Via libera al decreto Sostegni da parte delle commissioni Bilancio e Finanze del Senato. I lavori, rinviati a più riprese nel corso del pomeriggio di ieri, si sono conclusi nella notte conferendo il mandato ai relatori. Il provvedimento dovrebbe approdare in Aula a Palazzo Madama domani.

Tra gli emendamenti approvati lo stop al pagamento della rata Imu di giugno per i beneficiari dei ristori, l'intervento sulla tassa sull'occupazione del suolo pubblico, Tosap, e l'esenzione dal pagamento del canone Rai per bar, pub e ristoranti. Rinviato al 30 settembre il pagamento dell'Irap da parte delle imprese.

 

Canone Rai cancellato, arriva la svolta

Tutti i contribuenti che rientrino in queste particolari categorie possono richiedere l'esonero del pagamento del canone Rai.

Per poter ottenere l'esonero è necessario presentare la richiesta, che dovrà essere rinnovata ogni anno.

Tutta la documentazione dovrà essere inoltrata tramite posta raccomandata, telematicamente o rivolgendosi ad un Caf.

Canone Rai over 75: come ottenere l'esonero!

Ricordiamo che possono accedere all'esonero del pagamento del canone Rai gli anziani che abbiano compiuto 75 anni entro i 31 gennaio.

Nel caso in cui il compleanno dovesse esserci tra il 1° febbraio e la fine di luglio, l'esenzione spetta solo per la metà dell'importo e solo per il secondo semestre.

E' quindi necessario ricordare che per inoltrare la domanda di esonero la scadenza è doppia:

30 aprile 2021, per le persone che hanno compiuto 75 anni entro il 31 gennaio. In questo caso potranno beneficiare dell'esonero totale del pagamento del canone Rai;

31 luglio 2021 per quanti compiranno i 75 anni entro questa data, che potranno godere dell'esenzione solo per il secondo semestre dell'anno.

 

L'esenzione potrà essere richiesta: utilizzando il sito internet dell'Agenzia delle Entrate: dopo essersi registrati ed essere stati abilitati ai servizi telematici, è possibile presentare la domanda telematicamente ed inviare tutta la documentazione necessaria;

utilizzando un intermediario abilitato: i Caf  o commercialisti inviando una raccomandata al seguente indirizzo: Agenzia delle entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone TV – Casella postale 22 – 10121 Torino.

Sarà necessario allegare anche un documento di riconoscimento in corso di validità; tramite Pec, all'indirizzo: cp22.canonetv@postacertificata.rai.it. in questo caso è necessario possedere la firma digitale.

 

Nel caso in cui i contribuenti stessero versando il canone Rai attraverso le bollette dell'elettricità, ma soprattutto considerando i tempi tecnici che sono necessari all'Agenzia delle Entrate per acquisire le richieste, per quanto arriva entro il 15 del mese dell'addebito, lo stesso sarà interrotto già a partire dalal rata relativa al mese successivo a quello di invio della richiesta.

Ricordiamo che è sempre possibile saldare parzialmente la fattura della bolletta dell'elettricità, scorporando le eventuali rate del canone Rai, non dovute in seguito alla presentazione della dichiarazione sostitutiva.

Quanti, invece, hanno pagato la tassa, pur avendo diritto all'esonero possono chiederne il rimborso, dopo aver presentato la domanda che attesta che siano in possesso dei requisiti.

Addio Imu

Come tutti sanno, l’IMU, cioè l’imposta sulla proprietà degli immobili, è una spesa cospicua a cui sono soggette anche le attività commerciali. Dall’inizio della proclamazione dello Stato di Emergenza si sono susseguiti provvedimenti di esenzione e sospensione dell’imposta proprio per le attività più colpite dalla crisi. Nello specifico esenti dall’IMU 2020 sono stati, come elencato nell'allegato 2 al Decreto legge, tutti gli immobili:

adibiti a stabilimenti termali e balneari (marittimi, fluviali e lacuali);

che rientrano della categoria catastale D/2;

che fanno parte della categoria catastale D e sono utilizzati per organizzazione di eventi e allestimenti di esposizioni.

Seguendo la stessa linea, l’esecutivo attuale sta valutando non solo se prorogare l’esenzione per queste tipologie di immobili, ma anche se includere bar e ristoranti, che potrebbero anche loro essere esenti dall’IMU 2021. In effetti, molti si aspettavano un provvedimento simile, visto il perdurare inaspettato della crisi epidemiologica, che fra gli altri ha sferrato un duro colpo soprattutto alle attività commerciali.

Con la crisi che non accenna a scemare l’esenzione dal pagamento dell'imposta per il 2021 anche a bar e ristoranti ci sembra una cosa dovuta.

Ad ogni modo, fino adesso non esiste ancora una proposta o una bozza scritta di legge, per la quale comunque non sembra dovremmo aspettare molto, visto che il DL Sostegni bis dovrebbe essere in lavorazione tra pochissimo.

 

Esenzioni IMU 2021 per alcune tipologie di immobili

A partire dal 2021 la legge (n. 178 del 2020, articolo 1, comma 48) ha previsto anche uno sconto, del 50% o del 75%, sul pagamento dell’IMU per i cittadini italiani titolari di una pensione estera, che siano anche proprietari di un immobile in Italia.

Secondo le nuove disposizioni i soggetti in queste condizioni sono anche esenti dal pagamento della TARI se l’immobile non produce rifiuti, cioè se non è utilizzato.

eADV

Lo sconto del 50% sull’IMU si applica per questi soggetti relativamente al periodo di non utilizzo del’immobile. Mentre, lo sconto del 75% è applicabile quando l’immobile è affittato a terzi secondo il regime del canone concordato.

La possibilità di avere uno sconto sulle rate dell’IMU 2021 è data anche ad alcune altre tipologie di immobili.

In base al comma 746, articolo 1, della legge n. 160 del 2019 i proprietari di immobili inagibili, non utilizzati o non abitabili possono godere anche loro dell'esenzione. Mentre, se l’immobile è usato solo per un periodo di tempo all’anno si può richiedere il 50% di sconto sull’importo dell’IMU. Ovviamente, questa riduzione si applica solo ai periodi in cui l’immobile risulta non abitato.

Hanno diritto ad uno sconto sull’IMU del 50% anche quelli che lasciano un immobile in comodato d’uso gratuito a un figlio o un genitore, se questo diventa la sua principale residenza.