Nel tardo pomeriggio di ieri, al parco Monte Stella di Milano, in zona San Siro, una 45enne è stata violentata mentre passeggiava con il cane. Intorno alle 18.20 la vittima è stata avvicinata da un uomo, a quanto riferito da lei straniero, che l’ha strattonata e ha poi abusato di lei.

La donna è stata soccorsa dal 118 ed è stata trasportata in codice giallo alla clinica Mangiagalli di Milano. Sulla vicenda sta indagando la Squadra mobile della Questura di Milano, guidata da Marco Calì.

Stuprata in pieno giorno

La donna ha descritto il presunto aggressore come straniero. Dopo lo stupro, avvenuto nel quartiere QT8, la donna è stata trasportata in codice giallo alla Clinica Mangiagalli del Policlinico.

Sul posto è intervenuta la polizia, chiamata dal 118. Le indagini sono condotte dalla Squadra Mobile. Adesso è caccia allo stupratore.

Una notizia che arriva anche dall’Ansa e che è soltanto uno dei tanti episodi di violenza accaduti nell’ultimo periodo in Italia nei confronti delle donne.

Un mese stupro di gruppo

Di un mese fa è, infatti, la storia di uno stupro di gruppo. Avevano adescato una 14enne su Facebook per poi violenzarla. Violenza sessuale di gruppo su una ragazzina di 14 anni. Adesso rischiano un secondo processo Mario Seferovic e Bilomante Maikon Halilovic.

Sui due ragazzi rom – scriveva Fanpage.it – gravava già una condanna in appello per aver stuprato due adolescenti in un’area verde della Collatina, legando loro i polsi e violentandole su un materasso sporco sistemato dietro a un pozzo nascosto tra gli alberi.

La mamma di Mario ai microfoni di Fanpage.it aveva detto: «Mio figlio è innocente, quella ragazza dice bugie». Come riporta Il Corriere della Sera, la nuova presunta violenza sarebbe accaduta nel giugno del 2017, un mese prima dell’episodio per il quale i due giovani sono stati arrestati e finiti davanti ai giudici.

La Procura di Tivoli ha chiuso le indagini nei confronti dei due ragazzi, che rischiano di finire nuovamente a processo, ritenendo coinvolta nell’accaduto una terza persona, Ibrajme Halilovic.