Organizzare l’attività solidale, imparare l’aiuto. Con questo obiettivo, Medici di strada, l’associazione che, con un camper medicale, gira per le strade napoletane a fornire cure, consulti medici e assistenza sanitaria ai senzatetto, ha organizzato un seminario di formazione gratuito e aperto a tutti dal titolo “La strada, occasione di incontri e possibilità di relazioni”, questa mattina nella chiesa di San Giorgio Maggiore a Forcella. A tenere il seminario il professor Vincenzo Castelli, teologo e filosofo, uno dei massimi esperti nazionali di  politiche sociali, costruttore di reti di accoglienza e inclusione sociale, collaboratore di governi nazionali e organizzazioni governative sovranazionali, in particolare con l’Ue e l’Onu, per la stesura di progetti di politica sociale. «Volontariato non è improvvisazione - dice Bruno Casaretti, presidente di Medici di strada -, soprattutto quando si tratta di attività complesse, di prossimità, di strada, di contatto con la marginalità. Bisogna imparare ad aiutare, non bastano le buone intenzione. Questo seminario è un’occasione di confronto, di ascolto, per migliorare l’efficacia delle azioni di chi vuole dare una mano a chi ha bisogno».