Con 155 voti a favore, 102 contrari e 4 astenuti, il Senato, a voto segreto, ha approvato un ordine del giorno presentato da Leu che chiedeva il riesame, da parte della Giunta delle Elezioni, degli atti relativi alla contestata elezione di Vincenzo Carbone, eletto in Forza Italia e ora in Italia viva, con il conseguente subentro di Claudio Lotito, autore del ricorso. Carbone, eletto in Campania come il presidente della Lazio, resta quindi in carica, in attesa che il caso venga nuovamente esaminato dalla Giunta, che il 24 settembre dello scorso anno aveva annullato l'elezione di Carbone e disposto il subentro di Lotito.