NAPOLI. Il Consiglio di Stato ha accolto i ricorsi depositati ieri dalla Regione e dal Formez. Sospesa, quindi, l'ordinanza del Tar Campania. Il tribunale amministrativo aveva sospeso il concorso per sospetta violazione dell'anonimato, relativamente alla selezione dei laureati. È fissata la Camera di Consiglio, per la discussione, il 5 marzo prossimo. Il Consiglio di Stato ha ammesso con riserva i candidati esclusi che avevano presentato ricorso. Da lunedì riprendono le prove.

DE LUCA. «Informiamo le migliaia di giovani che hanno partecipato al concorso della Regione Campania, che il Consiglio di Stato ha annullato la sospensiva del Tar Campania». Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. «Dunque il concorso andrà avanti sino alla sua conclusione. Arriveremo, come ci siamo impegnati a fare con grande tenacia e determinazione, all'obiettivo finale che ci siamo prefissati: dare un lavoro stabile a diecimila giovani diplomati e laureati della nostra regione, con il primo blocco di circa tremila giovani già entro il mese di marzo di quest'anno. Un obiettivo straordinario che cambierà la vita a migliaia di ragazzi e ragazze e che ci aiuterà a bloccare il flusso di emigrazione dalla Campania verso il resto d'Italia e del mondo, e che ci auguriamo diventi un modello per un Piano per il Lavoro per tutto il Sud e per l'Italia. Nel frattempo è già partito un altro concorso per 650 posti nei Centri per l'Impiego».