Condanna all’ergastolo per Vincenzo Paduano, il vigilante in carcere per l’omicidio dell'ex fidanzata Sara Di Pietrantonio, uccisa e data alle fiamme il 29 maggio 2016 in via della Magliana a Roma. A deciderlo i giudici della Corte d'Assise d'Appello dopo che la Cassazione lo scorso aprile aveva disposto un processo d'appello bis, ritenendo il reato di stalking non assorbito in quello di omicidio, come invece sostenuto nel primo processo d'appello.

Paduano è stato condannato così per due reati distinti, l'omicidio pluriaggravato e lo stalking accogliendo la decisione dei giudici della Suprema Corte che nelle motivazioni della sentenza avevano sottolineato come "la tesi per la quale il delitto di omicidio aggravato assorbe il delitto di atti persecutori è errata".