Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
  • MONACO DI BAVIERA (GERMANIA) (ITALPRESS) - Prima medaglia per l'Italia dell'atletica agli Europei di Monaco di Baviera. E' il bronzo nella 35 km di marcia di Matteo Giupponi, che conquista il podio in 2h30:34 dopo una gara condotta nelle posizioni di vertice. Alle spalle dell'imprendibile spagnolo Miguel Angel Lopez, oro in 2h26:49, l'azzurro viaggia sempre nel gruppo degli inseguitori mentre ad una decina di chilometri dal traguardo c'è l'attacco del tedesco Christopher Linke che coglie l'argento in 2h29:30. L'azione decisiva per il terzo posto arriva a sei chilometri dalla fine con il 33enne dei Carabinieri, fino a quel momento quarto, che riesce a sorpassare lo spagnolo Manuel Bermudez (ai piedi del podio con 2h32:31). Per il bergamasco è la prima medaglia internazionale della carriera a livello assoluto, dopo essersi messo in luce nelle scorse stagioni anche nella 20 km piazzandosi ottavo ai Giochi di Rio nel 2016.
    - Foto agenzia Fotogramma.it -
    (ITALPRESS).

  • ROMA (ITALPRESS) - Al termine di una lunga giornata di confronto, la Direzione del Pd, convocata per le 11 di ieri e slittata fino alle 21,30, per poi iniziare dopo le 23, ha approvato la delibera per votazione le liste per le elezioni politiche con 3 contrari e 5 astenuti. "Volevo ricandidare tutti gli uscenti ma era impossibile. Potevo imporre i miei ma ho cercato di comporre un equilibrio, perchè il partito è comunità", ha detto il segretario dem Enrico Letta al termine della riunione. Letta correrà da capolista alla Camera in Lombardia e Veneto, Carlo Cottarelli sarà capolista al Senato a Milano, il virologo Andrea Crisanti sarà candidato capolista nella circoscrizione Europa.
    Non sono mancate polemiche e malumori per la esclusione di alcuni esponenti Dem di prima linea. La senatrice uscente Monica Cirinnà ha rifiutato la candidatura che la direzione le aveva assegnato.
    "La mia avventura parlamentare finisce qui. Mi hanno proposto un collegio elettorale perdente in due sondaggi, sono territori inidonei ai miei temi e con un forte radicamento della destra. Evidentemente per il Pd si può andare in Parlamento senza di me, è una scelta legittima. Resto nel partito, sono una donna di sinistra ma per fortuna ho altri lavori". Anche Stefano Ceccanti, capogruppo uscente in commissione Affari costituzionali della Camera, ha smentito seccamente di aver accettato la candidatura a lui offerta. Parole dure anche da Luca Lotti: "Il segretario del mio partito ha deciso di escludermi dalle liste per le prossime elezioni politiche. Mi ha comunicato la sua scelta spiegando che ci sono nomi di calibro superiore al mio. Non sarò certo io a fare polemiche: non le ho fatte in questi anni e non comincerò oggi. La scelta - sottolinea - è politica, non si nasconda nessuno dietro a scuse vigliacche. Anche quando alcune scelte sembrano più dettate dal rancore che dalla coerenza politica, mi troverete sempre dalla stessa parte. Dalla parte del Pd. Il Pd è casa mia. Lo sarà anche in futuro". Il senatore Dario Stefano annuncia: "Ho riconsegnato la tessera del Pd per rimanere coerente con i miei valori e con le mie idee. Letta è responsabile di una strategia politico parlamentare fallimentare". Saranno quattro i capislita under 35 nelle varie aree del Paese (Rachele Scarpa, Cristina Cerroni, Raffaele La Regina, Marco Sarracino) come preannunciato da Letta a testimonianza concreta di spazio e attenzione ai giovani.
    (ITALPRESS).
    -foto agenzia fotogramma.it-

  • CATANIA (ITALPRESS) - Compleanno siciliano per Madonna che ha scelto di festeggiare a Marzamemi, piccolo e affascinante borgo marinaro in provincia di Siracusa, i suoi 64 anni. La pop star dopo essere atterrata all'aeroporto Fontanarossa di Catania, è stata "avvistata" a Noto e per le stradine di Marzamemi dove ha cenato in un noto ristorante della Balata, in piazza Regina Margherita. "Mambo siciliana" scrive Madonna su Intagram. Postando più storie con la bandiera tricolore.
    (ITALPRESS).

    - credit photo agenziafotogramma.it -

  • ROMA (ITALPRESS) - A giugno, secondo i dati della Banca d'Italia, il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato di 11,2 miliardi rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.766,4 miliardi. L'aumento è dovuto all'incremento delle disponibilità liquide del Tesoro (4,9 miliardi, a 86,2), al fabbisogno (4,2 miliardi) e all'effetto complessivo di scarti e premi all'emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione e della variazione dei tassi di cambio (2,2 miliardi). Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 12,5 miliardi mentre quello delle Amministrazioni locali è diminuito di 1,3 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto pressochè invariato. Alla fine di giugno sia la quota del debito detenuta dalla Banca d'Italia sia la vita media residua del debito sono rimaste stabili, rispettivamente al 25,8 per cento e a 7,7 anni.
    (ITALPRESS).
    -foto agenziafotogramma.it-

  • ROMA (ITALPRESS) - Un oro, un argento e un bronzo per l'Italnuoto al termine della quarta giornata di gare agli Europei di Roma che portano a 26 il totale delle medaglie con 11 ori, 10 argenti e 5 bronzi. Il gradino più alto del podio è della staffetta 4x100 sl maschile con Alessandro Miressi, Thomas Ceccon, Lorenzo Zazzeri e Manuel Frigo. Gli azzurri hanno preceduto tutti con il tempo di 3'10"50 davanti a Ungheria e Gran Bretagna. "Oggi bisognava solo vincere, io sono stato il più lento oggi. Sono stanco ma l'abbiamo portata a casa ed è quello che contava" ha detto a caldo Thomas Ceccon. Oltre a Miressi e Frigo, grande prova anche per Lorenzo Zazzeri: "Volevamo vincere davanti al nostro pubblico, avevamo solo un compito e l'abbiamo portato a casa", il suo commento a caldo. La giornata ha regalato altre due medaglie con Silvia Scalia e Luca Pizzini. L'azzurra ha conquistato l'argento nei 50 dorso, chiudendo dietro solamente alla francese Analia Pigree, che ha chiuso in 27"27 con 26 centesimi di vantaggio sulla nativa di Lecco. "L'ho sentita tutta la tensione dopo la gara di ieri. Mi sono autoimposta questa finale, volevo fare bene perchè era la mia prima finale a livello individuale. Sono venuta qui a lottare e non mi aspettavo assolutamente di portare a casa un argento" le parole dell'azzurra dopo la gara.
    Pizzini, da parte sua, ha vinto il bronzo nei 200 rana chiudendo in 2'09"97 e ottenendo il suo terzo bronzo europeo della carriera. Davanti a lui hanno conquistato l'oro e l'argento rispettivamente il britannico Wilby e il finlandese Mattsson. "Questa è una disciplina tosta da allenare, ce l'ho messa tutta per giocarmi questa medaglia nonostante provenga da due stagioni complicate. Ho cercato di arrivarci al meglio. Era importante essere qui con un pubblico del genere. E' una medaglia gustosa che dedico a mia moglie e mio figlio" le parole a caldo dell'azzurro. In precedenza, Giorgio Minisini aveva conquistato la medaglia d'oro nel solo libero di nuoto artistico, mentre nella stessa gara al femminile argento per Linda Cerruti.
    - foto Image -
    (ITALPRESS).

  • ROMA (ITALPRESS) - La Lazio ribalta 2-1 il Bologna nel match dello stadio Olimpico valevole per la prima giornata del campionato di Serie A: decidono l'autogol di Lorenzo De Silvestri e la rete di Ciro Immobile, che rendono vano il vantaggio emiliano targato Marko Arnautovic. Avvio di partita shock per i biancocelesti e per il nuovo portiere Luis Maximiano che, dopo appena sei minuti, viene espulso per un tocco di mano fuori area: decisivo il consulto del Var da parte del direttore di gara Massimi. All'8' termina la gara di Basic, che lascia spazio a Ivan Provedel. Cinque minuti più tardi gli uomini di Maurizio Sarri costruiscono la loro prima occasione da rete con Immobile che, sull'imbucata di Milinkovic-Savic, trova la deviazione in corner di un avversario. Sul successivo calcio d'angolo Romagnoli tenta il colpo di testa, ma la palla finisce tra le braccia di Skorupski. I rossoblù accennano una timida reazione con una conclusione di Arnautovic, che viene agevolmente disinnescata da Provedel. Al 35' Zaccagni stende Sansone in area di rigore e Massimi assegna il penalty: sul dischetto si presenta Arnautovic che spiazza il portiere e porta in vantaggio gli emiliani. A pochi secondi dall'intervallo Soumaoro commette un'ingenuità e prende il secondo giallo, lasciando i suoi in dieci uomini. Nella ripresa la Lazio si riversa in attacco nel tentativo di agguantare il pareggio, protestando per un presunto fallo in area di Bonifazi su Zaccagni. Al 63' Lazzari salta Cambiaso e va al cross, Skorupski respinge ma colpisce De Silvestri che, in maniera in maniera goffa, devia la sfera nella propria porta regalando il pari ai padroni di casa. A circa dieci minuti dal 90' c'è il classico schema con il passaggio filtrante di Milinkovic-Savic per Ciro Immobile che, tutto solo davanti a Skorupski, non sbaglia e consegna ai biancocelesti i primi tre punti stagionali.
    - foto LivePhotoSport -
    (ITALPRESS).

  • FIRENZE (ITALPRESS) - La Fiorentina all'ultimo istante di una partita che ha regalato sempre emozioni, riesce a portare a casa il successo grazie a una rete del neo acquisto Mandragora che, nel tentativo di un cross disperato al quinto dei sei minuti di recupero finali, ha trovato l'incertezza fatale di Radu. Una beffa per la Cremonese, un premio fin troppo esagerato per i gigliati, belli ma anche sciuponi. Il primo tempo è scoppiettante e si chiude con la Fiorentina davanti nel punteggio. I viola passano una prima volta in vantaggio al 16' con Bonaventura che è bravo a sfruttare un'ottima giocata di una delle sorprese nella formazione titolare dei padroni di casa, ovvero Kouame. La Cremonese però non si scompone e già dopo 3' pareggia con Okereke che di testa anticipa Martinez Quarta su cross da destra di Ghiglione. I grigiorossi non pensano solo a difendersi ma cercano di sfruttare ogni errore di un centrocampo gigliato non al top. Solo che la squadra di Alvini paga una giornata no dei propri centrali se è vero che Sottil fa venire il mal di testa a Bianchetti e che Chiriches e Vasquez vanno in tilt ad ogni movimento offensivo di Jovic. Proprio quest'ultimo trova il suo primo gol in serie A al 34' su assist di Sottil, il migliore dei suoi. Tutto sembra complicarsi per la Cremonese in chiusura di primo tempo quando Escalante prende un rosso diretto per un brutto fallo su Koaume a centrocampo. L'uomo in più per i viola non si sente e la Fiorentina non fa niente per chiudere la partita e così gli ospiti pareggiano a metà ripresa con Buonaiuto, al suo esordio a 29 anni in serie A, direttamente da calcio d'angolo con dormita colossale fra i pali di Gollini. Nel quarto d'ora finale Vincenzo Italiano fa entrare in campo anche i neo acquisti Mandragora e Dodò, ma è Radu il protagonista decisivo. Il portiere della Cremonese prima compie due mezzi miracoli su Biraghi e Bonaventura, poi come detto la papera finale su Mandragora.
    - foto LivePhotoSport -
    (ITALPRESS).

  • LA SPEZIA (ITALPRESS) - Dopo i due pareggi della scorsa stagione, è lo Spezia a vincere il terzo scontro diretto contro l'Empoli nella prima giornata di Serie A. A Gotti basta una rete di Nzola, pur soffrendo a dismisura nel primo tempo. Esordisce con un ko invece Zanetti che dovrà rifarsi subito nel derby contro la Fiorentina domenica prossima. Una comprensibile fase di studio caratterizza i primi minuti di gioco. La prima vera chance della contesa arriva dai piedi di Lammers che in area di rigore gira verso la porta, ma trova l'opposizione pronta di Dragowski al 19'. Sono ancora i toscani a rendersi pericolosi in avanti, questa volta con Bajrami (uno dei nomi caldi del mercato), il quale si mette in proprio e dal limite dell'area fa la barba al palo. Allo scoccare della mezz'ora ci riprova ancora Lammers con una conclusione deviata da Kiwior abbondantemente sopra la traversa. Attacca l'Empoli, ma segna lo Spezia. Dopo un colpo di testa clamorosamente mandato out da Caldara, i padroni di casa passano davanti al proprio pubblico al minuto 36: palla in verticale, stop e destro in diagonale a battere Vicario.
    Il colpo improvviso non demoralizza la squadra di Zanetti, brava a riproporsi subito in avanti alla caccia del pari. Al 43' ci va vicino con il nuovo arrivato Mattia Destro, voglioso di tornare protagonista dopo la tribolata stagione al Genoa: anche il suo destro è in diagonale, ma è fuori di centimetri con Dragowski battuto. A inizio ripresa proprio Dragowski torna a sporcarsi i guantoni con un intervento provvidenziale su Henderson. Gli ospiti ci provano in tutti i modi, ma tra sfortuna e imprecisione la porta rimane stregata. Neanche i cambi riescono a dare quella freschezza in più a Zanetti. Al contrario, Gotti garantisce polmoni e grinta nell'ultimo quarto d'ora, quando lo Spezia soffre il giusto e porta a casa la prima vittoria stagionale.
    - foto Image - -
    (ITALPRESS).

  • SALERNO (ITALPRESS) - Nel giorno dell'esordio di Paulo Dybala e Gini Wijnaldum, la Roma vince 1-0 sul campo della Salernitana. E' Bryan Cristante l'autore del gol decisivo per una Roma sciupona.
    Nella prima mezz'ora Zaniolo ha tre occasioni. In avvio intercetta un passaggio orizzontale di Coulibaly, punta la porta ma sbaglia col mancino. All'8' altra chance. Azione in fotocopia col gol di Tirana in finale di Conference League: Mancini lancia, Zaniolo aggancia in area e calcia ma Sepe risponde presente. Poi al 25' Dybala illumina per il classe 1999 che ci prova col destro con lo stesso risultato di prima: palla fuori. Tutti aspettano i quattro tenori ma il primo gol della stagione della Roma è di Bryan Cristante. Al 34' l'ex Atalanta lascia partire un tiro dal limite dell'area sporcato da Coulibaly quel che basta per sorprendere Sepe. Al 44' grande chance per la Roma. Zaniolo accelera, serve per Dybala ma Sepe smanaccia sul palo e nega la prima rete della Joya in giallorosso. Sulla respinta è Mazzocchi a salvare sul tiro di Abraham. Nella prima frazione di gioco la Salernitana ci prova solo dalla distanza. A partire da Bonazzoli che alla mezz'ora rischia di sorprendere Rui Patricio con una botta centrale. Al 54' Nicola sceglie la carta Ribery. Poi fuori un ispirato Mazzocchia per Sambia e uno spento Botheim per Valencia. Al 57' la Roma sfiora il raddoppio: Spinazzola vede nel corridoio Dybala che col mancino non trova la porta. Al 69' il primo cambio di Mourinho: fuori Abraham, dentro Matic, il fedelissimo dello Special One con 119 partite giocate sotto la sua guida (solo Lampard ne ha di più con 140). Poi richiamato un esausto Zaniolo per l'esordio di Wijnaldum. Più fisicità a centrocampo con Dybala falso nove e Pellegrini a supporto dell'argentino. Basta per i primi tre punti della stagione.
    - foto LivePhotoSport -
    (ITALPRESS).

  • TORINO (ITALPRESS) - C'è attesa in casa Juve per l'esordio in campionato di domani sera allo Stadium contro il Sassuolo. I tifosi si aspettano di tornare a vincere ma le avversarie non mancano e la lotta al vertice si annunia più interessante che mai. Il tecnico bianconero Massimiliano Allegri preferisce mantenere prudenza, pur non nascondendo la naturale ambizione di un club destinato a vincere. "Non lo so se la Juve è più forte dello scorso anno - dice - Abbiamo sostituito degli ottimi giocatori che sono andati via con ottimi giocatori. La Juve ha il dovere di puntare a vincere, è una cosa difficile perchè ci sono squadre attrezzate, ci sono 4-5 pretendenti e noi siamo in mezzo a quelle. Dobbiamo lavorare in totale silenzio e migliorare la squadra sotto tutti i punti di vista - spiega Allegri - Bisogna fare un passo alla volta, le cose cambiano. Nella scorsa stagione abbiamo disputato un girone di ritorno straordinario fino alla partita contro l'Inter, abbiamo dovuto rincorrere per una partenza sbagliata. Le partite ora sono diverse da quelle di ottobre".
    Parlando invece delle dirette concorrenti Allegri mette davanti le milanesi: "Inter e Milan credo siano avanti rispetto agli altri, la Roma mi incuriosisce ma penso che Mou abbia fatto un ottimo lavoro. Rispetto agli anni precedenti cambia una cosa - spiega - mentre negli anni scorsi l'obiettivo era essere al top della condizione a marzo, quest'anno, dato che il campionato finisce a novembre per il Mondiale, gli obiettivi saranno due. Il primo è essere tra le prime quattro al 13 di novembre, il secondo è aver passato il turno di Champions".
    Il Sassuolo è sempre un avversario da affrontare con grande attenzione perchè conro i nerverdi le insidie possono essere sempre dietro l'angolo: "Giocheremo contro un Sassuolo che lo scorso anno ci ha battuto in casa: bisognerà fare una bella partita, la condizione non è ottimale ma è normale così. Domani è la prima squadra abbiamo lo stadio pieno e ci servirà tanto entusasiasmo da parte nostra e anche del pubblico".
    Per quanto riguarda i giocatori a disposizione per lèsrdo contro il Sassuolo: "Abbiamo fuori Rabiot e Kean per squalifica. Szczesny è in via di recupero, Akè ha una frattura del perone, Pogba speriamo di riaverlo il prima possibile, Chiesa lo rivedremo nella forma massimale a gennaio e Arthur ha un problema alla caviglia e ci sono anche delle voci di mercato e poi c'è Kaio gli altri sono disponibili. McKennie è disponibile. Kostic? E' un giocatore che crossa molto e che ha un primo controllo molto buono. Devo decidere tra lui, Cuadrado e McKennie di questi ne giocheranno due. Sono molto contento del suo arrivo. "Vlahovic sta bene. E' rientrato dopo il problema che ha avuto quest'estate ed è normale che ci voglia un attimo di pazienza prima di trovarlo al 100%. Ha le potenzialità e le capacità per fare una grande stagione e sicuramente la farà. Di Maria piu accentrato? Angel va sfruttato per quelle che sono le sue caratteristiche che sono di un livello superiore rispetto alla media"
    Allegri non si spinge avant in tema di mercato: "Ci pensa la società. Sono stati sostituiti i giocatori che sono andati via. Non dobbiamo farci distrarre dal mercato, perchè domani sarà una partita molto difficile. Un terzino al posto di Pellegrini?
    Ne abbiamo quattro. Tra l'altro abbiamo la fortuna che Danilo e De Sciglio possono giocare sia a destra che a sinistra. Pellegrini lo ringrazio per quello che ha fatto lo scorso anno. Luca ha giocato 21 partite nella Juventus che non sono poche. Non potevamo tenere cinque terzini".

    foto: LivePhotoSport

    (ITALPRESS).

Pagine