme a noi e ciò denota il suo essere provocatorio ma anche di possedere un gran cuore ed una intelligenza priva di frontiere ma il vero perché lo scoprirete tra le righe solo partecipando. Durante la presentazione, infine, saranno esposte in visione alcune opere artistiche del fotografo Bruno Ciniglia. Ci vediamo alla Panchina".

MS