MONDRAGONE. Nel pomeriggio di domani è confermato l’arrivo del leader della Lega, Matteo Salvini, a Mondragone. «Non ci sarà una manifestazione - dice Schiappa - ma incontri con i cittadini e con i consiglieri». Intanto, dai palazzi spuntano striscioni a favore del leader della Lega. E questo è certamente il segnale evidente che su questa storia i partiti politici stanno giocando la loro campagna elettorale per le prossime regionali. Lui risponde subito su twitter: “Amici, metterò tutto il mio costruttivo impegno per aiutare questa comunità, per troppo tempo dimenticata dal governatore del Pd e lasciata in balia di rivolte dei Rom e scontri sociali”.

«Mi meraviglia che il senatore Salvini intenda visitare Mondragone domani. Sarà per lui un'ottima occasione per sperimentare con mano la puntuale gestione dell'emergenza sanitaria da parte del presidente De Luca», dice Leo Annunziata, segretario regionale della Campania del Partito democratico. Lo si vede «in Campania solo in periodi elettorali», evidenzia Annunziata.

«Il deserto delle idee rischia di tradursi in un deserto occupazionale - replica per la Lega Severino Nappi - Le responsabilità non sono soltanto dell'emergenza, ma di chi ha preferito gestirla con gli slogan piuttosto che destinando sostegni a fondo perduto alle aziende e facendo del 2020 un anno bianco fiscale. Governo e Regione Campania hanno ancora poco tempo per correre ai ripari: lo facciano immediatamente. Poi penserà il centrodestra, dopo che avrà vinto le elezioni Regionali e poi quelle Politiche, a rimettere in moto la Campania e l'intero Paese con le uniche ricette possibili, che funzionano, cioè quelle liberali».

«Salvini , novello don Chisciotte, con macchie e con paura politica di scendere sempre più nella percezione emotiva popolare, ora ha deciso di dare lezioni al governatore della Campania sulla vicenda Mondragone. Anziché pensare alla gestione catastrofica del suo governatore lombardo con migliaia di morti, da noi poche centinaia, e con contagi che ancora non calano, viene a dare lezioni senza senso politico ed umano - conclude Clemente Mastella, leader di “Noi Campani” -Una vergogna. Quanto ai problemi sanitari non abbiamo bisogno di lezioni salviniane».

«Ci sono due virus contro cui un Paese serio di questi tempi deve combattere : uno e' il Covid19 e l'altro e' lo sfruttamento. La vicenda di Mondragone e quella del magazzino trasporti di Bologna ci dicono questo», afferma il portavoce nazionale di Sinistra italiana, Nicola Fratoianni che annuncia che presenterà un'interrogazione parlamentare al governo sulla vicenda bolognese.