Il feretro di Alexei Navalny è arrivato nella chiesa dell'Icona della madre di Dio nel quartiere di Maryno, a sud-est di Mosca, dove si stanno svolgendo i funerali del dissidente morto il 16 febbraio scorso nella colonia penale di Kharp in cui era detenuto. Dopo la cerimonia, l'oppositore sarà sepolto alle 16 (ora locale) presso il cimitero Borisovskoe.

Nonostante la massiccia presenza della polizia russa, una folla di persone ha aspettato l'arrivo del feretro di fronte alla chiesa, riporta il Moscow Times, che pubblica sui social il video di centinaia di persone, molte con un fiore rosso in mano che aspettano dietro le transenne piazzate dalla polizia intorno a tutto il perimetro della chiesa. Le stesse misure sono state adottate intorno al vicino cimitero dove verrà sepolto. La coda all'esterno della chiesa, spiega Sota Vision, è lunga oltre un chilometro: giovani e anziani in fila, il coro grida 'Navalny, Navalny', applausi per il dissidente.

Dalla sua morte centinaia di persone sono state arrestate per aver depositato fiori alla sua memoria. Secondo Ostorozhno Novosti, la polizia sta controllando, anche con pattuglie a cavallo, l'intera area dove, denuncia il media indipendente, si registrano problemi con la rete Internet.

La portavoce di Navalny ha ringraziato tutte le persone che si sono recate ai funerali del dissidente. "Sono molto grata a coloro che sono venuti in chiesa oggi e a coloro che verranno al cimitero", ha detto Kira Yarmysh al canale YouTube organizzato dai sostenitori di Navalny per l'occasione. "Tutti coloro che sostengono Alexey e ne scrivono, è molto importante ora e lo sarà ancora di più in seguito. Quindi, per favore, non fermatevi". "Ci attendono tempi più duri e lotte più grandi", ha aggiunto. "Quindi non possiamo assolutamente arrenderci. Dovremmo continuare a parlarne e dovremmo ricordarcelo".

La denuncia: "Segnale internet bloccato". Il team Navalny denuncia intanto problemi con la rete Internet nella zona della chiesa, che rendono difficile la diretta streaming annunciata online. Anche la Cnn sul suo sito riporta che il segnale video della sua troupe che sta coprendo l'evento appare bloccato. "Circa 20 minuti prima del previsto inizio del funerale, non sono disponibili immagini dal vivo della chiesa", si legge sul sito dell'emittente americana.

Peskov: da Cremlino nulla da dire alla famiglia, avvertimento su raduni non autorizzati. "Il Cremlino non ha nulla da dire alla famiglia di Navalny nel giorno del suo funerale", ha dichiarato ai giornalisti Dmitry Peskov. Il portavoce del Cremlino non ha voluto dare una valutazione di Navalny come figura politica e ha ribadito che qualsiasi raduno non autorizzato viola la legge. "Di conseguenza, coloro che vi partecipano saranno ritenuti responsabili".

"Voglio ricordare che la legge deve essere seguita, ogni raduno non autorizzato sarà in violazione della legge e quelli che parteciperanno ne dovranno rispondere, sempre nel rispetto delle normative vigenti", ha detto il portavoce Dmitry Peskov. L'entourage di Navalny avrebbe voluto che il funerale si svolgesse ieri, ma non c'è stata alcuna risposta positiva alle richieste di un luogo, forse perché in coincidenza del discorso di Vladimir Putin all'Assemblea federale. Ieri, in oltre due ore di discorso in Parlamento, Putin non ha fatto il minimo accenno al dissidente russo. La scelta di ignorare completamente Navalny, dopo che la vedova è intervenuta mercoledì al Parlamento europeo, non può certo sorprendere. Putin è noto per non aver mai menzionato in pubblico Navalny, indicandolo di volta in volta come "quel signore", "quella persona", "una certa forza politica". Il team Navalny ha intanto chiesto ai sostenitori dell'oppositore russo che non hanno potuto partecipare oggi ai funerali a Mosca di organizzare delle cerimonie in sua memoria in altre città russe questa sera.

Cimitero sotto stretta sorveglianza. La polizia russa ha intanto iniziato già da ieri a sorvegliare il cimitero moscovita di Borisovskoe. Il canale Telegram "We can explain" affermava infatti che agenti di polizia erano impegnati a chiedere i motivi della visita, esaminando i documenti, perquisendo chi entrava nel cimitero e spiegando di essere impegnati nella "prevenzione di operazioni terroristiche". RusNews riferiva di pattuglie di agenti attorno al cimitero, mentre venivano predisposte recinzioni metalliche e installate telecamere sui lampioni. Altri agenti stazionavano davanti alla vicina uscita della metropolitana.

La moglie Yulia: "Non so se polizia arresterà chi verrà a dirgli addio". "Pensavo che avrei avuto tempo per preparare questo discorso, ma prima abbiamo impiegato una settimana ad ottenere il corpo di Alexey e per organizzare il funerale. Poi ho scelto il cimitero e la bara. Il funerale si terrà dopodomani e non sono sicura se sarà pacifico o se la Polizia arresterà coloro che verranno a dire addio a mio marito", le parole della vedova Yulia Navalnaya ieri a Strasburgo.

La mossa di Mosca, video nelle scuole alla vigilia del funerale. Intanto, alla vigilia dei funerali e a due settimane dalla morte, il ministero dell'Istruzione in Russia ha riproposto sulla piattaforma per gli insegnanti Edinyurok.rf un video diretto agli studenti e ai loro docenti in cui si ribadisce la proibizione a partecipare a manifestazioni non autorizzate.

Il video di tre minuti "per la prevenzione della partecipazione di minorenni a manifestazioni non autorizzate", già diffuso la prima volta l'agosto del 2022, mostra spezzoni di proteste e ricorda che gli organizzatori di 'rally' sono tenuti a coordinare la loro azione con le autorità.

In caso contrario, la protesta, si sottolinea, è illegale. Come negli Stati Uniti e i diversi Paesi europei, dove, per aver partecipato a un evento illegale, "rischi multe enormi o anche fino a dieci anni di carcere". La piattaforma "lezioni unificate", voluta dalla Presidente del Consiglio della Federazione e introdotta nel 2015, Valentina Matviienko, propone materiali per insegnanti caldeggiati dal ministero.

Ai funerali presente l'incaricato d'affari italiano. L’incaricato d’affari dell’ambasciata d’Italia a Mosca parteciperà ai funerali di Navalny, si apprende intanto da fonti della Farnesina, secondo cui su istruzioni del ministro degli Esteri Antonio Tajani, il numero due dell’ambasciata, Pietro Sferra Carini, seguirà la cerimonia in chiesa.