Due poliziotti circondati e aggrediti da un gruppo di persone intervenute in difesa di alcuni ragazzi fermati perché trovati a bere e bivaccare ieri dopo le 22, in violazione del coprifuoco. È successo in piazzetta Cavour, nel Rione Tescione, quartiere popolare di Caserta.  

I due agenti della Squadra Volante della Questura di Caserta, diretta da Luigi Ricciardi, hanno fermato tre giovani di età compresa tra i 18 e i 20 anni. Alla richiesta degli agenti di mostrare i documenti, i giovani hanno reagito con arroganza, rifiutando di esibirli e chiamando subito parenti e conoscenti in soccorso. In breve tempo dai palazzi circostanti sono giunte una quindicina di persone, che hanno accerchiato i poliziotti.

Alcuni residenti, tra cui il padre di un ragazzo sottoposto a controllo, hanno aggredito gli agenti, buttandoli a terra, strappando loro la divisa, il tutto mentre altre persone aizzavano gli aggressori, sputavano verso i poliziotti e li offendevano. Ad uno dei due poliziotti è stato strappato il cinturone, e la fondina con la pistola si è rotta. Intanto un'altra persona, che è stata denunciata, ha anche sottratto documenti dall'autovettura degli agenti. Poco dopo sono arrivate quattro volanti che sono riuscite a riportare la calma e arrestare gli aggressori più esagitati. Per loro il pm disposto il carcere.

Si tratta di un 18enne diventato maggiorenne a febbraio, del padre 57enne con precedenti e di un 29enne.