Lite con accoltellamento in piena notte nel centro di Benevento. Un 19enne è stato fermato per il tentato omicidio di un 37enne, ferito con tre coltellate al torace e al fianco sinistro, e ora ricoverato in prognosi riservata, non in pericolo di vita, all'ospedale Fatebenefratelli di Benevento. L'episodio si è verificato in piazzale Vari, uno dei luoghi maggiormente frequentati della movida beneventana, intorno alle 3.45, nei pressi di un noto locale. Qui è scoppiata una lite tra ragazzi, nata per futili motivi, nel corso della quale il 19enne, già noto alle forze dell'ordine, dopo aver tirato fuori un coltello ha colpito con violenza e per tre volte il 37enne, di Casalduni (Benevento).

A dare l'allarme i ragazzi presenti sul posto che hanno osservato la scena e avvertito i Carabinieri, accorsi immediatamente sia sul posto che in ospedale. Le prime indagini, condotte dal Nucleo operativo e radiomobile e dalla Stazione di Benevento, hanno consentito, grazie anche alle visione delle immagini delle telecamere di videosorveglianza cittadine e dei locali presenti in zona, di individuare subito il 19enne, che è stato fermato e dovrà rispondere del reato di tentato omicidio e porto di armi o di oggetti atti ad offendere. Il giovane è stato portato in carcere, secondo quanto disposto dalla Procura di Benevento.

"Uscire di notte con una lama in tasca è l’esatto contrario del concetto di divertimento e dare vita ad una rissa, per uno sguardo di troppo o per una parola sbagliata, non è da duri che sanno farsi rispettare, ma da stupidi che rischiano di rovinare le vite proprie e altrui". Così il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, commentando il ferimento avvenuto nel centro cittadino la scorsa notte, per il quale è stato fermato un 19enne. "Ai giovani - aggiunge Mastella - dico di riflettere e usare il cervello, alle famiglie di vigilare e non sottovalutare i segnali-spia mentre le istituzioni aumentino gli sforzi per contrastare la violenza. Noi come Amministrazione abbiamo messo in campo tante iniziative per contrastare la devianza e avviare i ragazzi verso percorsi giusti, ma di fronte a giovanissimi che escono col coltello nei pantaloni e sono pronti a usarlo in piena notte per un nonnulla, siamo tutti coinvolti in una sfida educativa".

Mastella ricorda che "le forze dell’ordine, in questo caso i Carabinieri, hanno svolto indagini celeri e hanno già individuato il presunto accoltellatore: a loro diciamo grazie. Degli aspetti penali si occuperanno magistratura e avvocati. L’amarezza resta: Benevento è più sicura, lo dicono i dati, di molte altre città italiane. Ma certo non c'è immunità da fenomeni come la violenza giovanile che ormai sta assumendo i contorni di un’emergenza nazionale. Alle famiglie e agli operatori della scuola dico che l’Amministrazione comunale c'è e sostiene chi vuole prevenire degenerazioni e intervenire su situazioni critiche o di vulnerabilità sociale: non arrendiamoci all’abitudine di dover considerare inevitabile ciò che non lo è", conclude Mastella.