Il lavoro di di sorveglianza sanitaria esercitato dal Tigem, dall'Istituto Pascale e dall'Istituto Zooprofilattico di Portici ha intercettato una nuova variante del Covid-19 in Campania.

LA MUTAZIONE DELLA VARIANTE SUDAFRICANA

Si tratta di una mutazione della variante "sudafricana" ed è stata individuata nella zona dell’Agro Nocerino Sarnese.

"In un cluster dell’agro abbiamo trovato nove campioni positivi alla variante sudafricana mutata - spiega il ricercatore Pellegrino Cerino, dell’Istituto Zooprofilattico di Portici. Con la Asl abbiamo condotto uno screening su duemila persone, ma fortunatamente non abbiamo riscontrato altre presenze di positività riconducibili alla mutazione rilevata".

"Insomma - aggiunge Cerino - da sperimentazioni in laboratorio, è stato possibile accertare che il virus mutato si comporta come quello del ceppo europeo, ed è quindi sotto copertura vaccinale, sebbene la carica di positività risulti un po’ più resistente e si estingua oltre i quindici giorni".

LA VARIANTE SUDAFRICANA PIU' PERICOLOSA PER VACCINO PFIZER

La variante sudafricana del coronavirus appare quella più in grado di 'bucare' il vaccino Pfizer. E' il risultato di uno studio realizzato in Israele dall'università di Tel Aviv e dall'istituto Clalit. Il paese ha usato quasi esclusivamente il vaccino Pfizer per la propria campagna. Le dosi di Moderna, l'altro vaccino mRNA, sono stati impiegate in misura estremamente ridotta.

Lo studio (ancora non sottoposto a peer review, ndr) ha preso in considerazione i campioni di 150 soggetti risultati positivi al coronavirus nonostante la vaccinazione. La prevalenza della variante sudafricana nelle persone vaccinate e positive, secondo le analisi, era 8 volte superiore a quella riscontrata nella popolazione non vaccinata. Sebbene il numero di soggetti esaminati sia limitato, il risultato è ritenuto indicativo.

"Ci saremmo aspettato solo un caso di variante sudafricana, ne abbiamo trovati 8", ha detto la professoressa Adi Stern, che ha guidato la ricerca, al quotidiano The Times of Israel. "Ovviamente, il risultato non mi ha fatto felice". La variante sudafricana, paragonata al ceppo originale e alla variante inglese, "è in grado di violare la protezione del vaccino" anche se servono ulteriori studi per un quadro più preciso. Il professor Ran Balicer, direttore delle ricerche al Clalit, ha definito l'indagine "molto importante.

PRIMO STUDIO SU DATI REALI

"E' il primo" studio "al mondo basato su dati reali e mostra che il vaccino è meno efficace contro la variante sudafricana in confronto" all'efficacia davanti "al virus originale e alla variante britannica". "Questi risultati preliminari -ha aggiunto- rendono necessaria un'attenzione costante alla diffusione di questa variante in Israele e sottolinaeno la necessità di un monitoraggio".