CASTEL VOLTURNO. C'era una quinta persona nell'auto finita nella scarpata, in via Consortile  a Castel Volturno, dove ieri mattina, all'alba, sono morti tre cittadini ghanesi e un quarto, un nigeriano è rimasto gravemente ferito. Gli agenti della polizia Polizia Stradale di Caserta, guidata dal Vice Questore Giovanni Consoli, hanno arrestato questa quinta persona, che era il conducente della Citroen Xsara, la vettura dello schianto. Si tratta di S.M., 35enne del Niger regolare sul territorio nazionale fino a qualche anno fa, ieri mattina è scappato senza prestare i soccorsi, dopo l'incidente. L'immigrato ora si trova in stato di fermo nel carcere di Santa Maria Capua Vetere con le accuse di omicidio stradale plurimo ed omissione di soccorso. Dopo il terribile schianto, nonostante le ferite era fuggito e solo oggi si è recato  alla clinica Pinetagrande per farsi medicare  ma qui, intanto gli agenti avevano già ricostruito la dinamica dello schianto, lo hanno riconosciuto  e fermato. Infatti appena dopo le medicazioni per le ferite il 35enne è stato arrestato e portato in carcere. Si attendono anche i risultati degli esami tossicologici e risultati dell'autopsia dei tre giovani morti. Ci sono ancora elementi che non sono chiari in questa vicenda, secondo gli investigatori. Il ferito trasportato al Cardarelli è risultato positivo agli esami tossicologi e un altro elemento sui cui stanno lavorando i poliziotti è sulla provenienza della vettura, tra l'altro l'auto era senza copertura assicurativa, non era intestata a nessuno dei cinque immigrati ma ad una società del Frosinate.