Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
  • MONTREAL (CANADA) (ITALPRESS) - Pablo Carreno-Busta si prende la sua rivincita e stoppa negli ottavi la corsa di Jannik Sinner al"National Bank Open", sesto Atp Masters 1000 stagionale, dotato di un montepremi di 5.926.545 dollari, che si sta disputando sul cemento di Montreal, in Canada. Il 20enne di Sesto Pusteria, numero 12 del ranking e settimo favorito del seeding, che lo scorso marzo aveva sconfitto a Miami lo spagnolo annullando cinque match-point, stavolta ha ceduto 6-2 6-4, in un'ora e 24 minuti di una partita mai in discussione. Per il 31enne di Gijon, numero 23 del ranking, terza vittoria pesante a Montreal dopo quelle su Berrettini all'esordio e su Rune al secondo turno (solo tre i game concessi al giovane danese), per giunta senza perdere un set.
    Negli altri incontri della notte, continua la marcia di Nick Kyrgios, che si sbarazza del connazionale De Minaur per 6-2 6-3, avanti Felix Auger-Aliassime, sesta testa di serie, che si impone per 6-3 6-4 su Cameron Norrie, nono favorito del tabellone. Fuori invece Taylor Fritz (n.10), battuto 7-6(5) 1-6 7-5 da Daniel Evans.

    ALTRI RISULTATI OTTAVI
    Paul (Usa) b. Cilic (Cro, 13) 6-4 6-2
    Draper (Gbr) b. Monfils (Fra, 17) 6-2 0-2 rit.
    - foto Image -
    (ITALPRESS).

  • MILANO (ITALPRESS) - "Questa è il motivo per cui noi diciamo da tempo che per battere la destra l'unica alternativa è votare la coalizione che è nata attorno al Pd. Lui dice che se vince vuole cambiare la Costituzione. Questa destra se vincerà le elezioni la cambierà in senso peggiorativo". Lo ha detto il segretario del Partito Democratico, Enrico Letta, intervenendo a Radio anch'io estate su Rai Radio 1, commentando la frase del leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, il quale in un'intervista a Radio Capital aveva detto che l'attuale Capo dello Stato dovrebbe dimettersi nel caso in cui dovesse passare la riforma presidenziale presente nel programma del centrodestra."Si tratta di un attacco a Mattarella mentre noi difendiamo il Presidente della Repubblica. Il fatto che la campagna elettorale del centrodestra cominci con un attacco e la richiesta di dimissioni al Presidente della Repubblica dimostra questa destra è pericolosa per il Paese perchè se in questo momento c'è un punto di unità per il Paese, questo è Sergio Mattarella" ha aggiunto. "Berlusconi. Dopo aver fatto cadere Draghi insieme a Salvini e a Conte, adesso cerca di far cadere anche Mattarella" ha concluso. (ITALPRESS).


    Photo credits: www.agenziafotogramma.it

  • ROMA (ITALPRESS) - Sono in calo l'indidenza settimanale, l'Rt medio ed anche il numero dei posti occupati nei reparti di terapia intensiva. Questo il bilancio tracciato dalla Cabina di Regia sul Covid-19 dell'Istituto Superiore di Sanità. Scende, come detto, l'incidenza settimanale a livello nazionale: 365 ogni 100.000 abitanti (05/08/2022 -11/08/2022) vs 533 ogni 100.000 abitanti (29/07/2022 -04/08/2022). Nel periodo 20 luglio - 2 agosto 2022, l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,81 (range 0,78-0,85), in diminuzione rispetto alla settimana precedente. L'indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero è anch'esso in diminuzione e sotto la soglia epidemica: Rt=0.76 (0,73-0,79) al 02/08/2022 vs Rt=0.82 (0,80-0,84) al 26/07/2022. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è in calo al 3,2% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 11 agosto) vs 3,6% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 04 agosto). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende al 13,0% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 11 agosto) vs 15,2% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 04 agosto).
    Due Regioni/PPAA sono classificate a rischio moderato ai sensi del DM del 30 aprile 2020, mentre le restanti 19 Regioni/PPAA sono classificate a rischio basso. Sette Regioni/PPAA riportano almeno una allerta di resilienza. Due Regioniriportano molteplici allerte di resilienza. La percentuale dei casi rilevati attraverso l'attività di tracciamento dei contatti è stabile rispetto alla settimana precedente (13% vs 12%). Stabile la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (44% vs 44%), e in lieve diminuzione la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (43% vs 44%). L'attuale situazione caratterizzata da elevata incidenza non consente una puntuale mappatura dei contatti dei casi, come evidenziato dalla bassa percentuale dei casi rilevati attraverso l'attività di tracciamento.

    foto: agenziafotogramma.it

    (ITALPRESS).

  • MILANO (ITALPRESS) - "E' impossibile sondare una forza politica nata da dieci giorni. Impegno civico andrà oltre il 3% e ci sarà spazio per tutti quelli che vorranno correre nelle liste. Ci poniamo come coloro che intercettano il voto moderato, con un partito fatto di proposte, pragmatismo e concretezza". Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in una intervista al "Corriere della Sera" sui sondaggi che vedono la possibilità di essere rieletti in prossimo 25 settembre per i parlamentari ex M5s che l'hanno seguito nella sua nuova avventura. Di Maio, poi parlando del terzo polo che dovrebbe nascere dall'unione tra Renzi e Calenda, aggiunge: «Non è un polo, è una lista solitaria. Ci sono due coalizioni, progressista e di destra e poi ci sono due solisti, Conte da una parte e Calenda e Renzi dall'altra, che non fanno altro che denigrare le persone e avvantaggiare la destra".
    Alla domanda se non si avvantaggia la destra dando del "bullo" a Calenda, risponde "Che sia un bullo gli italiani lo hanno capito prima di me. Siccome era disperato, perchè avrebbe dovuto raccogliere le firme, si è messo con uno che gli fa orrore". Quindi su Renzi: "Calenda che dà lezioni di coerenza non è credibile. A novembre, a l'Aria che Tira, diceva 'mi sono rotto di Renzi, il suo modo di far politica mi fa orrorè. Sono due estremisti". Sull'ipotesi di una sua candidatura blindata a Modena, invece che a Pomigliano, risponde: "Nei prossimi giorni decideremo. Stiamo allargando la base di Impegno civico, abbiamo fatto un patto con l'Agenda nazionale civica e con loro stiamo dando protagonismo a 200 amministratori locali. Apriamo le nostre liste a tutti quelli che vogliono dare un contributo alla coalizione progressista di cui siamo orgogliosi di fare parte".

    foto: agenziafotogramma.it

    (ITALPRESS).

  • ROMA (ITALPRESS) - E' stato definito l'accordo tra Carlo Calenda e Matteo Renzi per l'alleanza tra Azione e Italia Viva alle elezioni politiche del 25 settembre prossimo.

    "Tutti parlano da giorni di “Terzo Polo”. Ma che cosa si nasconde davvero dietro questa sigla burocratica? Una casa nuova, bella, che riaccenda la passione per la politica e la speranza dell’Italia. Una proposta concreta, competente, seria sul lavoro, sull’ambiente, sulle tasse, sulla cultura, sul sociale. E sulla posizione internazionale dell’Italia, tema fondamentale in questo tempo di crisi". Così su Facebook il leader di Italia Viva Matteo Renzi.
    "Costruire una casa simile non è facile, ma è possibile. E forse è persino doveroso in un momento nel quale sovranisti e populisti giocano a chi la spara più grande. E nel momento in cui tutte le altre forze politiche - tutte, di destra e di sinistra - imbarcano in coalizioni contraddittorie chi ha fatto cadere Draghi. Facendo male all’Italia - aggiunge -. Abbiamo deciso di provarci. Il 25 settembre troverete sulla scheda elettorale anche questa possibilità: non accontentatevi dei meno peggio, mandate in Parlamento persone di qualità".
    "Per costruire una casa nuova ci vuole un pizzico di follia, e quella non manca. Ci vuole l’entusiasmo, che in queste settimane è stato addirittura straripante. E ci vuole anche tanta generosità. Perché consentire a un progetto di partire richiede anche che qualcuno sappia fare spazio e non pretendere ruoli.
    Per questo lascio volentieri che sia Carlo Calenda a guidare la campagna elettorale. Talvolta abbiamo discusso, lo sapete, ma i punti che ci uniscono sono molti di più di quelli che ci dividono - sottolinea Renzi -. Chi ci crede deve fare di tutto per unire, non per dividere. E io ci credo. Per questo faccio il primo passo con il sorriso: perché so che sarete in tanti a camminare con noi. Io faccio politica da tanti anni e ho avuto l’onore di servire ai livelli apicali la mia città, il mio Paese, la mia comunità. Ho imparato che bisogna sempre essere ambiziosi, puntare in alto, non sognare in piccolo. Ma ci sono dei momenti in cui le ambizioni personali lasciano il passo ai sogni collettivi. Servono gli assist per fare i gol".
    "Il progetto del terzo polo è molto più grande dei singoli destini personali e io con impegno e tenacia sarò in campo (e in qualche circoscrizione al Senato) per dare una mano e farlo vincere. Dico alla comunità di Italia Viva: adesso tutti al lavoro con Carlo e gli amici di Azione per salvare l’Italia dai sovranisti e dai populisti. A testa alta, a viso aperto. Ci siamo riusciti con Draghi quando non ci credeva nessuno, riproviamoci adesso - conclude il leader di Iv -. Con il nostro sorriso, con la nostra generosità, con il nostro stile orgogliosamente controcorrente. L’Italia ha bisogno di noi per evitare l’incubo populista e tornare a sognare buona politica. Ci siamo, con tutto il nostro coraggio".

    "Ora quello che dobbiamo fare è smettere di parlare di alchimie e parlare di programmi", ha detto il leader di Azione Carlo Calenda, commentando l'intesa raggiunta con Italia Viva. "C'è uno spazio importante per persone che vogliono un'Italia seria che non fanno una lotta contro gli altri ma per il Paese. Quello che è serio da fare talvolta viene considerato di sinistra, talvolta di destra, ma sono cose di buonsenso", ha aggiunto.
    "Io sono il leader di questa campagna elettorale, ma rimane l'autonomia dei partiti che formano la coalizione", ha spiegato Calenda, che alla domanda su quanto durerà l'accordo ha risposto: "Questo durerà perché non penso che Renzi si metta a fare accordi con Fratoianni o Di Maio".

    - Foto Agenziafotogramma.it -

    (ITALPRESS).

  • ROMA (ITALPRESS) - Arrivano le prime medaglie in vasca per l'Italia agli Europei di nuoto in corso a Roma, al Foro Italico. Nella finale dei 400 misti uomini Alberto Razzetti conquista l'oro in 4'10"60 precedendo l'ungherese David Verraszto e l'altro azzurro Pier Andrea Matteazzi, medaglia di bronzo in 4'13"29.
    "E' una sensazione difficile da descrivere a parole, far cantare l'inno a tutta la piscina è un qualcosa che ricorderò per sempre. Ho la pelle d'oca a ripensarci, sono davvero felicissimo", ha dichiarato Razzetti. "Vincere davanti a questo pubblico e ai miei amici è un sogno che si avvera", ha ammesso Matteazzi.
    - foto LivePhotoSport -
    (ITALPRESS).

  • ROMA (ITALPRESS) - L'Italia conquista la medaglia d'argento nella finale della 4x200 uomini agli Europei di nuoto in corso a Roma, al Foro Italico. Marco De Tullio, Lorenzo Galossi, Gabriele Detti e Stefano Di Cola chiudono in 7'06"25 e rimontano nelle ultime due frazioni sino al secondo posto, assestandosi alle spalle dell'Ungheria (oro in 7'05"38) e davanti alla Francia (bronzo).
    "Una bella staffetta, ci siamo divertiti. Con un Milak così credo si potesse fare poco, Stefano (Di Cola) ha fatto una grande cosa nell'ultima, Marco (De Tullio) ha aperto bene, e Galossi ha coperto", ha dichiarato Detti. "L'ultima gara della stagione si fa sentire ma ho iniziato bene e siamo contenti", ha aggiunto De Tullio ai microfoni della Rai. "Sono molto emozionato - ha ammesso Galossi - so che sarebbe potuta andare meglio ma ho dato tutto la mattina. E' andata bene, non ci credevamo quasi più, quindi bravi tutti". "Una gara bellissima - ha chiuso Di Cola - alla virata del 100 ho sentito anche il pubblico. La finale di Budapest è un ricordo recente e ci siamo riscattati. Siamo giovani e un bel gruppo, continuiamo così".
    - foto LivePhotoSport -
    (ITALPRESS).

  • ROMA (ITALPRESS) - "I leader dei partiti che compongono il centrodestra hanno condiviso e dato il via libera al programma di governo che la coalizione realizzerà dopo le elezioni del 25 settembre quando, finalmente, l'Italia potrà avere un governo coeso e capace di dare al Paese delle risposte concrete.
    Un programma che si articola in 15 punti, serio e realizzabile, incentrato sulla tutela dell'interesse nazionale e della Patria, sulla crescita economica e sulla difesa del potere d'acquisto delle famiglie". E' quanto si legge in una nota congiunta dei leader dei partiti del centrodestra.
    "Nel documento, elaborato nelle scorse settimane da un tavolo tecnico composto dai delegati di tutte le forze del centrodestra, vengono ribaditi i nostri valori e la nostra collocazione in Europa, nell'Alleanza Atlantica e in Occidente, la necessità di una profonda riforma fiscale con la Flat Tax, del superamento della legge Fornero con Quota 41, dei Decreti sicurezza, dell'autonomia regionale e del presidenzialismo e di tutti gli altri elementi che sono indispensabili per affrontare i problemi dell'Italia e dare finalmente il via a un rilancio che non può più essere rinviato - prosegue la nota -. Il centrodestra sottolinea anche i temi delle infrastrutture strategiche, delle riforme come quelle della giustizia e della pubblica amministrazione, passando, ovviamente per la necessità di tagliare il carico fiscale a famiglie e imprese".

    - foto ufficio stampa Fdi -

    (ITALPRESS).

  • ROMA (ITALPRESS) - "Il nostro obiettivo è essere la prima lista del Paese. Questa destra la possiamo battere solo noi". Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, intervenuto al comitato dei volontari alla presentazione del simbolo elettorale. "Insieme siamo in grado di arrivare a essere, il 25 settembre, la prima lista del Paese".(ITALPRESS).


    Photo credits: Ufficio stampa Pd

  • ROMA (ITALPRESS) - L'accordo tra Renzi e Calenda? "Mi verrebbe da commentare con il titolo di quel famoso film 'Una poltrona per duè. Vediamo quanto durerà e se riusciranno ad andare d'accordo almeno in campagna elettorale". Lo ha detto il presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, a "Controcorrente" su Rete4. "Girano dei video in cui, qualche giorno fa, Calenda dichiarava che gli faceva orrore far politica e governare con chi ha cercato di sponsorizzare il rinascimento saudita: oggi invece li vediamo affianco", sottolinea.(ITALPRESS).

    Photo credits: www.agenziafotogramma.it

Pagine