In vista dell'anno da Capitale italiana della Cultura, Procida implementa la sua mobilità, con l'obiettivo di disincentivare il trasporto privato e alimentare quello pubblico avvicinandosi a un'imminente svolta green.

Da sono oggi stati trasferiti sull'isola e già messi in esercizio due nuovi bus, forniti dalla Regione Campania, modello Citytour della Volskwagen della lunghezza di 5,60 metri, adatti alla circolazione sulle strade dell'isola, con una capacità di 20 passeggeri.

3 BUS A TRAZIONE ELETTRICA

In queste ore inoltre è in prova per le strade del centro storico dell'isola un bus a trazione elettrica della lunghezza di 6 metri e in grado di trasportare fino a un massimo di 35 passeggeri: in attesa dell'esito del test, l'Eav pensa dunque ad abbracciare la mobilità sostenibile.

Sono previsti 3 bus elettrici per Procida capitale della Cultura 2022. Proprio oggi a Procida è arrivata una delegazione di Eav (holding dei trasporti della Regione Campania), guidata dal presidente Umberto De Gregorio, con gli ingegneri Mariano Vignola che ha incontrato il sindaco Dino Ambrosino e la giunta.

LE INIZIATIVE DA METTERE IN CAMPO 

"L'appuntamento è stata l'occasione per ragionare su tutte le possibili iniziative in comune da mettere in campo in previsione di Procida 2022 in accordo con la Regione", spiega De Gregorio.

"Il progetto per migliorare e implementare la mobilità terrestre per la comunità procidana è realtà", commenta Lucia Mameli, assessora con delega ai Trasporti del Comune di Procida. "Grazie alla sinergia tra amministrazione e Eav - aggiunge Mameli - riusciamo, nell'ambito del piano di rinnovamento del parco bus della Regione Campania, a coprire alcune zone dell'isola ancora prive del servizio pubblico. Due anni fa ci erano stati consegnati i primi bus per il trasporto delle persone con mobilità ridotta, oggi inizia anche la prova su strada del primo bus elettrico. Non possiamo che dirci pienamente soddisfatti".

Agostino Riitano, direttore di Procida 2022, sottolinea: "Nel nostro programma di azioni abbiamo elaborato un 'piano per la gestione sostenibile' degli eventi, declinando puntualmente le policy da realizzare verso, durante e dopo l'anno da Capitale della Cultura. La sfida della mobilità sostenibile e a impatto zero sull'ambiente  è uno dei punti chiave del nostro dossier", conclude.