Il Running entra all'Università. E lo fa dalla porta principale grazie all'invito del Dipartimento di Economia, Management, Istituzioni dell'Università Federico II di Napoli che ha organizzato il  Corso di Perfezionamento in Sport Management (SportMan) promosso dal Prof. Roberto Vona, coordinatore scientifico, e dal Dott. Alessandro  Formisano, Head of Operations, Marketing and Sales della SSC Napoli. Tre ore intense per parlare della Napoli City Half Marathon, del  futuro del running in tempi di pandemia e rispondere ai laureati che  hanno preso parte alla prima edizione del Corso. Tre ore in cui si è  ripercorso il concept di Napoli Running, società che organizza una serie di eventi podistici nell’area metropolitana di Napoli e sulla Penisola Sorrentina con l’obiettivo di creare percorsi di qualità certificata da organizzazioni ed istituzioni nazionali ed internazionali.

«La visione di Napoli Running - ha spiegato il responsabile Luigi Varriale - è quella di aumentare la partecipazione di massa nelle ‘fun runs’ coinvolgendo sempre più persone, non solo maratoneti, che vedono il running come uno stile di vita in un’ottica che si sposta dal Competing al Completing». Snocciolati i dati dell'ultima edizione (2020) con quasi 7000 corridori registrati, il 20% proveniente dall'estero, il 57% da altre regioni. Ventimila visitatori e 2,82 milioni di euro di indotto per un concept di una manifestazione che fa sempre di più del turismo sportivo il suo asse portante.

Fondata nel 2016 grazie ad un investimento di RunCzech, Napoli Running ha come obiettivo aumentare la partecipazione di massa nelle ‘fun runs' coinvolgendo sempre più persone, non solo maratoneti, che vedono il running come uno stile di vita. Oggi il runner è un progressive achievers, una persona che ha sensibilità verso l'ambiente, è socialmente responsabile, cerca uno stile di vita migliore. «In Europa siamo 500 milioni di abitanti, dei quali 48 milioni di runner certificati ed il 33% che corre fuori casa - sottolinea Varriale - Significa che prende un aereo, porta la famiglia in vacanza in occasione di una maratona, visita una città. Senza considerare i fatturati delle aziende coinvolte. Solo la spesa dei singoli runners che acquistano ogni anno magliette e scarpette raggiunge un totale di 17 miliardi di euro l'anno». Tutto ciò prima della pandemia che ha costretto molte grandi organizzazioni a reinventarsi organizzando gare digitali in cui si possono correre ugualmente lunghe distanze ma attraverso un Gps che comunica i propri tempi ad una piattaforma che ha il compito di stilare una classifica mondiale. Nascono così esperienze come la Napoli City Digital Running Festival 2021 che si svolgerà nel mese di febbraio in luogo della manifestazione classica.

Allo stesso modo analizzato con l'architetto Maria Lista anche il concept dell'Expo che ha raccolto oltre ventimila persone nei tre giorni della manifestazione, dallo spazio riservato ai partners istituzionali come la Guardia di Finanza promotrice dell'iniziativa Napoli concorre per la legalità ai partners commerciali.

Il Corso di Perfezionamento in Sport Management (SportMan) è istituito presso il Dipartimento di Economia, Management, Istituzioni dell’Università degli studi di Napoli Federico II. È il primo corso, nel suo genere, istituito in un Ateneo del Sud Italia. Il Corso forma giovani manager con una solida preparazione multidisciplinare e integrata, capaci di gestire efficacemente i rapporti tra imprese del settore sportivo; crea risorse ideali sia per imprese sponsor, sia per società sportive. Ai laureati sono state offerte lezioni di diverse discipline dallo Sport Industry & Strategic Management, al Marketing e Plant Management, dal Diritto dello sport alla Corporate Social Responsability, dalla Sociologia alla Comunicazione dello sport.

«Il Corso SportMan - dichiara il Prof. Vona - consente di acquisire know-how e competenze subito spendibili nel mercato del lavoro, ed al tempo stesso confrontarsi con autorevoli operatori e manager del settore. Abbiamo, infatti, avuto testimonianze di grandi aziende sponsor come Lete, MSC Crociere, Garofalo, Mars, solo per citarne alcune; ma anche campioni olimpici di diverse discipline sportive come Sandro Cuomo, Davide Tizzano e Paolo Trapanese. Questa edizione sta per concludersi, ma stiamo già lavorando sulla prossima per offrire un percorso sempre più ricco e nuove opportunità ai laureati che si  iscriveranno».