CITTÀ DEL VATICANO. Fermare "ogni forma di ostilita' bellica". Nel pieno di un'emergenza "che non conosce frontiere", quella per il Covid-19 in tutto il mondo, Papa Francesco nel corso dell'Angelus di oggi in streaming rivolge un appello per il "cessate il fuoco totale". Il Pontefice ricorda come nei giorni scorsi il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres abbia chiesto un "cessate il fuoco globale e immediato in tutti gli angoli del mondo". "Mi associo a quanti hanno accolto questo appello ed invito tutti a darvi seguito fermando ogni forma di ostilita' bellica, favorendo la creazione di corridoi per l'aiuto umanitario, l'apertura alla diplomazia, l'attenzione a chi si trova in situazione di piu' grande vulnerabilita'", afferma Francesco. Il Papa auspica che l'impegno "congiunto" contro la pandemia possa portare tutti a riconoscere "il nostro bisogno di rafforzare i legami fraterni come membri di un'unica famiglia". "In particolare - aggiunge - susciti nei responsabili delle Nazioni e nelle altre parti in causa un rinnovato impegno al superamento delle rivalita'. I conflitti non si risolvono attraverso la guerra! E' necessario superare gli antagonismi e i contrasti, mediante il dialogo e una costruttiva ricerca della pace".