NAPOLI. Una differenza non più digeribile, né dal punto di vista logico né, soprattutto, da quello economico. I ristoratori delle attività prive di spazi all’aperto chiedono di tornare a lavorare al pari di chi occupa il suolo pubblico e cominciare a invertire una crisi non più gestibile.