Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
  • ROMA (ITALPRESS) - Ancora una nuova, seppur contenuta, crescita dei casi di coronavirus in Italia. Secondo il bollettino del Ministero della Salute, i nuovi positivi sono 8.085 (il 12 maggio erano 7.852) a fronte però di un numero inferiore di tamponi processati, 287.026, un dato che incrementa lievemente il tasso di positività al 2,81%. Significativa discesa dei decessi, 201 (-61). I guariti nelle ultime 24 ore sono 14.295 mentre gli attuali positivi scendono a 346.008 con un calo complessivo di 6.414.
    Ulteriore calo dei ricoveri nei reparti ordinari, sono 13.608 (-672); 99 pazienti in meno invece nelle terapie intensive che si attestano su un numero complessivo di 1.893 con 81 nuovi ingressi. In isolamento domiciliare vi sono 330.507 persone. La regione con il maggior numero di casi è la Lombardia (1.396), seguita da Campania (1.110) e Piemonte (706). Al contrario il Molise registra il numero minore di nuovi contagiati, 12. (ITALPRESS).

  • ASCOLI PICENO (ITALPRESS) - Gino Mader ha vinto la sesta tappa del Giro d'Italia 2021, 160 chilometri dalle Grotte di Frasassi ad Ascoli Piceno. Lo svizzero della Bahrain Victorious ha conquistato il primo vero arrivo in salita della 104^ Corsa Rosa, coronando una lunga fuga. L'elvetico ha preceduto il colombiano Egan Bernal (Ineos Grenadiers) e l'irlandese Dan Martin (Israel Start Up) di 12", al termine di una frazione appenninica caratterizzata dal maltempo. Vincenzo Nibali (Trek-Segafredo) ha invece pagato nel finale, cedendo circa 1' sull'elvetico. Male l'australiano Jai Hindley (Team DSM), che si è staccato ai -3 km dal traguardo. La maglia rosa Alessandro De Marchi è crollato, cedendo il simbolo del primato all'ungherese Attila Valter (Groupama FDJ). Domani è in programma la settima tappa con partenza da Notaresco e arrivo a Termoli dopo 181 chilometri. Una frazione con molta pianura e un finale aperto a possibile sorprese per via di uno strappo al 12% a circa 1500 metri dal traguardo.
    (ITALPRESS).

  • ROMA (ITALPRESS) - "Il 35% della popolazione adulta europea ha ricevuto la prima dose, il 14% la seconda. Questo ci rende ottimisti di riuscire a consegnare il numero sufficiente di fiale per raggiungere l'obiettivo del 70% di europei adulti vaccinati a luglio". Lo dice a News Mediaset il commissario Ue alla Salute Stella Kyriakides.
    Sulla Commissione europea che ha recentemente annunciato anche di stare lavorando su delle cure per il Covid dichiara: "Sì, il virus può diventare endemico e quindi guardiamo anche alle terapie. L'Ema sta al momento valutando quattro anticorpi monoclonali".
    Dopo delle innegabili difficoltà iniziali, il commissario alla Salute UE esalta il cambio di passo dell'Europa rispetto alle vaccinazioni: "Stiamo vaccinando il più velocemente possibile. L'importante soprattutto per paesi come l'Italia è di essere in grado accelerare e in sicurezza per far ripartire l'economia e tornare a viaggiare".
    Sul Green Pass rivela: "Vorremmo che fosse attivo all'inizio di giugno. Per noi è importante è stabilire un approccio comune. Avere un quadro di regole sicure, stabili e inter-operative che certifichino l'avvenuta vaccinazione, il test negativo e la completa guarigione in tutti gli stati membri"
    Sulla Ue che non intende rinnovare il contratto e sull'azione legale avviata nei confronti Astrazeneca, Stella Kyriakides chiarisce: "Il vaccino Astrazeneca è efficace che protegge da forme gravi di Covid e decessi sia in Europa che nel mondo. Voglio chiarire che l'unica ragione per l'azione legale è di essere sicuri che le dosi promesse arrivino in tempo, in linea con quanto scritto nei contratti. Le nostre decisioni si basano solo su questo aspetto, sull'inadempienza della società nel fornire vaccini, è molto semplice".
    (ITALPRESS).

  • ROMA (ITALPRESS) - "Coprifuoco? Mi auguro che già la prossima settimana ci possa essere un allungamento almeno di un'ora o anche di due ore. E credo che il mese di giugno possa essere un mese dove poter valutare l'ipotesi di abolire il coprifuoco". Lo ha detto il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, ospite del programma "Vediamoci chiaro" su Tv2000.
    "Dobbiamo essere convinti di quello che stiamo facendo - ha aggiunto Costa - altrimenti perdiamo credibilità. Se ogni mese somministriamo 15 milioni di dosi di vaccino significa che da qui a luglio somministreremo 45 milioni che sommati ai 25 milioni già somministrati arriviamo a oltre 60 milioni di vaccini. Quindi credo che a fine luglio saremo in una percentuale di immunizzazione importante che ci permetterà anche di prendere in considerazione l'ipotesi di togliere le mascherine all'aperto".
    "Sulla questione del 'green pass' - ha proseguito Costa - c'è un elemento sul quale la politica deve fare una riflessione cioè prevedere anche la gratuità dei tamponi altrimenti si rischia di non mettere tutti i cittadini sullo stesso piano. Se un nostro concittadino contrae il covid viene curato gratuitamente e il vaccino viene somministrato allo stesso modo gratuitamente. Quindi anche sul tampone una riflessione di gratuità dovremmo farla".
    (ITALPRESS).

  • ROMA (ITALPRESS) - Esce domani (14 maggio) "Inacustico d.O.C. & more", il nuovo album di Zucchero contenente tutti i brani dell'ultimo disco di inediti "D.O.C." e una selezione di grandi successi del suo repertorio, riarrangiati in un'inedita veste acustica.
    Anticipato dai brani "Spirito nel buio" e "L'amore è nell'aria", si tratta del primo progetto interamente acustico della carriera di Zucchero.
    Composto da 25 canzoni, l'album sarà disponibile in formato doppio cd, triplo vinile, digitale e, in edizione limitata, anche in versione triplo lp autografato (solo per Amazon).
    (ITALPRESS).

  • ROMA (ITALPRESS) - Il ministro per gli Affari esteri e la Cooperazione internazionale, Luigi di Maio, e il ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Mara Carfagna, hanno firmato un protocollo d'intesa che dà avvio a una collaborazione istituzionale volta a rafforzare le misure a sostegno dell'internazionalizzazione delle imprese del Mezzogiorno, anche attraverso la rete diplomatico-consolare e gli Uffici ICE all'estero.
    Nel dettaglio il protocollo prevede: la valorizzazione delle Zone Economiche Speciali attraverso la realizzazione e la divulgazione di materiale promozionale esplicativo; la sistematizzazione delle iniziative a sostegno dell'internazionalizzazione delle imprese delle regioni meridionali, attraverso la definizione comune di specifiche progettualità che potranno trovare collocazione all'interno della programmazione 2021-2027 dei fondi di coesione dell'Unione Europea; lo sviluppo di strumenti dedicati di finanza agevolata con la creazione di comparti dedicati al Sud nell'ambito del Fondo 394 di Simest e del Fondo di Venture Capital dedicato al Sud Italia; la realizzazione di campagne di comunicazione sulle opportunità di investimento nel Mezzogiorno; l'individuazione di iniziative per il rafforzamento delle capacità delle PMI del Mezzogiorno in materia di digitalizzazione d'impresa.
    Il protocollo d'intesa avrà una durata di 24 mesi dalla sottoscrizione.
    "Con questo protocollo vengono attivati una serie di strumenti che saranno di grande valore per il rilancio dell'economia del Mezzogiorno. Attrarre investimenti esteri è fondamentale per colmare il divario cronico tra Nord e Sud, ma anche per avvicinare il nostro Meridione all'Europa e al resto del mondo", spiega Carfagna.
    "La firma di questo protocollo dimostra l'impegno di tutto il governo a favore del Mezzogiorno e dell'internazionalizzazione delle eccellenti aziende che abbiamo anche al Sud. Lavoriamo per far correre tutta l'Italia alla stessa velocità nei mercati internazionali", afferma Di Maio.
    (ITALPRESS).

  • ROMA (ITALPRESS) - Anche per il 2021 British American Tobacco (BAT) Italia sceglie l'agricoltura italiana. In occasione dell'evento "Acquisto di tabacco e filiera sostenibile: l'impegno di BAT per il settore tabacchicolo italiano", organizzato da BAT e ITALTAB in collaborazione con Confagricoltura e CIA-Agricoltori Italiani, alla presenza anche del sottosegretario per le politiche agricole alimentari e forestali Gian Marco Centinaio, l'azienda ha annunciato l'acquisto di 7.000 tonnellate dei migliori tabacchi lavorati in Italia, provenienti da Veneto, Campania, Toscana e Umbria, per un investimento totale di 20 milioni di euro.
    Quello tra BAT e la tabacchicoltura italiana è un rapporto consolidato, alimentato costantemente nel corso degli ultimi quindici anni. A fornire le 7.000 tonnellate di tabacco durante tutto il 2021 sarà infatti ancora una volta l'Organizzazione di Produttori di Tabacco ITALTAB, che riunisce in tutto il Paese oltre 400 aziende che operano su una superficie complessiva di circa 3.000 ettari e coinvolgono nel processo produttivo oltre 10.000 lavoratori.
    Negli ultimi 10 anni, BAT Italia ha investito oltre 200 milioni di euro nella tabacchicoltura italiana e contribuisce ogni anno all'Erario con oltre 3 miliardi di euro di accise.
    "Dare serenità economica ai produttori agricoli - ha evidenziato il sottosegretario Centinaio - è una delle priorità del Mipaaf. L'accordo che viene presentato oggi è fondamentale per garantire programmazione per i coltivatori di tabacco, soprattutto in un momento come questo. Il Ministero è stato e sarà vicino al settore con tutti gli strumenti politico-istituzionali a sua disposizione, per portare avanti contratti di filiera e di aggregazione che possano mettere in sicurezza i comparti produttivi del nostro Paese".
    "Con questo importante investimento, che avrà un impatto positivo sulle aziende e gli agricoltori di tutto il territorio nazionale, vogliamo testimoniare ancora una volta, e ancor più oggi in questo difficile momento storico, il nostro impegno verso l'Italia e la filiera tabacchicola italiana. Questo impegno rispecchia il nostro proposito "A Better Tomorrow": contribuire ad un futuro migliore per i consumatori e le comunità in cui operiamo, da costruire anche attraverso un'agricoltura più sostenibile, basata su occupazione di qualità, tutela dell'ambiente e innovazione. In quest'ottica prossimamente metteremo in cantiere anche attività sperimentali orientate all'innovazione tecnologica, da realizzare insieme agli stakeholder del settore, con l'obiettivo di rendere la filiera tabacchicola sempre più sostenibile da un punto di vista ambientale", ha dichiarato Roberta Palazzetti, presidente e amministratore delegato di BAT Italia e Area Director Sud Europa. "Nella transizione del settore verso una maggiore sostenibilità e solidità un ruolo fondamentale lo hanno naturalmente anche le Istituzioni, a cui chiediamo una maggiore attenzione rispetto al tema dell'equità e omogeneità fiscale tra le diverse categorie di prodotti del tabacco; obiettivo fondamentale da perseguire tenendo in considerazione le evidenze scientifiche sull'effettivo rischio ridotto riconosciute dalle autorità sanitarie, la tenuta del gettito erariale da tabacchi e gli svantaggi competitivi tra filiere tabacchicole che l'attuale disomogeneità determina", ha aggiunto.
    "Anche quest'anno, grazie all'impegno di BAT Italia avremo l'opportunità di vendere la totalità della nostra produzione, assicurando così il sostegno economico agli oltre 10.000 lavoratori che si impegnano ogni giorno per realizzare un prodotto di alta qualità", ha commentato Vincenzo Argo, presidente di ITALTAB. "Rinnoviamo, tuttavia, il nostro appello alle Istituzioni nazionali e locali sulla necessità di una strategia a lungo termine che incentivi gli investimenti delle Manifatture, così da garantire una maggiore stabilità per tutta la filiera", ha proseguito.
    "Si tratta di un'opportunità per le imprese tabacchicole per mantenere la produzione e l'occupazione. Il tabacco in Italia è coltivato da circa 2.000 aziende che impiegano 50.000 addetti, su una superficie di oltre 14.000 ettari in quattro aree geografiche. E' parte importante dell'economia locale e oggi anche dell'eccellenza tecnologica del Paese. Per dare slancio alla filiera occorrono scelte politiche adeguate, interventi fiscali più snelli ed equilibrati per salvaguardare tutta la trasformazione tabacchicola e consentire nuovi investimenti", ha affermato Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura.
    Per Michele Passerini, presidente di CIA-Agricoltori Italiani del Veneto, "la conferma degli investimenti di BAT nell'agricoltura italiana, e il suo impegno per un'agricoltura più sostenibile, rappresentano una risposta importante in un momento di grande difficoltà socio-economica per il Paese".
    (ITALPRESS).

  • MILANO (ITALPRESS) - Il Parmigiano Reggiano chiude il primo trimestre 2021 con le vendite a volume che hanno registrato una crescita del +12% rispetto al periodo pre-pandemia, 8.627 tonnellate contro le 7.704 del 2019, mentre gli altri formaggi stagionati a pasta dura si sono fermati al 5%.
    "Un dato straordinario se si considera l'impatto del Covid sulla capacità di spesa delle famiglie, e di riflesso sul carrello del supermercato, ma anche di tutte le altre minacce provenienti dall'estero: innanzitutto Brexit, poi i dazi USA - al momento sospesi ma, ricordiamo, non revocati - e il fenomeno dell'Italian Sounding che alimenta un mercato parallelo da 2 miliardi di euro", sottolinea il Consorzio.
    Anche dal punto di vista del prezzo, il 2021 ha fatto registrare un andamento positivo e stabile: da gennaio, la quotazione del Parmigiano Reggiano 12 mesi da caseificio produttore si attesta intorno ai 10,50 euro/kg contro i 7,99 euro/kg di un anno fa (fonte: Borsa Merci Camera di Commercio Di Parma).
    Il Consorzio può ora concentrarsi sul capitolo Horeca "affinchè i ristoranti, dopo un annus horribilis, tornino ad essere il palcoscenico naturale per valorizzare il Parmigiano e tutti i prodotti di qualità".
    "Il primo passo concreto in questa direzione è stato un accordo con la realtà congressuale di Identità Golose - afferma Nicola Bertinelli, presidente del Consorzio di Tutela - vogliamo essere vicini ai ristoratori italiani e dimostrare come Parmigiano Reggiano è un alleato per riuscire non solo a offrire piatti ancora più buoni, ancora più sani, ma anche piatti con un 'raccontò. Pensiamo che la valorizzazione di un piatto attraverso prodotti come Parmigiano Reggiano sia un aiuto anche per i ristoratori".
    L'obiettivo della partnership con Identità Golose è proprio risollevare la quota di mercato del settore Horeca - che nel 2020 ha potuto assorbire solo il 4% del Parmigiano Reggiano in commercio - attraverso progetti di formazione ed educazione con ristoranti e tutte le altre attività del "fuori casa". Un vero e proprio patto per la ripartenza, fondato sulla trasparenza e sull'utilizzo di prodotti di qualità a Indicazione Geografica.
    In una recente analisi di mercato che il Consorzio ha commissionato a Ipsos, è risultato che il 90% dei consumatori vorrebbe che nella descrizione del piatto nel menu fosse indicato il tipo / la marca di formaggio utilizzato; il 91% vorrebbe conoscere queste informazioni anche per il formaggio utilizzato per condire o guarnire i primi piatti. Il 77% degli oltre novecento intervistati si è detto favorevole alla possibilità di grattugiare il formaggio direttamente al tavolo mentre il 56% ha affermato come il formaggio che non può mancare sulla tavola sia proprio il Parmigiano Reggiano.
    "Il Parmigiano Reggiano sarà al fianco dei ristoranti - continua Bertinelli - per soddisfare la richiesta dei tanti consumatori che, in virtù di una nuova sensibilità, esigono trasparenza e chiarezza su ciò che viene servito e gli ingredienti utilizzati. Vogliamo evidenziare sempre di più che indicare il nome del formaggio che viene usato come ingrediente, per guarnire un piatto oppure semplicemente quello presente nella formaggiera, non solo soddisfa la curiosità del consumatore, rendendolo più contento, ma può anche valorizzare la portata e l'esperienza nel suo complesso".
    (ITALPRESS).

  • MILANO (ITALPRESS) - Giovanni Malagò è stato confermato alla guida del Coni per il prossimo quadriennio. Malagò, in carica dal 19 febbraio 2013, è stato rieletto a larga maggioranza dal Consiglio Nazionale che si è riunito a Milano, presso il Tennis Club Bonacossa. Malagò ha ottenuto 55 voti, superando gli sfidanti Renato ­­­­­­Di Rocco, ex presidente della Federciclismo, che ha incassato 13 preferenze, e l'olimpionica del ciclismo, Antonella Bellutti, un voto. Malagò, 61 anni, è al suo terzo mandato alla guida del Comitato Olimpico Nazionale Italiano. Da oggi diventa il 3° presidente più longevo nella storia del Coni, dopo Giulio Onesti e Gianni Petrucci. "Non mi risparmierò per ripagare chi mi ha espresso fiducia e anche chi ha votato gli sfidanti. Voglio continuare a onorare un mondo che sento il mio e per il quale ho preso un impegno che ho dimostrato di rispettare. Per me non esiste un ruolo più bello di quello di presidente del Coni. Siete la mia famiglia e mi troverete sempre dalla stessa parte" le prime parole di Malagò appena rieletto.
    (ITALPRESS).

  • ROMA (ITALPRESS) - Lyst, la più grande piattaforma mondiale di ricerca di abbigliamento di lusso, annuncia oggi un round di finanziamento pre-IPO del valore di 85 milioni di dollari. Tra i nuovi investitori troviamo alcuni fondi gestiti da Fidelity International, Novator Capital, Giano Capital e C4 Ventures, che si vanno ad aggiungere ai già presenti Draper Esprit, 14W, Accel, Balderton Capital, Venrex e LVMH, oltre a Carmen Busquets, la pluri imprenditrice e consulente strategica, che in questa occasione ha deciso di aumentare il suo investimento nella società.
    Per l'intero 2020, Lyst è cresciuta, raggiungendo oltre 150 milioni di utenti attivi che hanno potuto acquistare prodotti, via App o via web, scelti tra gli oltre 8 milioni di articoli presenti sulla piattaforma, provenienti da 17mila brand e rivenditori. Sempre l'anno scorso, il GMV di Lyst ha superato i 500 milioni di dollari, a seguito di una crescita dei nuovi utenti sull'App del 1100%. Oggi il GMV lifetime supera i 2 miliardi di dollari.
    "Lyst si sta rapidamente imponendo come piattaforma leader nella categoria fashion, cui centinaia di milioni di amanti della moda si affidano per decidere cosa comprare. Mentre la nostra App ed il sito web godono già di un pubblico molto ampio negli Stati Uniti ed in Europa, il settore dell'e-commerce fashion rimane in generale sotto-penetrato, e di conseguenza rappresenta un enorme potenziale di crescita a livello globale. Siamo entusiasti di avere l'appoggio di nuovi investitori di alto livello per continuare a personalizzare l'esperienza di shopping di ogni singolo cliente, supportando al contempo i nostri brand partner a crescere con noi", spiega Chris Morton, CEO e fondatore di Lyst (nella foto).
    "Lyst sta diventando un vero e proprio volano per lo sviluppo dello shopping virtuale del futuro. L'azienda è guidata da un team solido, che ha saputo far crescere il business in modo incredibile ed ha in mente un piano estremamente chiaro su come portare la piattaforma al livello successivo. Dato il cambio di direzione strategica dei mega-brands globali, che scelgono ora di concentrarsi sui propri flussi di reddito Direct-to-Consumer, si apre una grande opportunità per Lyst di collaborare con loro in questa direzione. Non vediamo l'ora di assistere Chris e l'intero team di Lyst nella volontà di elevare l'esperienza di shopping globale di domani", afferma Alberto Chalon, Partner fondatore di Giano Capital.
    Tra le novità dell'azienda, Mateo Rando si unisce al team di Lyst come Chief Product Officer, dopo una carriera in Spotify come direttore di prodotto a livello global per le Mobile App. Emma McFerran diventa invece Chief Operating Officer e si unisce al CdA.
    (ITALPRESS).

Pagine