CASERTA. Ha picchiato la sua ex convivente con calci, pugni e schiaffi anche quando era incinta e, successivamente, anche quando teneva in braccio la figlia neonata per poi incendiare per vendetta quattro auto di persone conoscenti della giovane donna. Autore delle violenze un giovane di 25 anni, G.F. di Falciano del Messico, nel Casertano, arrestato dai carabinieri per maltrattamenti ed atti persecutori nei confronti della ex compagna. L'ordinanza cautelare è stata firmata dal gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere su richiesta della locale Procura della Repubblica. Il giovane, non accettando la fine della relazione, dopo che l'ex compagna era fuggita trovando riparo a casa della madre, l'ha perseguitata con messaggi e ritorsioni, incendiando poi quattro auto di persone conoscenti della famiglia della donna che erano parcheggiate nei pressi della loro abitazione. L'indagine è nata proprio dalla denuncia presentata dalla ragazza che, dopo l'ennesima aggressione subita dal convivente, ha deciso con coraggio di raccontare tutte le violenze e vessazioni protrattesi durante la sua relazione con l'uomo che ora si trova nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.