TORINO. Da due anni fingeva di essere paraplegico per percepire un maxi risarcimento di 1,2 milioni di euro e pensioni vitalizie per 5mila euro al mese. L'uomo, un medico anestesista iraniano di 56 anni residente a Torino, è stato però smascherato dai carabinieri e arrestato. Nel 2012 il falso invalido aveva simulato una caduta dalle scale dall'ospedale in cui lavorava, Le Molinette, poi aveva raccontato di avere una diminuita sensibilità alle gambe e al braccio destro, oltre ad aver perso la vista dall'occhio destro e al persistente dolore alla spina dorsale, che lo obbligava a stare su una sedia a rotelle. I carabinieri però lo hanno tenuto d'occhio e seguito: l'uomo faceva una vita assolutamente normale; andava al bar con gli amici, sulle sue gambe, si occupava personalmente dei lavori di ristrutturazione della sua villa, faceva la spesa spingendo il carrello del supermercato, caricava un sacco di cemento sull'auto, che regolarmente guidava, salvo poi farsi accompagnare da un complice quando doveva presentarsi alle visite di controllo.