Il Pontefice emerito ha chiesto di togliere la firma dal libro che uscirà domani in Francia in difesa del celibato. La conferma arriva dal segretario personale di Benedetto XVI, mons. Georg Gaenswein. "Posso confermare - dice Gaenswein contattato dall'Adnkronos - che questa mattina su indicazione del Papa emerito ho chiesto al cardinale Robert Sarah di contattare gli editori del libro pregandoli di togliere il nome di Benedetto XVI come coautore del libro stesso e di togliere anche la sua firma dall'introduzione e dalle conclusioni".

In seguito alla richiesta, il porporato ultra-conservatore ha quindi annunciato che l'autore del libro sarà lui. "Considerando le controversie che hanno provocato la pubblicazione del libro 'Dal profondo del nostro cuore', si decide che l’autore del libro sarà per le pubblicazioni future il card. Sarah, con il contributo di Benedetto XVI. Tuttavia, il testo completo rimane assolutamente invariato", ha detto. Il pensiero di Ratzinger resterà comunque sul tavolo, come contributo.

Nelle ultime ore, proprio attorno alla firma di Benedetto XVI, si era creato una sorta di giallo. Ieri l'entourage di Benedetto XVI, dal Mater Eccleasiae, aveva infatti fatto trapelare che il Pontefice emerito non era a conoscenza del progetto. Benedetto XVI "non ha scritto un libro a quattro mani con Sarah e non ne ha mai visto né autorizzato la copertina", ha scritto la 'La Nación', citando una fonte vaticana vicino a Ratzinger.

Ma questa mattina, il cardinale Sarah ha respinto l'ipotesi che il Papa emerito fosse all'oscuro che gli appunti sul celibato sarebbero finiti in un libro. "Dichiaro solennemente che Benedetto XVI sapeva che il nostro progetto avrebbe preso la forma di un libro. Posso dire che abbiamo scambiato diversi test per stabilire le correzioni. Stamattina rilascerò una dichiarazione più dettagliata per ristabilire la verità", ha scritto il porporato ultraconservatore su twitter.

Come in una memoria difensiva circostanziata, Sarah ha quindi dato la sua versione dei fatti. "Il 5 settembre, dopo una visita al monastero della Mater Ecclesiae dove abita Benedetto XVI, scrissi al papa emerito per chiedergli se fosse possibile comporre un testo sul sacerdozio cattolico, con particolare attenzione riguardo al celibato", spiega Sarah, che poi aggiunge: "Gli ho spiegato che io stesso avevo iniziato una riflessione nella preghiera. Ho aggiunto: 'Immagino che penserà che le sue riflessioni potrebbero non essere tempestive a causa delle controversie che potrebbero provocare sui giornali, ma sono convinto che l’intera Chiesa abbia bisogno di questo dono, che potrebbe essere pubblicato a Natale o all’inizio del 2020'".