Condanna a 10 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa per Nicola Cosentino, ex sottosegretario all'Economia ed ex coordinatore regionale del Pdl Campania. La sentenza è stata pronunciata dai giudici della quarta sezione della Corte d'Appello di Napoli al termine del processo Eco4, dal nome del consorzio che si occupava della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti in diversi comuni del Casertano.

In primo grado Cosentino, assistito dagli avvocati Stefano Montone e Agostino De Caro, era stato condannato a 9 anni di carcere e all'interdizione perpetua dai pubblici uffici per concorso esterno in associazione camorristica, con sentenza pronunciata dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere il 17 novembre 2016, dopo oltre 140 udienze. La richiesta della Procura generale di Napoli, espressa nel corso dell'udienza dello scorso 9 dicembre, era di 12 anni di reclusione.

Sono più d'uno i processi, le condanne e le assoluzioni per Nicola Cosentino, ex sottosegretario del governo Berlusconi. L'ultima sentenza in ordine di tempo prima di quella di oggi per concorso esterno, è datata 29 settembre 2020 ed è relativa al processo "Il principe e la scheda ballerina", conclusosi con l'assoluzione.

Ma ancora prima l'ex coordinatore campano di Forza Italia era stato assolto (in via definitiva) anche nel processo cosiddetto "Carburanti". Cosentino, inoltre, ha anche subìto una condanna definitiva per aver corrotto un agente della polizia penitenziaria mentre era detenuto e un'altra, per diffamazione, nell'ambito dell'inchiesta "P3". Nello specifico, l'ex sottosegretario è stato assolto nel processo d'appello "Il principe e la scheda ballerina" dall'accusa di tentativo di reimpiego di capitali illeciti, con l'aggravante mafiosa, in relazione alla costruzione di un centro commerciale (mai edificato) voluto dal clan dei Casalesi a Casal di Principe (in primo grado Cosentino era stato condannato a 5 anni dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere).

Nelle motivazioni alla sentenza di assoluzione, i giudici hanno evidenziato che Cosentino non aveva interesse a realizzare il centro commerciale, mentre le ricostruzioni dei collaboratori di giustizia (fra i quali Nicola Schiavone, figlio del capoclan dei Casalesi Francesco "Sandokan" Schiavone) sono state giudicate generiche, non riscontrate e in molti casi smentite in dibattimento.

Argomentazioni, quelle della pubblica accusa, rintuzzate dagli avvocati difensori di Cosentino, Stefano Montone, Agostino De Caro ed Elena Lepre, convinti che non esistano segni della prestazione di un contributo di Cosentino al clan in 25 anni di attività politica. Per i legali, non c'è un solo segno di un effettivo contributo elettorale che la camorra avrebbe dato a Cosentino, anche perché in passato, quando il clan si è schierato a favore di un candidato alle elezioni politiche, gli esiti sono stati del tutto evidenti.

E quest'accusa, voti in cambio di favori, hanno spiegato gli avvocati, è una delle gambe dell'accordo sinallagmatico che la procura sostiene, ma allo stato - secondo i difensori - non c'è traccia che Cosentino abbia ricevuto i voti della camorra, mentre per quanto riguarda i favori, i legali hanno rammentato non solo che nel frattempo Cosentino è stato assolto negli altri processi dove era imputato con l'aggravante mafiosa, ma anche che nelle decine di altri processi contro il clan dei Casalesi su appalti, grandi opere e così via, non è emerso nessun ruolo di Cosentino. Circostanza, questa, che per i legali porta a concludere che l'ex sottosegretario non può essere il referente nazionale dei Casalesi.