CASERTA. Arrestato per abuso su minore l'ex sacerdote della parrocchia di Trentola Ducenta, don Michele Mottola, originario di Caivano. La misura cautelare in carcere è scattata questa mattina a seguito di una indagine coordinata dalla Procura di Napoli Nord che si è avvalsa di registrazioni audio, messaggi e testimonianze. La bambina all'epoca dei fatti frequentava assiduamente la parrocchia. Tutto inizia nel maggio scorso quando la bambina, 11 anni, si presenta insieme ai genitori in Curia con delle registrazioni audio che la stessa vittima aveva fatto con il cellulare. Dalle registrazioni si sentiva il prete chiedere alla bambina dei baci, e poi sussurri e sospiri.  Elementi che portano immediatamente nel maggio scorso il vescovo Spinillo a sospendere don Mottola e al divieto di celebrare pubblicamente messa e a qualsiasi contatto con i fedeli. Nello stesso momento, il presule invita i genitori della bambina ad andare a denunciare quanto accaduto. Cosi' mentre la Diocesi di Aversa ha gia' aperto un procedimento canonico contro il sacerdote, la procura di Napoli Nord, dopo la denuncia in Commissariato ad Aversa dei genitori della bambina, avvia le indagini. La vicenda arriva alla ribalta nazionale la scorsa settimana quando i genitori alle “Iene" fanno ascoltare gli audio registrati dalla bambina e raccontano quanto accaduto.