Buone notizie per il mese di agosto  che porta con se un bel bonus per i lavoratori italiani.

Nel dettaglio si tratta di un rimborso Irpef che può raggiungere la cifra di 1880 euro. La somma viene direttamente inserita in busta paga ed é legata alle detrazioni ai fini di imposta sul reddito delle persone fisiche e dipenderà dal tipo di contratto di lavoro.

Come si legge sil portale La Gazzetta del Sud, chi potrà avere il rimborso Irpef sono i lavoratori dipendenti e le detrazioni saranno calcolate in base al numero di giorni di lavoro realmente effettuati durante l’anno.

A chi spetta e come si calcola il rimborso?

In pratica la detrazione per il lavoratore dipendente arriverà all'importo di 1880 euro nel caso in cui il reddito complessivo del lavoratore non supererà la soglia degli 8mila euro. In ogni caso, l’importo del bonus non potrà essere inferiore a 690 euro. Il tetto minimo di detrazione aumenta a 1.380 euro quando il lavoratore risulta occupato con un contratto a tempo determinato e non supera la soglia di reddito degli 8.000 euro.

Molto differente è invece lo scenario del lavoratore che percepisce un reddito complessivo sopra la soglia di 8.000 euro ma inferiore ai 28.000 euro. Quest'ultimo potrà beneficiare di un bonus pari a 978 euro. Il bonus in busta paga decresce con l’aumentare del reddito complessivo del lavoratore per azzerarsi al raggiungimento di un reddito complessivo del lavoratore pari o superiore alla soglia dei 55mila euro.

In qualità di sostituto di imposta, sarà direttamente il datore di lavoro ad applicare in busta paga le detrazioni per i redditi da lavoro dipendente

 

 

 

 

Consulenza Bonus Infissi con SB Infissi

 

La sostituzione delle nuove finestre può essere stressante, dato che si tratta di un investimento a lungo termine, essenziale per la vivibilità degli ambienti.

Che si tratti di decidere quale tipo di finestre è più adatto agli interni, di scegliere il giusto tipo di vetro oppure di valutare i materiali più duraturi, ci sono molti fattori da considerare.

Il costo degli infissi e i vantaggi Ecobonus

Sicuramente, tra le variabili da considerare, il prezzo degli infissi è fondamentale per chi deve sostituire gli infissi – o scegliere quelli nuovi per il proprio ambiente.

Per questo, un aiuto in tal senso da diversi anni arriva dalle proposte del Bonus Infissi. Ancora di più, dall'anno scorso, è stata potenziata la pratica dello sconto in fattura immediato, per chi sceglie di sostituire gli infissi.

Questo tipo di sconto viene praticato dall'impresa che fornisce le finestre (o le porte-finestre), subito sul prezzo totale, senza che il proprietario dell'edificio debba provvedere a scalare le detrazioni fiscali dall'Irpef.

Come funziona?

Se, ad esempio, un set di finestre nuove costa 3.000 Euro, di regola in passato si poteva detrarre la metà del costo (1.500 Euro) in 10 rate da 150 Euro l'una, per 10 anni, dall'imponibile Irpef o Ires.

Oggi, cedendo questo credito direttamente all'impresa di fornitura infissi, si può ottenere lo sconto di 1.500 Euro immediatamente, pagando la metà il costo delle finestre!

Funziona sempre? Per saperne di più, è sempre meglio valutare il proprio caso concreto...

L'Ecobous per gli infissi al 50% oppure al 65%?

SB Infissi è un'impresa che conosce bene i dubbi dei propri clienti, per questo ha attivato un servizio di consulenza Bonus Infissi, in grado di fornire un orientamento completo a chi desidera rinnovare finestre e serramenti.

Dalla sede di Lercara Friddi, in provincia di Palermo, l'azienda è molto attiva sia nella produzione di infissi e oscuranti, sia nelle attività correlate di supporto informativo e burocratico per le pratiche dell'Ecobonus.

Calcolare il costo per le nuove finestre con il Bonus può essere complicato, poiché ci sono alcuni fattori che contribuiscono al prezzo finale, legati sia alle finestre stesse, sia alle percentuali di sconto.

Chiariamo che, di norma, l'agevolazione fiscale sugli infissi è del 50%, come per le ristrutturazioni, è destinata a chi effettua lavori per la riqualificazione energetica su edifici esistenti. Questa detrazione riguarda gli interventi per la sostituzione finestre, ma anche schermature solari, di supporto nell'ambito infissi e serramenti.

La detrazione fiscale al 65%, invece, può avvenire se infissi e schermature solari vengano installate in parti comuni condominiali o in tutte le unità del condominio; comunque, è necessario valutare caso per caso la possibilità.

Questo accade perché ci sono dei vincoli per poter accedere all'Ecobonus: dal fatto che il miglioramento energetico deve riguardare edifici già esistenti e non nuove costruzioni, alla dimensione degli infissi, che deve rimanere uguale a quelli vecchi.

Inoltre, la sostituzione finestre deve migliorare effettivamente l’isolamento termico e l’efficienza energetica dell'edificio, mostrandosi conforme ai principi di trasmittanza termica espressi già da alcune normative del settore.

Dopo aver definito tali criteri, e sostituito gli infissi, ricordiamo che è sempre necessario compilare e trasmettere all’ENEA la documentazione relativa, entro 90 giorni dalla fine dei lavori.

Sono varie le valutazioni e le incombenze per ottenere il Bonus; quindi, la soluzione più semplice è affidarsi ad un'impresa esperta nel settore infissi, che si occupa di ogni aspetto della detrazione fiscale.

Consulenza personalizzata su costi e Bonus

Il servizio di assistenza della SB Infissi nel territorio siciliano, si rivela così fondamentale per determinare ogni fase della sostituzione. Dalla consulenza sul tipo di vetro o profilo delle finestre in base al budget, fino alla possibilità di accedere all'Ecobonus.

L'impresa svolge attività di sopralluoghi senza impegno, dalla sede di Lercara Friddi a Palermo e in tutta la Sicilia; seguiti su richiesta da preventivi dettagliati, informazioni tecniche e burocratiche.

Per entrare in contatto con la SB Infissi:

Telefono per chiamate e Whasapp: 091 821 39 03