Gli avvocati di Giovanni Limata ed Elena Gioia, i due fidanzati che lo scorso 23 aprile hanno ucciso il padre di lei, Aldo Gioia, 53 anni, hanno ritirato il ricorso al Tribunale del Riesame per l'annullamento o l'attuenazione della misura cautelare della custodia in carcere.

Resteranno quindi in carcere i due ragazzi, che la notte dell'omicidio hanno entrambi confessato il delitto, consumato mentre l'uomo dormiva sul divano di casa.

L'udienza del riesame era prevista per questa mattina, ma gli avvocati Vanni Cerino, difensore di Elena, e Mario Villani, difensore di Giovanni, hanno ritirato il ricorso.